Magazine Società

Il Neorenzi

Creato il 01 dicembre 2012 da Tnepd

Il Neorenzi

Il Neorenzi Matteo Renzi mi ricorda il protagonista de “L’avvocato del diavolo”, Kevin Lomax. Un giovanotto capace ma tremendamente ambizioso che viene accalappiato dal Diavolo affinché diventi il suo agente speciale sulla terra.  Renzi si è ritrovato candidato a sinistra perché si è prestato a sfruttare lo stesso equivoco che fece considerare di sinistra uno come Tony Blair. Una sinistra che si autoproclama tale ma che non lo è. Che, nonostante il raggiro, riesce a babbiare i boccaloni addestrati ormai da decenni a vergognarsi di essere di sinistra e a dimenticare quali siano i principi irrinunciabili della sinistra. Ne elenchiamo qualcuno, anzi il più importante? La difesa sempre e comunque delle classi più deboli e meno rappresentate contro le lobby di influenza legate soprattutto al potere del denaro. Altro che Cayman, neoliberismo a schiuma frenata, il cuore è uno Zingales e va, l’Ichino di fronte allo scoglio dei poteri forti e il profumo inebriante di destra monetarista e nuovo secolo americano. Il Neorenzi L’altra sera quando, rispondendo di politica estera nel confronto con DonPeppone, tra tante emergenze internazionali disponibili, ha fatto quel pistolotto ormai cult sulle ragazze iraniane che non possono andare a ballare, ho capito che colui che parlava non era il sindaco di Firenze o il candidato cosìggiovane di centrosinistra ma il diavolo in persona. Un caso di possessione diabolica, insomma. L’Iran infatti è l’ossessione personale di Michael Ledeen e il prossimo obiettivo della trentennale guerra contro il terrorismo del Nuovo Secolo Americano. Coincidenze? Già in un altro post avevo parlato della frequentazione del Giamburrasca descamisado con uno dei più famigerati falchi neoconservatori americani, già mentore di un’altra giovane promessa non mantenuta della politica italiana, Daniele Capezzone. Ledeen non lo si può descrivere in poche parole, perché gli inizi della sua carriera ed influenza risalgono addirittura agli anni settanta, quando in Italia si muoveva tra SISMI e P2, elargendo preziosi suggerimenti su come era meglio per noi comportarci per ottenere il plauso imperiale. Più che storico e politico è un trattato ambulante di spionaggio e intrighi e sembra lo stampo sul quale gli autori di ”X-Files” crearono il personaggio del’Uomo che fuma. Ecco, Ledeen è uno di quelli che “i presidenti passano, ma lui resta”. Ai tempi di Reagan fece da tramite come interprete tra il presidente e Bettino Craxi durante la crisi di Sigonella. Non stupisce che proprio Bobo Craxi abbia lanciato l’allarme per le relazioni pericolose di IrRenzi con questo popo’ di villain. Il sospetto che quelli come Ledeen abbiano fatta pagare cara a Bettino l’insubordinazione  non ce la leviamo dalla testa da quel lontano ormai 1985. Non sto neanche a ricordare che, nel 2001, sul Wall Street Journal, Ledeen salutò come «epica» la vittoria di Berlusconi. Del resto le frequentazioni neocon e neoliberiste del nostro Giannino Stoppani  fanno sicuramente simpatia e curriculum a destra. Cosa che dovrebbe rendere molto ricettive certe antenne. Ma anche se non ci fossero apparizioni diaboliche all’ombra del Matteo, rimane il fatto che la sua agenda è rigorosamente rossoblu, come i colori ammeregani e conservative, il suo programma cento idee in padella del GuruGori è il solito piano di rinascita democratica con meno Berlusconi – ormai agente bruciato – e più Berluschini, tutti prostrati, in grembiulino e cappuccio deviati al monoteismo dell’Euro. L’euro è il Signore e Mario Monti è il suo profeta. E ricordate che “ce lo chiede l’Europa”. Volete dirle di no, alla zoccola? Sappiatelo, o inculoprendenti di tipo A – perché quelli di tipo B votano ancora B., appunto – che comunque rivoterete domani rivoterete non per il cosiggiovane o per l’apparato, per il parroco o il chierichetto, per il vecchio o presunto nuovo, ma per coloro che di voi se ne strafottono e pensano sempre di fregarvi mandandovi il candidato simpaticone, con il sorriso a 47 denti e la camicia bianca – capirai, l’idea è vecchia, risale a Juan Domingo Peron.  Potreste perfino ritrovarvi, per colmo di sfiga, a votare il prossimo premier di centrodestra. Perché ricordate, infine, che ormai sono ammessi solo due partiti: uno di destra e l’altro di estrema destra. Anche se sono di sinistra. Il Neorenzi

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il lupo perde il pelo

    ... ma non il vizio di tappare la bocca ad internet.Inserito nel decreto Salva Sallusti (perché questo è), la norma "ammazza blog" per l'obbligo di rettifica... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il voto.

    voto.

    Una voce originale e poco nota quella di Bernard Charbonneau, un pensatore francese vicino alla corrente del «personalismo». Questo è un passo del suo libro "Un... Leggere il seguito

    Da  Gianna
    SOCIETÀ
  • Il protestantesimo

    protestantesimo

    Martin LuteroSarebbe veramente troppo complesso compendiare in queste poche pagine gli avvenimenti storici che indussero alla riforma protestante. Leggere il seguito

    Da  Dino Licci
    CULTURA, RELIGIONE, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Il signore il leader e il clown

    signore leader clown

    Non è un film di Sergio Leone o di Corbucci: è il primo film di quella che sembra essere la III repubblica, ma con la “r” minuscola. I atto: Il SIGNORE (attore... Leggere il seguito

    Da  Chiosaluxemburg
    POLITICA, SATIRA, SOCIETÀ
  • Il pozzo ed il fondo

    pozzo fondo

    C’è un pozzo e c’è un fondo. Il pozzo viene svuotato a secchiate ripetute ed il fondo attira la sua liquidità per lasciarlo a secco. Leggere il seguito

    Da  Conflittiestrategie
    OPINIONI, POLITICA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Il Maxischermo

    Maxischermo

    E' possibile o meno fare politica senza alcun finanziamento pubblico? E' del resto quello che gli stessi italiani hanno votato nel referendum, poi aggirato... Leggere il seguito

    Da  Riciard
    DIARIO PERSONALE, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Il risvolto

    Deve aver avuto sui sedici anni. Era dietro di me in fila alla cassa del supermercato. Rapper, così si è definita lei stessa mentre parlava con i due tipi... Leggere il seguito

    Da  Danemblog
    SOCIETÀ