Magazine Cinema

Into a Dream

Creato il 25 febbraio 2012 da Eraserhead
Into a DreamIl 2005 è stato un anno da ricordare per Sion Sono, almeno dal punto di vista quantitativo dato che nel giro di 365 giorni ha sfornato ben 4 film, e così nell’ordine abbiamo: l’interculturale Hazard, gli altri due capitoli della (non) trilogia del suicidio Noriko’s Dinner Table e Strange Circus, fino al completamento del quartetto con questo Into a Dream.
Ancora una volta, dunque, dobbiamo prendere atto di una prolificità fuori dal comune che a dispetto di comprensibili quanto umani cali di rendimento, plasma un cinema travolgente livellato verso l’alto che ad ogni sua manifestazione contiene sempre delle peculiarità che ne impreziosiscono l’essenza.[1]
La qualità principale di Yume no naka è quella della sperimentazione. Potremmo dire che ci troviamo davanti al Sono più sperimentale tra tutti gli altri visti fino ad oggi.
Anche se l’allestimento generale è una strada che comunque è stata battuta più volte all’interno della settima arte, si parla di piani dimensionali contrapposti in equilibrio tra onirismo e realtà, il giapponese lo fa con molto del suo talento, partendo da un canale visivo tutto (video)camera a mano che sfocia nel pedinamento nevrotico e rapsodico degli attori sulla scena.
L’esplorazione di nuovi territori avviene però attraverso le argomentazioni di sempre qui implementate dal sogno-specchio deformante che duplica (e forse non solo) le identità. Se il protagonista è contemporaneamente attore di fiction televisive e membro di una gang criminale che vuole far saltare in aria la rete nazionale dei cellulari giapponesi, anche tutte le persone che ruotano intorno alla sua vita sono uno e due[2], ma tale abbondanza di personalità marchia a fuoco l’opposta assenza, quel procedimento di disidentificazione che annulla il proprio Io sparpagliando i pezzi di un puzzle senza proprietà di soluzione, e il finale con il ragazzo che urlacchia inciampando sulla strada buia sembra proprio la sintesi di un uomo che non riconoscendosi più è impazzito.
Al contempo però questa forma peculiare piena di interstizi, vie di fuga e vicoli ciechi, fa un po’ di fatica a trovare una collocazione “giusta” a tutto il magma eruttato. Dati i confini narrativi mai così labili, il travaso da un piano del racconto all’altro è a tratti (e non poteva essere che così) un’inondazione che investe e mette gambe all’aria. Che cosa succeda in alcuni punti (la sottostoria della malattia venerea), e chi siano taluni personaggi (il tipo lynchiano che aggiusta i tubi), sono passaggi celati da un velo non proprio penetrabile.
È cinema che per forza di cose si subisce, e aldilà di qualche tentennamento, noi allibiti spettatori occidentali non possiamo far altro che incassare il colpo, ma sempre con un certo piacere.
______
[1] Anche il bruttino Chanto tsutaeru (2009) ha nella sua scena madre un momento di cinema da ricordare.
[2] Nuovamente nella carrellata di personaggi folli ed eccessivi spicca il padre (architrave nella poetica sononiana) che è addirittura diviso in tre.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Into the Abyss

    Into Abyss

    Dall’alba al tramonto in un solo anno.Dall’alba primordiale di uomini che costruiscono i primi mattoni della società, che iniziano a rapportarsi con ciò che è... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA
  • Dream Cinema

    Dream Cinema

    Condividi Se la scorsa settimana erano arrivate diverse pellicole piuttosto interessanti, con il primo weekend di agosto si ripiomba di nuovo nel vuoto assoluto... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CINEMA, CULTURA
  • Dream House

    Dream House

    Will Atenton lascia il suo posto di lavoro in una grande società per trasferirsi in una villa in periferia. Il suo scopo è quello di avere il tempo di... Leggere il seguito

    Da  Flavio
    CINEMA, CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • He is my Dream

    Jackie Ross non stava nella pelle, continuava a saltellare come una quattordicenne al suo primo concerto rock, agitandosi e gridando quando la situazione lo... Leggere il seguito

    Da  Queenseptienna
    CULTURA, LIBRI
  • Icarus' dream

    Icarus' dream

    Le utopie si offrono a noi sotto il velo della finzione e della fantasia, un velo a volte tanto sottile che vi si legge in trasparenza un altro mondo, colmo di... Leggere il seguito

    Da  Robertavanali
    ARTE, CULTURA
  • Philippe tournaire’s dream house

    Philippe tournaire’s dream house

    Recently French jeweler Philippe Tournaire has created Villa de Reve (Dream House) collection of rings. The rings are tiny replicas of the world-famous houses. Leggere il seguito

    Da  Catone
    CULTURA
  • Into The Wild

    Into Wild

    Vivere, soltanto vivere, in quel momento in quel luogo. Senza mappe, senza orologio, senza niente. Montagne innevate, fiumi, cieli stellati. Solo io e la... Leggere il seguito

    Da  Robertavanali
    ARTE, CULTURA

Magazines