Magazine Medicina

L’alcol nei giovani causa depressione

Creato il 20 gennaio 2011 da Doctorondemand

L’alcol nei giovani causa depressione

“L’uso eccessivo di alcol da parte dei giovani potrebbe definitivamente compromettere le normali connessioni nel cervello che assicurano il funzionamento del cervello da adulti”. A dirlo uno studio della Loyola University, negli Usa, presentato durante il congresso della Society for Neuroscience in corso a San Diego. Gli scienziati hanno esaminato nei topi gli effetti a lungo termine dell’abuso di sostanze alcoliche sulla produzione di cortisolo, l’ormone delle stress.

Come gli uomini, anche gli animali producono lo stesso ormone in risposta a situazione di stress fisico o psicologico. La differenza, tra un cervello “spugna” e uno “a secco” è stata osservata dai ricercatori in laboratorio. I topi che avevano ricevuto la somministrazione più ingente di alcol in età precoce, una volta cresciuti mostravano una reazione più repentina degli ormoni a nuove assunzioni di alcol. Negli uomini, secondo i ricercatori, questo potrebbe tradursi in una maggiore predisposizione a atteggiamenti come irritabilità, stress, ansia e persino depressione.

I dati in Italia – Secondo l`Istituto Superiore di Sanità il 75% dei ragazzi tra i 16 e i 25 anni beve alcolici, e se si considerano anche i quindicenni la percentuale non scende di molto, attestandosi al 67%.

Ma quali sono i comportamenti a rischio? Secondo i parametri indicati dal Substance Abuse and Mental Health Services Administration, ente statunitense preposto alla vigilanza e alla ricerca sulle tematiche della dipendenza, l’alcolismo è sempre più precoce, con forme chiamate “binge drinking”, ovvero il bere fino a stordirsi: sono classificati così donne che bevono quattro drink alcolici in un’unica volta o uomini che ne bevano cinque. Nei casi più gravi si può arrivare fino a 10-15. Solitamente si inizia verso i 13 anni e il picco è intorno ai 18-22 anni.

 



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :