Magazine Attualità

Il Msoi organizza una conferenza sulla Cyber Security

Creato il 19 novembre 2013 da Retrò Online Magazine @retr_online

Il logo del Msoi.

Si è tenuta oggi una conferenza dal titolo “Cyber security: la sicurezza degli Stati nell’era di Internet”, presso il Campus Luigi Einaudi di Torino.
Voluto dai ragazzi del Msoi, sezione Piemonte e Valle d’Aosta, il dibattito ha visto la partecipazione del Prof. Ing. Cilli, del dipartimento di informatica della Sapienza di Roma, già consulente delle Forze Armate italiane e dell’ONU per ciò che riguarda la sicurezza dei sistemi informatici, e della dott.sa Bosco, Project Officer presso l’UNICRI.
Il primo dato empirico da registrare, è l’ampia affluenza di ragazzi all’incontro del Msoi. Sottolineano infatti sin da subito gli esperti come l’argomento sia oggi di attualità, ma sarebbe un errore pensare alla problematica in sé come odierna. I problemi legati alla sicurezza di Internet sono contestuali alla nascita stessa della Rete. Dapprima però, l’infrastruttura e i suoi contenuti erano appannaggio di pochi. Si veda il progetto ARPA, e la genesi squisitamente militare della sperimentazione sulle nuove tecnologie; un ambito segreto e specialistico. Successivamente, Internet è diventata l’orizzonte immanente di ciascuno di noi. Così, non solo i privati hanno avuto accesso al nuovo strumento, ancora viziato da alcuni elementi di insicurezza irrisolta, ma anche chi offre servizi si è servito dell’infrastruttura, che aveva il vantaggio di esser gratuita, senza premurarsi di tutelare in maniera specifica il servizio. Un buon esempio, è una centrale elettrica che rifornisca un’intera città e che gestisce con Internet, e le sue applicazioni, la fornitura. Se dovesse essere oggetto di un attacco informatico? Ne deriva la necessità di riflettere sugli aspetti di sicurezza.

Ma in cosa consiste l’attacco informatico?

Spiegano gli esperti che la pericolosità sta nell’informazione veicolata, più che nella tecnologia in sé. Certo, le moderne telecomunicazioni garantiscono viralità prima nemmeno ipotizzabile. Tuttavia, aggiornando le valutazioni di Lenin in ottica 2.0, si può eliminare un Paese isolandolo o “bombardandolo” di false informazioni. Alterando la coscienza, la percezione di quel che accade, si può sferrare un attacco dirompente quanto l’uso di un missile. Nella società dell’informazione, è l’informazione stessa a poter diventare il proiettile dell’attacco in questione.
Basti pensare che si stima che lo spam causi più danni economici in un giorno di quanti ne ha causati l’uragano Katrina negli Stati Uniti. E lanciare un attacco informatico è decisamente meno costoso rispetto a una piattaforma missilistica.
Dunque, quali sono i profili giuridici rilevanti?
Sottolinea la dottoressa Bosco che la legislazione in materia è a base nazionale; ciò, si pone ontologicamente in contrasto col cyberspazio, che ha come carattere precipuo confini tendenzialmente globali.
Occorre trovare un’adeguata cooperazione internazionale ( e il Manuale di Tallin ne è un primo esempio) per definire le fattispecie giuridiche condivise e per perseguire i reati oltre i propri confini.
L’Unione europea sta lavorando a una propria strategia a riguardo. Gli aspetti più “spettrali” del confronto, dovuti al fatto che in prima approssimazione ai più possa sembrare di avere armi spuntate verso questo tipo di illeciti, lasciano spazio alla considerazione che molto possa fare anche l’utente, nel suo piccolo. Sicuramente l’aspetto legislativo è da adeguare, ma perché non riflettere anche su una “patente per l’accesso all’online“? Dopotutto, prima di iniziare a guidare, non siamo forse chiamati a conoscere le regole minime per salvaguardare noi e gli altri? Lo spunto di riflessione offerto dal dibattito del Msoi è lanciato e merita un adeguato approfondimento, al cospetto di una problematica chi si interessa di noi a prescindere del fatto che noi siamo pronti a fare altrettanto.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • IL Passante

    Ad memoria Sei venuto nel blog dimenticato segno del mio essere dinamico un po’ bastonato. Te ringrazio per l’aver cliccato ma non sarai ricompensato con la... Leggere il seguito

    Da  19stefano55
    SALUTE E BENESSERE, SOCIETÀ
  • La terza edizione del belgrade security forum

    terza edizione belgrade security forum

    La settimana scorsa si è tenuta la terza edizione del Belgrade Security Forum organizzato dal Belgrade Fund for Politically Excellence, dal Movimento europeo... Leggere il seguito

    Da  Pasudest
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Il commissario!

    La nomina di Adriano Favre a direttore del Soccorso alpino, corrisponde pienamente al nostro attuale sistema democratico: decide Lui. Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Il sorpasso

    sorpasso

    Il recente sorpasso dello yuan sull’euro per quanto concerne le transazioni finanziarie internazionali rappresenta il coronamento della strategia di ampio... Leggere il seguito

    Da  Eurasia
    ECONOMIA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Le termocamere FLIR Serie K sul podio del GIT Security Award 2014

    termocamere FLIR Serie podio Security Award 2014

    Le termocamere della Serie K di FLIR permettono ai vigili del fuoco di vedere attraverso il fumo, aiutandoli a trovare le vittime in stanze sature di fumo... Leggere il seguito

    Da  Ediltecnicoit
    SOCIETÀ
  • Cyber-security: nuova politica europea

    Cyber-security: nuova politica europea

    “Lo spazio cibernetico è sempre più il luogo della competizione strategica. La sua accessibilità a basso costo e la pervasività lo rendono il luogo ideale per l... Leggere il seguito

    Da  Eurasia
    CULTURA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Il Lungo Il Corto e Il Pacioccone

    Credo questa sia una delle Canzoni per Bambini più mitiche di tutti i tempi. Per il suo ritmo, per la sua innata allegria e per un testo semplice e lineare che... Leggere il seguito

    Da  Rexvonkostia
    SOCIETÀ, TALENTI