Magazine Sport

Il Torinese Vitturini è oro nell’apnea dinamica con attrezzi

Creato il 05 novembre 2012 da Sportduepuntozero
05/11/2012 By Leave a Comment

Il Torinese Vitturini è oro nell’apnea dinamica con attrezziChiusura con il botto per gli azzurri nei Campionati Europei di Apnea dinamica, statica e jump blue disputati ad Antalya (Tur). E’ arrivata con la prova di apnea dinamica con attrezzi, dove l’Italia ha conquistato ben quattro delle sei medaglie disponibili. Dopo le prove di qualifica, nelle quali non sono mancati i colpi di scena, la prova del 3 novembre si preannunciava estremamente interessante e non ha deluso. In campo femminile gli occhi erano tutti puntati sulla campionessa mondiale in carica, Ilaria Bonin, che, come al solito, non ha tradito le aspettative, sfoderando una prestazione magistrale: 215,59 m, che gli sono valsi, oltre all’oro (il secondo in tre giorni, dopo quello conquistato nel jump blue), l’ennesimo record mondiale. E pensare che l’atleta milanese, nei giorni scorsi, aveva anche avuto dei problemi ad un orecchio. Ma evidentemente la Bonin è più forte di tutto e di tutti, anche della sfortuna. Del resto, mai prima d’ora, nella storia di questo sport, un atleta aveva vinto quattro ori internazionali di fila (e in due specialità diverse). Alle sue spalle, il terzetto formato dalla russa Natalia Ovodova e dalle croate Karla Fabrio e Katarina Turcinovic, autrici di 200,00 m e, quindi,  premiate in blocco con la medaglia d’argento. Una medaglia, quest’ultima, che avrebbe potuto vincere anche Alessia Zecchini, se non fosse che, nel tentativo di virare i 200,00 m, è incorsa in un black-out durante l’esecuzione del protocollo di uscita. Veramente un peccato per la

giovane atleta romana, che comunque, con il quarto posto nel Campionato di Jump
Blue e il 6° posto in quello di Statica, ben si è disimpegnata in questa sua prima esperienza internazionale. Ha concluso invece regolarmente la sua prova Monica Barbero, che con 172,90 m si è piazzata al sesto posto, tra la turca Derya Can Pamuk, quinta con 188,34 m, e l’austriaca Maria Kedwani-Künßberg, settima con 135,72 m. In campo maschile, storica impresa degli azzurri, che con il trio composto da Andrea Vitturini, Michele Fucarino e Aldo Stradiotti hanno monopolizzato l’intero podio, cosa mai verificatasi in precedenza con atleti della stessa nazione. Prova maiuscola di Andrea Vetturini che ha realizzato
232,03 m. Complimenti, quindi, all’atleta torinese, che, dopo il bronzo conseguito nel jump blue, si è tolto la soddisfazione del primo oro internazionale, ottenuto – è bene sottolinearlo – a seguito di una prestazione veramente favolosa, valsagli, tra l’altro, il nuovo record italiano della specialità. Medaglia d’argento, staccato di 4,06 m, Michele Fucarino, complice la penalizzazione di 10 m (per il rilascio scorretto del testimone) subita dal francese Romain Doris. Ha completato il trio Aldo Stradiotti, con 224,93 m, davanti, seppur di poco allo spagnolo Aleix Segura Vendrell, che ha chiuso a soli 57 cm. Da segnalare che il campione del mondo in carica di apnea dinamica (e detentore del record mondiale della specialità), Goran Colak, stizzito per la sua prestazione (è riemerso dopo aver percorso circa 170,00 m), ha abbandonato la vasca senza eseguire il protocollo di uscita. L’altro italiano iscritto al Campionato, Michele Giurgola, non ha partecipato alla finale, in quanto non è riuscito a superare la prova di qualifica. Sette in totale le medaglie azzurre in questi Campionati Europei di Apnea: quattro d’oro, una d’argento e due di bronzo. Un risultato prestigioso, che, oltre a proiettare l’Italia al primo posto nel medagliere finale, conferma, una volta di più, il ruolo di leader indiscussi che gli azzurri, da sempre, ricoprono in questo sport. 

Condividi via:

  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • Digg
  • Email
  • Stampa
  • LinkedIn
  • Reddit

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :