Magazine Diario personale

La Lavannara

Da Antonio

La classica lavandaia scendeva il lunedì dalle colline del Vomero, di Posillipo, di Antignano, dell’Arenella. Quella più povera munita di un’ampia sporta, quella fortunata accompagnata da un asino. La biancheria raccolta per casa – la “mappata” – veniva insaponata, lavata in una tinozza o in un torrente, asciugata e restituita candida e profumata il venerdì.
Fili di cotone di vario colore evitavano di confondere i committenti.
Alcune “lavannare” lavoravano per una “maestra” che le riuniva in una specie di cooperativa; altre operavano a domicilio, alla giornata, e venivano dette “giornaliste”.
Achille De Lauzières, nel De Boucard, descriveva l’abbigliamento tipico – ma già in disuso – di una “lavannara”: «corsaletto di seta rossa o cileste, gonna di colore opposto a quello del giubbetto, e senaletto bianco: al piede aveva zoccoli guarniti di nodi di nastri: al collo catenelle d’oro o piuttosto laccettini di Venezia: alle orecchie una specie di pendenti…»
Adoratrici del sole – ricordate l’antichissimo canto? «Jesce sole, jesce sole, / non te fa cchiù sospirà» – le “lavannare” erano tradizionalmente belle, bellissime. Un esempio di rime sospirose in una vecchia canzonetta: «Lavannarella mia, / si’ bella nfra le belle, / tu si’ tra le nennelle / no sciore de bontà». Più carnale l’ispirazione di Raffaele Viviani in “Lavannaré”: «…sti braccia dint’ ‘a scumma d’ ‘o ssapone / me fanno cunzumà d’ ‘a passione».
L’opera della lavandaia veniva completata dalla “stiratrice”, specializzata in camice da uomo. Due versi di Ferdinando Russo:
Vicino à casa mia, ‘ncopp’ ‘a Nfrascata,
tre ffigliole faticano a stirà.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La fusione

    fusione

    [la storia antica quattordicesima parte] Leo lasciò il diario aperto vicino al letto di Lelay e si ritirò nella sua stanza, sfinita, umiliata e delusa ma... Leggere il seguito

    Da  Galadriel
    DIARIO PERSONALE, POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • La terra.

    Sono le 13. Al castello, nel punto più alto della città. Sovrasta un paesaggio verde, a tratti marrone, striato. E' la terra che si vede da qui. Non si vede lo... Leggere il seguito

    Da  All_aria
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La Rèsce

    Rèsce

    Ribloggato da germogliare: 5 marzo, non ricordo l’anno, si è ammassato nella mia memoria. I coriandoli, una reminiscenza, c’erano i coriandoli, quelli piccoli,... Leggere il seguito

    Da  Germogliare
    POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • La lasagna

    lasagna

    Non me ne vorranno le pasionarie del gentil sesso, se mi lancerò nel raccontare (sorvolando sui dettagli anatomici) di questo terzo e rarissimo orifizio, posto ... Leggere il seguito

    Da  Carlo Tosetti
    DIARIO PERSONALE, POESIE, TALENTI, DA CLASSIFICARE
  • La stanzina

    stanzina

    C'era, in fondo al corridoio della casa dei nonni, la " Stanzina". Era piccola e aveva una finestra che si affacciava sulle verdi colline intorno, così che lo... Leggere il seguito

    Da  Lifarnur
    POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • La figata

    Domani e fino a mercoledi 15 sono a Tokyo. La figata dei viaggi mensili nella Metropoli Tentacolare.Venerdi sabato & nonche’ nientepopodimenoche domenica (fino ... Leggere il seguito

    Da  Albino
    DIARIO PERSONALE, ITALIANI NEL MONDO, TALENTI, VIAGGI
  • La bellezza

    bellezza

    Non credo di averci fatto troppo caso finora. Non ci prestavo granchè attenzione, né su di me, né fuori di me. Giravo per il mondo (purtroppo un piccolo pezzo d... Leggere il seguito

    Da  Silvia
    DIARIO PERSONALE, TALENTI