Magazine Cultura

Il paese delle meraviglie di Citati

Creato il 17 ottobre 2012 da Malpaese @IlMalpaese

Pietro Citati – Il tè del cappellaio matto, 247 pag.

Edizioni Adelphi  

Il paese delle meraviglie di Citati

 

Chi sarà mai il cappellaio matto? Forse il critico Pietro Citati che in questo libro ci dà diversi articoli che non possono proprio essere datati, più che saggi, sono racconti che parlano del fascino di antiche civiltà e di antichi testi. E che in questa ristampa, appaiono più completi. Un viaggiatore che ci parla di Egitto e Messico al contempo e con la scusa dei testi epici traccia i personaggi mitici, come quello di Ulisse, fino a trasformarsi in un biblitecario attento che esamina libri, li legge e li consiglia ai lettori.

In questo libro il critico assume, come di consueto del resto, toni colloquiali e non certo per addetti ai lavori con quella tipica sua capacità di arrivare alla genesi delle opere trattate. Citati è uno che si mette nei panni dello scrittore che sta trattando, fino ad assumerne i contorni, fino a diventare scrittore lui stesso. Ed è così che cattura anche il lettore neofita o quello che non ha amato soffermarsi troppo sui libri di letteratura.

Parla di Giovanni Pascoli e Dylan Thomas come se li avesse visti vivere in prima persona, traccia le loro vite private, facendoli scendere dai piedistalli immaginari in cui spesso sono stati collocati dai testi scolastici.

Non bisogna poi dimenticare che nel 1972, Italo Calvino poneva l’accento proprio sulla atemporalità di questa raccolta. Lo stesso titolo, preso a prestito da Lewis Carroll (“Adesso, sono sempre le sei del pomeriggio” dice il Cappellaio ad Alice, come recita la prefazione), vuole porre l’accento su questo aspetto, in quanto vuole alludere a un tempo immobile. Come osservava ancora Calvino: “Lo scrittore dal critico Citati come voce diretta del mondo viene assomigliando sempre di più allo scrittore che Citati è diventato nel frattempo, il bibliotecario visionario che esplora continenti sterminati nei margini di pagine già scritte”. Come se il critico uscisse dalla sua posizione di cattedratico e diventasse parte di quello di cui ha trattato per anni, diventasse scrittore. Del resto, molti altri testi di Citati sono in questa chiave di lettura. Non è un critico in senso strettamente formale, Citati fa molto di più, riesce ad entrare tra le righe, a comprendere quello che passava per la mente mente dell’autore, come se l’empatia fosse la leva primaria della sua attività. Si potrebbe definirlo come il lettore più attento del mondo, capace di leggere attraverso il cuore. E in questa sua raccolta, ce lo conferma, stimolando il lettore ad approfondire quanto da lui asserito, come se ci fornisse ogni volta una nuova chiave di lettura di un libro. Più che critica, ci troviamo di fronte a letteratura, ad una serie di racconti che hanno come tema principale la prosa e la poesia, la scrittura insomma. Sono convinta che il più grande merito di Citati, sia proprio quello di aver trasformato l’attività critica, in pura letteratura, da leggere con la stessa intesità che riserviamo ai romanzi migliori.

Bianca Folino

 



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il laureato

    laureato

    1967. Pasadena. Stati Uniti d'America. Il giorno della laurea del loro unico figlio Bejamin è un giorno importante per la famiglia Braddock, peccato che lo... Leggere il seguito

    Da  Flavio
    CINEMA, CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • Il lato positivo. Il Film

    lato positivo. Film

    Titolo: Il lato positivo – Silver Linings PlaybookRegia: David O. Russel Sceneggiatura: David O. Russel Genere: Commedia Durata: 122 minuti Interpreti: Bradley... Leggere il seguito

    Da  Nasreen
    CULTURA, LIBRI
  • Il mare

    mare

    Lunedì 25 Marzo 2013 11:36 Scritto da Sabatino Scia Il Mare era di buon animo. Era calmo. Rideva. Giocava con la misteriosa luna tirandosi su e... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Il vaso, il vento.

    vaso, vento.

    (Dai, continuiamo a guardare il mondo con occhi nuovi, nuovi, ancora un po' più nuovi. Restiamo qui, andiamo da un'altra parte. Restiamo uguali, cambiamo ancora... Leggere il seguito

    Da  Tazzina
    DIARIO PERSONALE, LIBRI
  • Il Controvalore

    Controvalore

    Paola Pluchino. Ho avuto il tempo di pensare tutta la notte alla giusta idea per scrivere questo editoriale. Di sera, quando il sole cala celando i raggi della... Leggere il seguito

    Da  Theartship
    ARTE, CULTURA, DA CLASSIFICARE
  • Il Dittatore

    Dittatore

    Un po' Benigni, un po' "Il Principe cerca Moglie", il difetto principale de "Il Dittatore" è di essere un'operazione evidentemente creata a tavolino. Non solo... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Il fioraio.

    fioraio.

    "Quando si accorcia la vegetazione, la gemma sottostante al taglio si risveglia, produce un germoglio e quindi una nuova ramificazione; ciò si spiega... Leggere il seguito

    Da  Tazzina
    DIARIO PERSONALE, LIBRI