Magazine Società

Il lavoro rende liberi

Creato il 11 dicembre 2012 da Hydepank

Ho attraversato un mare scuro. Non c’è stato tempo di tentennare, c’era da prendere le armi contro un mare di guai e non ci si poteva tirare indietro. Non è sempre vero che chi si prende le responsabilità si prende gli onori. Soprattutto quando le responsabilità comportano di portare a riva una barchetta fragile in un mare tempestoso e infestato di squali. Cinque mesi per portarla in porto, senza onori, rinunciando ai soldi e al lavoro per evitare il peggio, cercato e voluto con determinazione. Da altri. Per arrivare dove si è arrivati, cioè a fermarsi. Ho imparato una cosa: mai più vento in faccia senza avere un tornaconto, soprattutto mai più mettere la faccia su progetti di cui non puoi di fatto tirare le fila. Non è un valore il sacrificio per la causa, se è una causa persa.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il maxischerno

    maxischerno

    Quando la mia amica Claudia mi ha avvisato pensavo ad uno scherzo, ed invece è tutto vero. Il sindaco leghista del comune di Corbetta (MI) ha organizzato, per l... Leggere il seguito

    Da  Flyguyit
    SOCIETÀ
  • Il professore e il piazzista

    Due dichiarazioni, distanti pochi giorni l’una dall’altra, scuotono la politica in questo afoso mese di luglio : il Premier M. Leggere il seguito

    Da  Malpaese
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Il deserto

    deserto

    Pantheon, stra-pieno centro storico di Roma, stra-pieno giorno, ecco il gazebo Pdl messo in piedi dopo l'annuncio della ridiscesa in campo di B. Fonte: Non... Leggere il seguito

    Da  Andrea86
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Il debito

    debito

    "Delle innumerevoli storie meravigliose che il Moro mi raccontava, la più meravigliosa, quella che amavo più di tutte era la storia di Hans Röckle. Durò pe... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • il giocoliere

    giocoliere

    Guy Debord non è stato sepolto. Secondo le sue volontà, i suoi resti sono stati cremati e poi dispersi nel vento, lungo uno dei suoi amati lungosenna. Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Il Principe, il cavallo e il calice avvelenato.

    Principe, cavallo calice avvelenato.

    Riflessione sulla realtà e l'immaginazione. Speravo di sentirlo svanire nella foresta nera, e per sempre, il nitrire e il calciare festoso del suo cavallo... Leggere il seguito

    Da  Bibolotty
    DIARIO PERSONALE, SOCIETÀ, TALENTI
  • Il silenzio

    silenzio

    Non solo gli italiani sono andati in vacanza (alcuni, non tutti). Ma anche certe notizie (alcune, non tutte). Oggi Il fatto quotidiano torna a titolare in... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ

Magazine