Magazine Società

La crisi è attuale ed incontrovertibile, eppure ...

Creato il 08 febbraio 2012 da Smconsulenzaweb

 E' indubbio, c'è crisi, eppure...
Dal Rapporto 2012 dell'Eurispes vieve fuori un'Italia e degli Italiani consumisti, nonostante tutto.

 La crisi è attuale ed incontrovertibile, eppure ...
 
La crisi è attuale ed incontrovertibile, eppure ad oggi solo il 3,1% degli italiani non possiede una tv. La maggior parte ne possiede due (43,9%) o tre (22,8%), mentre l’8,6% ne possiede addirittura quattro o più ed il 21% dichiara di averne uno soltanto. Il che non vuol dire che due terzi della popolazione siano ricchi, bensì che il consumismo è ormai una realtà inarrestabile, anche se con modalità diversae a seconda del bene di "lusso", della collocazione geografica e del grado di istruzione.
È quanto emerge dai risultati del Rapporto Italia 2012 realizzato dall’Eurispes e presentato nei giorni scorsi a Roma.
Se si guarda ai computer, il 47,2% degli italiani ne ha almeno uno in casa, seguito dal 27,2% di chi ne possiede due, dal 12,8% di coloro che dichiarano di non averne, dal 7,3% di chi ne possiede tre e dal 4,2% che ne ha quattro o più.
La crisi è attuale ed incontrovertibile, eppure ...
Hi-Fi e Dvd in oltre la metà delle case. Ad essere dotato di un impianto Hi-Fi è il 54,9% degli intervistati, contro il 33,4% di chi non lo possiede, mentre è in possesso di un lettore dvd il 58,8%, contro il 17,9% e il 17,2% di coloro che dichiarano di averne rispettivamente nessuno e due. La consolle per videogiochi (Playstation, PSP, XBox e /o Wii) resta ancora fuori da più di metà (57,8%) delle nostre case, essendo posseduta da un terzo del campione (30,2%) e dal 6,6% di coloro che dichiarano di averne due. A possedere uno o più Tablet è invece il 16,9%, contro il 78,7% di chi non lo possiede. Il lettore Mp3 vede una suddivisione abbastanza equa tra chi non lo possiede (39,7%) e chi ne ha uno (36%), facendo registrare un possesso multiplo nel 20,1% dei casi (il 15,1% ne possiede due, il 3,3% tre e l’1,7% 4 o più).
Tutti con il cellulare. L’81,4% del campione ne ha almeno uno di base. Uno su due ha in tasca o in borsa uno smart-phone. Parlando di cellulari con funzioni base, il 35,4% ne ha uno, il 25,7% ne ha due, l’11,5% tre e l’8,8% quattro o più, di contro il 15,5% dichiara di non possederne. Possiede uno smart-phone quasi la metà del campione (47%): il 25,4% ne uno, il 14,5% ne ha due, il 5% arriva a quota tre e il 2,1% a quattro; l’altra metà (48,2%) non possiede uno smat-phone.
La propensione agli abbonamenti: Internet, satellitari e digitali. La disponibilità del collegamento ad Internet per mezzo di un abbonamento è ormai largamente diffusa (75%). Per quanto Internet sia di uso comune, lo stesso non si può dire dei canali satellitari e digitali a pagamento: tra questi esiste comunque un distacco, che vede il 27,8% degli intervistati pagare un canone di abbonamento per usufruire dei canali messi a disposizione dalla tv satellitare e il 17,7% preferire (o avere in aggiunta) i canali digitali a pagamento.
La crisi è attuale ed incontrovertibile, eppure ... 

Le abitudini allo svago tra rinuncia e fruizione. La crisi ha pesato parecchio sulle tasche e ha inevitabilmente inciso sulle abitudini di consumo. Il "lusso" a cui gli italiani non rinunciano volentieri è la frequentazione di locali e ristoranti: ad indicare di avere pranzato o cenato fuori qualche volta e spesso nel corso 2011 è rispettivamente il 41,7% e il 9,4% del campione. Tutte le altre risposte fanno invece registrare un comportamento contrario: che si tratti di acquistare oggetti di antiquariato, di frequentare centri benessere, di fare acquisti in gioielleria o di comprare biglietti per concerti e rappresentazioni teatrali, nell’anno appena trascorso sono almeno i tre quinti del campione a dichiarare di non avere destinato mai o raramente parte della propria spesa per seguire le abitudini sopra citate. Nello specifico l’87,7% non ha mai acquistato beni antiquari, il 77% non ha mai frequentato un centro benessere e il 13,3% lo ha fatto solo qualche volta; il 66,5% non ha mai fatto acquisti in gioielleria (e lo ha fatto raramente nella misura del 24,3%, contro il 7,5% che dichiara di averlo fatto qualche volta), mentre a non avere mai speso soldi per l’acquisto di biglietti per concerti o teatro è il 59%, seguito dal 25,3% di coloro che lo hanno fatto raramente e dall’11,8% di quanti invece qualche volta non vi ha rinunciato. Ancora, tra chi non ha fatto alcun viaggio al di là delle vacanze estive, chi ha rinunciato all’acquisto di capi di marca e ai trattamenti estetici troviamo il 49,2%, il 40,4% e il 40,3% degli intervistati, cui si aggiunge più di un quarto del campione che dichiara di averlo fatto soltanto qualche volta nel corso dell’ultimo (20,9%, 20,7% e 21,8%).
La crisi è attuale ed incontrovertibile, eppure ...
"Italie" a confronto. Aggregando le risposte "qualche volta" e "spesso" è possibile tracciare un ideal-tipo di comportamento che distingue il meridionale dal settentrionale dall’italiano del Centro. A considerare più degli altri le attività e le abitudini proposte come "irrinunciabili" sono gli abitanti del Nord-Ovest e quelli delle Isole. I primi infatti hanno dichiarato di aver mangiato "qualche volta" e "spesso" al ristorante nel 67,5% dei casi, contro una media tra le altre regioni del 47,7% e di aver viaggiato per svago, oltre alle vacanze estive, nel 32% dei casi contro una media del 20,8%. Gli isolani primeggiano per l’acquisto di scarpe, calzature e borse firmate (38,7% contro 21,4% di media delle altre regioni), l’attenzione ai trattamenti estetici (40,1% contro 29,5%, tenendo presente che il Nord-Ovest si attesta a quota 36,5%), l’acquisto di biglietti per concerti o spettacoli teatrali (21,8% contro 12,3% di media, su cui incide il 18% del Nord-Ovest) e l’acquisto di gioielli (ben 20,4% contro 6,4%). In fondo alla classifica, tra le attività meno praticate, troviamo il 13% di quanti nel Nord-Ovest dichiarano di aver frequentato centri benessere contro una media del 7,5% e il 4,9% di isolani che hanno reso noto di aver effettuato spese per l’acquisto di oggetti di antiquariato contro una restante media del 2%.
La relazione diretta esistente tra il conseguimento di un titolo di studio e l’occupazione lavorativa indica che coloro che hanno conseguito un livello di istruzione inferiore hanno una minore propensione ad usufruire di passatempo e destinare le proprie risorse economiche (presumibilmente inferiori rispetto a coloro che hanno un titolo di studio superiore) ad attività accessorie, non necessarie. Nella lista dei "mai", confrontando questi con chi possiede invece una laurea o un master, troviamo infatti il 96,4% e l’82,5% di quanti non hanno fatto acquisti da un antiquario, il 94,5% contro il 41,3% di coloro che non hanno assistito a pagamento a concerti o rappresentazioni, il 92,7% contro il 32% di coloro che non sono stati in vacanza se non durante il periodo estivo, il 90,9% conto il 67% di quanti non hanno usufruito dei servizi offerti all’interno dei centri benessere, l’89,1% contro il 58,1% di coloro che hanno risparmiato sulla spesa in gioielleria, il 67,3% contro il 26,7% di chi ha acquistato capi d’abbigliamento non griffati, il 56,4% contro il 32,7% di coloro che hanno preferito non usufruire di trattamenti estetici e il 45,5% contro solamente il 3,3% di quanti, infine, non sono mai stati al ristorante nel corso del 2011. [AISE]

http://www.guidasicilia.it/e-indubbio-crisi-eppure/news/48335

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La tessera

    tessera

    Peppe era un repubblicano vero, amico fraterno di Nannì il deputato, anticlericale e antifascista. Non era facile essere né l’uno né l’altro durante il... Leggere il seguito

    Da  Laperonza
    SOCIETÀ
  • La merlettaia..

    merlettaia..

    La merlettaia + Jan Vermeer+1665 ca.+Louvre+++Il Buddha già al vederlo è la personificazione della pazienza e l’asiatico,buddhista o meno,è di gran lunga più... Leggere il seguito

    Da  Gianpaolotorres
    SOCIETÀ
  • La ricetta

    ricetta

    Quale è la ricetta per uscire da questa crisi, da questa situazione di bassa crescita-disoccupazione-perdita-credibilità-aumento-debito? Nonostante la divergenz... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • La Morfologica

    Morfologica

    Il giorno dopo quello dello sclero era il Giorno della Morfologica. Arriviamo al reparto preposto, muovendoci ancora un po' incerti tra impegnative,... Leggere il seguito

    Da  Sfollicolatamente
    MATERNITÀ, PER LEI, SOCIETÀ
  • La schifezza

    schifezza

    La piena unanimità di giudizio è cosa più unica che rara in campo artistico, ma sulla statua di Giovanni Paolo II alla Stazione Termini di Roma, pur nella... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • La polveriera

    In Grecia, a scendere in piazza per protestare non ci sono più solo i black block e gli anarchici: in piazza scende il ceto medio, o quello che rimane. Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • la provvidenza

    Sì, proprio lei, la Provvidenza con la p maiuscola che ricopre uno degli aspetti chiave dei Promessi Sposi. Ho riletto con piacere l’opera grazie alla... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine