Magazine Diario personale

La febbre del sabato sera.

Da Oliviabluebell
La febbre del sabato sera.Mai titolo fu più azzeccato.
Qui non stiamo parlando di danze scatenate, ritmi irrefrenabili o un remake casereccio del film con John Travolta.
No, sto parlando di febbre in generale. Di quel fastidiosissimo malanno che ti fa sentire come se fossi stata investita da un tir e non avessi più nemmeno la forza di alzare una palpebra.
Sì perchè per colpa di questa brutta bestiaccia mi sono "rovianata" il mio sabato sera.
Il mio caro ometto ed io avevamo in mente di starcene tranquilli sul divano a vedere un film, cosa che accade raramente perchè abbiamo la tendenza a farci trascinare in giro dagli amici.
Bello, per carità, però a volte si vuole rimanere anche soli soletti no?
Dicevo, serata tranquilla dunque quando alle sette mi chiama e con una voce dall'oltretomba mi dice che....ha la febbre! Argh!
Il mio cervellino alla velocità della luce elabora un piano alterantivo: sentire la mia amica fedele e organizzare una seratina di spetteguless....ecco anche lei è malata!
Eh sì, perchè di andare a trovare l'uomo febbericitante non se ne parla nemmeno...sarebbe come portarsi il nemico in casa.
Ora, già la sfiga perennemente mi perseguita se poi si può evitare di andarla a cercare anche quando nonserve direi che è meglio, no?
Perciò sono a casina, sola soletta, a passare il mio sabato sera di relax. Io e le mie unghie laccate di rosso e il mio pigiamo extra large.
Detta così mi rendo conto possa sembrarvi la persona più disperata al mondo...ci mancano solo i bigodini e poi sono il ritratto della casalinga disperata, ma non delle strafighe della serie tv, quella vera, LA casalinga disperata per antonomasia, quella che gira con la maschera verde sulla faccia e i bigodini, con gli occhiali ultraspessi e i vestiti di due taglie in più. Uhm o forse era la Befana?
Mah.
Nonostante tutto devo ammettere che non mi spiace rimanere a casa e scrivere un po', girovagare su Youtube etc..
Mi ricordo che ai tempi dell'università c'era una ragazza con cui si usciva in compagnia che riteneva impossibile e al limite del disdicevole trascorrere un sabato sera a casa.
Ciò, infatti, equivaleva al non avere sufficienti rapporti sociali, al non avere mai sufficienti piani B, C e D che ti permettessero di affrontare qualsiasi inconveniente.
Io me ne sono sempre fregata.
Certo, era più bello uscire e stare insieme, fare casino e tirare tardi ma se per una volta stavo tranquilla sul mio letto a farmi i fattacci miei ero contenta lo stesso.
Poi con il tempo ho imparato a capire che ognuno vede le cose in un modo diverso, ho imparato a pensare a me stessa e a quello che volevo davvero fare, ho imparato a fregarmene se venivo additata come la paccara del gruppo. Chissene!
Anche l'età influisce sui vari modi di concepire una serata...eppure la cosa più triste secondo me è vedere che ci sono in giro persone che il sabato sera o il giorno cosidetto cool della settimana non possono stare a casa, devono uscire, diventa quasi un bisogno.
E alla soglia dei 30 - 35 anni questo mi fa molta tristezza.
Ecco sono andata un po' fuori tema, volevo condividere con voi la mia serata e come solito sono partita per uno dei miei classici voli pindarici.
Ma spero che mi vogliate bene anche per questo :)
Ora continuo il mio giro sui Youtube e vi auguro buon sabato sera!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La cucaracha

    I bambini della piscina del nostro residence si chiamano Adriana, Natalia, Angel... sono chiassosi, casinisti, pestiferi e mi fanno morire dalle risate. Leggere il seguito

    Da  Misschiaretta
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI
  • La rossa

    rossa

    Dopo cinque giorni di sveglia alle 4.30, l’idea di alzarmi presto al primo riposo non mi allettava per niente. Ma cosa non si fa per amore! Per non sbagliare... Leggere il seguito

    Da  Misschiaretta
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI
  • 72 & la nascita di Giulia, la spia

    Treno d'andata: 7.45 con 5 minuti di ritardo, ma 9 carrozze e stretti, ma ci si sedeva.Treno di ritorno: 18.15. Per la fretta non ho contato le carrozze ma era... Leggere il seguito

    Da  Dreamerjuls
    DIARIO PERSONALE, PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI, TALENTI
  • Quando giocava la ddr

    Quando giocava

    Ma la Germania gioca contro la Germania?Domanda plausibile a otto anni,il senso di quell'est/ovest non ce la facevo ad afferrarlo. Leggere il seguito

    Da  Robyp
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, TALENTI
  • La regina dell'avana - finale -

    regina dell'avana finale

    Al mattino andiamo al PARCO DELLO YUNQUE, che è una montagna con la sommità piatta, già citata da Colombo nel diario del suo primo viaggio. Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Buona la seconda... e anche la terza!

    Ebbene sì, ieri mi sono rifatta alla grande. 2 borse, 2 vestiti, un coprispalle e un antitaccheggio. No, no, giuro che ho pagato tutto e non mi sono data alla... Leggere il seguito

    Da  Bri
    PER LEI, TALENTI
  • La scomparsa di Shiwon

    scomparsa Shiwon

    I gatti si sa, quando vivono in famiglia, ne acquisiscono tutte le abitudini e ne scoprono tutti i segreti. Sentono in anticipo gli umori dei componenti e... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    DIARIO PERSONALE, TALENTI