Magazine Società

Il mediatore con la mafia

Creato il 24 aprile 2012 da Funicelli

Il senatore Marcello Dell'Utri è stato il «mediatore» dell'accordo protettivo per il quale Berlusconi, in «posizione di vittima», pagò alla mafia «cospicue somme» per la sua sicurezza e quella dei suoi familiari. Lo ha scritto la Corte di cassazione nelle motivazioni della sentenza che ha annullato con rinvio la condanna per concorso esterno in associazione mafiosa al politico palermitano.
E ancora:
secondo la Cassazione i giudici della Corte d'appello di Palermo hanno valutato in maniera «corretta» le «convergenti dichiarazioni» di più collaboratori sul tema «dell'assunzione, per il tramite di Dell'Utri» dello stalliere Vittorio Mangano «ad Arcore, come la risultante di convergenti interessi di Berlusconi e di Cosa Nostra». Viene ritenuta provata anche la «non gratuità dell'accordo protettivo, in cambio del quale sono state versate cospicue somme da parte di Berlusconi in favore della mafia». Ancora, si legge, che l'ingaggio di Mangano «indipendentemente dalle ricostruzioni dei cosiddetti pentiti, è stato congruamente delineato dai giudici di merito come indicativo, senza possibilità di valide alternative, di un accordo di natura protettiva e collaborativa raggiunto da Berlusconi con la mafia per il tramite di Dell'Utri che, di quella assunzione, è stato l'artefice grazie anche all'impegno specifico profuso da Cinà». [corriere online]


Parliamo di Marcello Dell'Utri, senatore della repubblica, e di Silvio Berlusconi, ex presidente del Consiglio nonchè presidente del Pdl (e sempre in senato, c'è il presidente Schifani indagato per concorso esterno).
Non ho altre parole da aggiungere.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il lavoro

    Se Monti, e il neo ministro Passera hanno una sfida da raccogliere e vincere, è proprio quella del lavoro. Il lavoro che si perde, che viene portato all'estero... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il “noi” e il “me”

    Quando è fine a se stesso, lo sfoggio di cultura è estremamente fastidioso, però questo vale solo per noi laici: anche quando sembra citare solo per il gusto... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Il dilemma

    Punire i corrotti, come vorrebbe la maggioranza degli italiani, o punire i soliti noti (chi ha sempre pagato le tasse, i pensionati, chi ha reddito da... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il ritornello

    ritornello

    Quando si trova un ritornello, lo si ripete all’infinito. I destrorsi della (ex) maggioranza delusi, accasciati per quello che è accaduto, un ritornello... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    SOCIETÀ
  • Il branco

    branco

    Si chiama 'branco'.Dentro non esistono identita ' singole,pensieri o emozioni individuali.Gli individui nel branco non discriminano,non vibrano nella pelle... Leggere il seguito

    Da  Annarosabalducci
    SOCIETÀ
  • Il puparo e il pupazzo

    puparo pupazzo

    Ci eravamo facilmente illusi un mese fa quando Berlusconi rassegnò le dimissioni. Pensavamo che avrebbe lasciato la scena, avrebbe promosso il suo delfino Alfan... Leggere il seguito

    Da  Oblioilblog
    SOCIETÀ
  • il quizzone

    Ma sì, dai, perché ogni tanto non provare a fare un gioco su questa derelitta pagina web che racchiude le idiozie di questo povero disperato? Che poi sarei io,... Leggere il seguito

    Da  Pesa
    SOCIETÀ