Magazine Media e Comunicazione

Il potere del genio: Rotko

Creato il 13 maggio 2014 da Ilsegnocheresta By Loretta Dalola

logoSky arte dedica la puntata de “Il potere del genio” a Mark Rotko.

1970, nove dipinti  dell’artista americano arrivano a Londra. Lo stesso giorno il corpo di Rotko viene trovato disteso sul pavimento del bagno del suo studio. Il pittore ha indugiato così a lungo nel terreno della morte che ha finito per togliersi la vita. Nel 1970 era il momento dell’arte come gioco , Andy Warhol e Roy Lichtenstein si gustavano assieme al Rock and roll, lontani da qualsiasi pensiero e rifiutando la solennità dell’arte. Il fatto che Rotko si fosse tolto la vita rendeva la sua opera ancora più funerea.

rotko

Eppure…quei quadri…qualcosa in loro vibra potentemente, pulsa. Quelle linee nere trascinano in luoghi misteriosi. Sono l’inizio di un’avventura sconosciuta in uno spazio sconosciuto.

Ha 55 anni è all’apice della fama e sta lavorando su commissione a una serie di dipinti (il compenso è di 35.000 dollari: cifra altissima per l’epoca) che dovranno coprire come “un fregio continuo, impossibili da evitare, ineluttabili, come il destino“, le pareti dell’inaugurando The Four Seasons, ristorante di lusso situato all’interno del Seagram Building, il bellissimo grattacielo di Manhattan progettato da Mies van der Rohe.  Gli Stati Uniti vogliono dimostrare al mondo la profondità dell’arte oltre alla spettacolarità.  È il più grande pittore americano vivente ma ha passato 30anni di difficoltà economiche e lotte interiori.

Una sfida. Che cosa può fare l’arte? Può irrompere nella vita di tutti i giorni? Può metterci in contatto con le sensazioni dell’estasi, dell’angoscia, del desiderio e terrore? Il pittore riflette a lungo. Nutre un sentimento di ambivalenza nei confronti del capitalismo americano e nel successo.

ROTHK001
Nato in Russia ne l 1903 dichiara che di aver visto i cosacchi occupati nella loro attività preferita: picchiare gli ebrei. L’America degli anni ’20, lo accoglie a braccia aperte come fa con milioni di altri ebrei che arrivano scappando dalla violenza. Orfano e ebreo. Suona il violino e il mandolino. È intelligente, diventa gentile, goffo, educato e sentimentale con il desiderio disperato di raccontare le sue idee. Anche lontano dai cosacchi continua a non essere amato. Desidera esperimersi attraverso la creatività perchè pensa che l’arte possa cambiare il mondo. Soffre la fame. Il suo pensiero è arrovellato. Si getta nell’espressionismo, colori scuri, linee abbozzate, i primi lavori sono pieni di alienazione senza speranza.

30anni più tardi non può dire di no alla commissione del Four Seasons è la sfida più grande della sua carriera.

I suoi colori sono gli attori delle sue opere sono la divisione della superficie in rettangoli spesso orizzontali e l’utilizzo del colore che viene distribuito in modo omogeneo sopra a questi spazi, fino a far quasi scomparire la traccia della pennellata. Scelte compositive che servono a rendere la contemplazione dello spettatore più intima, permettendo una sorta di volo prospettico nel colore.  Un viaggio ipnotico,  mentale e spirituale, all’interno dell’opera, grazie alla fusione del colore con la geometria dell’immagine. Ma non si tratta di un viaggio allucinatorio o di un’esperienza sensoriale, perché i quadri di Rothko sono dei capolavori del dramma. Sono una rappresentazione della tragedia esistenziale del loro autore, senza che vi sia una soluzione di continuità e senza alcuna pausa salvifica data dal tempo.

Rothko
Grandi tele verticali scandite da campiture orizzontali di tonalità contrastanti, pannelli di colore sovrapposti l’uno all’altro. Luci intense, scintillanti che attirano lo spettatore in una radiazione luminosa, profonda e indefinita. È diventato l’artefice di dipinti potenti e complessi che emanano forza e magnetismo. Pitture pulsanti e originali. Agiscono sui sensi. Si espandono. Offrono la sensualità del mondo in tutta la sua ricchezza. Confini colorati morbidamente indefiniti, imprecisi. Evocano sensazioni estreme di fatalità e estasi.

” Un artista dipinge per gli esseri umani e le reazioni degli uomini di tutti i giorni sono l’unico premio capace di dare soddisfazione vera all’artista“. Negli ultimi anni le sue opere sono richiestissime ma il successo è doloroso, diventa acolista e fumatore. Il suo lavoro si incupisce. Si chiude sulla difensiva, amareggiato e abbraccia il nero corvino. Quei contorni sfilacciati pieni di luce sono spariti, al loro posto dipinge il nero della luce, una sorta di tomba della sua speranza per l’arte. Dipinto dopo dipinto si avvicina alla fatalità, divide la luce, ed è pronto alla morte. Crea uno spazio dal colore sfumato e ambiguo in cui finire, lontano dalla confusione dell’attualità.

Ci ha lasciato opere che parlano del dolore e della gioia, del nascere e del morire, della vita fino alla tomba.

263969-995x580
La fortuna di critica e di pubblico di Rothko è cresciuta senza sosta sino a farlo divenire negli anni 2000 uno degli artisti più costosi al mondo. Un suo quadro, White Center (Yellow, Pink and Lavender on Rose) è stato venduto nel maggio 2007 da Sotheby’s di New York per la cifra record di 72,84 milioni di dollari, andando più che a triplicare il precedente record dell’artista, stabilito nel novembre 2005 da Christie’s di New York con Homage to Matisse venduto per 22,41 milioni di dollari.

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il tarlo

    tarlo

    Quando si tratta di uomini sono davvero stupida. Sono proprio stupida!Per quanto il mondo associ la parola “complicazione” al genere femminile, mi è sempre... Leggere il seguito

    Da  Farnocchia
    DA CLASSIFICARE
  • Il sarto

    Di me si dice che sono burbero. Mai sorridente. Silenzioso, scostante.Forse un po’ scontroso lo sono per davvero. Solo al mattino, però, prima di entrare i... Leggere il seguito

    Da  Scribacchina
    POESIE, TALENTI
  • Il nocciolo.

    Finalmente l'hai capito. Era ora e ce ne hai messo di tempo, ma come si suol dire meglio tardi che mai!Il problema non sono di certo gli altri. Leggere il seguito

    Da  Oliviabluebell
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI
  • Il Grinch

    Grinch

    Da un po' di anni, già verso la fine di novembre, mi assale una malinconia tremenda, una pesantezza sullo stomaco e una sottile nostalgia piuttosto indefinita,... Leggere il seguito

    Da  Gabrita
    CUCINA, RICETTE
  • Il sorpasso

    sorpasso

    Il recente sorpasso dello yuan sull’euro per quanto concerne le transazioni finanziarie internazionali rappresenta il coronamento della strategia di ampio... Leggere il seguito

    Da  Eurasia
    ECONOMIA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Il colloquio

    Al colloquio con gli insegnanti può capitare davanti a te una mamma (molto più raramente un babbo) visibilmente spazientita. Nel suo... Leggere il seguito

    Da  Desian
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Il cannabidiolo

    cannabidiolo

    Un'altra sostanza da aggiungere all'armamentario longevista - e arriva da una fonte inaspettata. E' il secondo cannabinoide presente nella cannabis, come... Leggere il seguito

    Da  Estropico
    ECOLOGIA E AMBIENTE, SCIENZE