Magazine Cucina

La colazione di una Nobildonna

Da Trentinowine
Share

la colazione di una nobildonna

di Viola Violante d’Ondariva  – Chi lo ha mai detto che una NobilDonna non possa andar d’accordo con i fornelli? E chi ha mai detto che i funghi porcini non si sposano con la besciamella?

Cari lettori di Trentino Wine Blog a Voi è arrivato il momento di presentarmi in tutta la mia essenza, quella di chef.

Da Nobildonna qual sono, non ho avuto la fortuna di mettermi ai fornelli sin da piccina, poiché una Balia amorevole e premurosa mi ha viziata da sempre con le sue pietanze gustosissime, senza che mai ci fosse bisogno di cimentarmi io in cucina.

Ma poi, pian piano, si è fatta strada in me la mia vocazione per l’arte culinaria, insomma sono stata folgorata dalla passione per il cibo.

Spesso mi sono sorpresa ad immaginarmi vestita con raffinati abiti domestici, protetti da un candido grembiule in cotone davanti ai fornelli, incensando la mia cucina di profumi meragliosi da far venire l’acquolina in bocca ai miei ospiti.

Sì, diventerò una grande chef!

…Immagino già i miei amici, che si fanno in quattro per avere un esclusivo invito alla mia tavola!

Ahia…poi mi sono venute in mente le mie mani. Non potevo di certo rovinare la mia pelle di porcellana o le mie costosissime french manicure! …e così, ho pensato bene di acquistare un modernissimo Bimby Vorwerk. Le mie unghie e le mie mani vellutate erano salve!

Ammetto, onestamente, che da allora la mia vita è cambiata (in meglio, ovviamente); posso continuare a cavalcare nel mio bosco privato, fare shopping per tutto il tempo che voglio, giocare a canasta con le mie amiche e mettere a tavola, comunque, in orario di pranzo o di cena, prelibatissimi pasti preparati con le mie nobili manine (col Bimby, va be’…)

Come ho anticipato nell’introduzione, il piatto di oggi è:

RAVIOLI CON FUNGHI PORCINI CONDITI CON BESCIAMELLA

Preparazione della Besciamella (per tre persone):

- 500 g di latte

- 40 g di farina

- 1\2 cucchiaino di sale

- Noce moscata in polvere quanto basta (io adoro la noce moscata!)

- Pepe nero in polvere quanto basta (quanto mi piace il pepe!)

Esecuzione

Mettere tutti gli ingredienti nel boccale, cuocere 6 min. 90° vel 4

Nel frattempo lessare i ravioli, non dimenticate di salarli…e soprattutto non dimenticateli nella pentola!

…et voilà!

Consiglio di Viola Violante:

In base all’utilizzo della salsa si può decidere di rendere la besciamella più o meno consistente: per renderla più densa basta aggiungere al composto la farina, se la si desidera più liquida basta aggiungere del latte.

La pietanza si presenta abbastanza dolce, ma io non abbinerò di certo, come vuole la regola, un vino dolce. Essendo un pasto molto semplice, il vino non sarà molto corposo, né troppo invecchiato. Io userei un buon rosato come ad esempio il Garda Classico Chiaretto dal color del petalo di rosa. Questo vino mi piace perché pur provenendo da uve rosse del Garda, è un rosato a tutti gli effetti.

Questo vino mi sorprende tutte le volte che lo bevo, perché è fresco e aromatico, si sentono sia i fiori che i frutti di bosco.

Servirò il mio pranzo su di una tovaglia celeste, coi tovaglioli blu, con grossi palloncini di cristallo per far ossigenare bene il vino e per risvegliarne tutti gli gli aromi! Metterò al centro della tovaglia un bel mazzo di tulipani rossi ed il gioco è fatto! Sarà un successone, lo sento…!

Email This Page
Share

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Vichyssoise

    Vichyssoise

    è una famosa zuppa fredda di porri e patate nata presso l’hotel Ritz-Carlton di New York nel 1917 per mano dello chef francese Louis Diat. Leggere il seguito

    Da  Damgas
    CUCINA, RICETTE
  • La medicina per la felicità

    medicina felicità

    Non c'è veramente medicina migliore del cioccolato. Si tratta di una alimento ormai universale che va bene per tutti i mali e non è spiacevole assumerlo ... cos... Leggere il seguito

    Da  Aurore
    CUCINA
  • La ratatouille de la Provence

    ratatouille Provence

    La Provence è forse la regione francese, insieme alla Corsica, che gastronomicamente più ci somiglia.Il suo nome attuale deriva da quello che gli diedero i... Leggere il seguito

    Da  Resyrm
    CUCINA
  • La Cavolpizza!

    Cavolpizza!

    È finalmente arrivata la bella stagione e con l’inizio del caldo, l’ansia del rimettersi in forma. quindi quando sul blog Eating Bird Food ho “scovato” questa... Leggere il seguito

    Da  Cami
    CUCINA, RICETTE
  • La peonia

    peonia

    Salve! Ieri sera dopo cena in tv non trovavo niente di interessante, così mentre sparecchiavo la tavola ho visto che un tovagliolo era rimasto pulito..... Leggere il seguito

    Da  Milena71
    CREAZIONI, CUCINA, HOBBY, LIFESTYLE
  • La Gubana

    Gubana

    è dopo lo strudel forse il più tipico dolce friulano; nato in val Tisone , nella parte più orientale del Friuli, diffondendosi poi in tutta la regione ma... Leggere il seguito

    Da  Damgas
    CUCINA, RICETTE
  • La Cotognata

    Cotognata

    è la marmellata autunnale per eccellenza ( o sarebbe in questo caso meglio dire gelatina) tipica preparazione siciliana giunta fin qui quando l’isola era domini... Leggere il seguito

    Da  Damgas
    CUCINA, RICETTE

Dossier Paperblog

Magazines