Magazine Cucina

La nostra crema catalana

Da Consuelo Tognetti
Ed ecco a voi il dessert!Da un po' di tempo mio marito esprimeva il desiderio di cimentarsi in altre preparazioni dolci che non fossero le solite torte per la colazione. Nello specifico voleva a tutti i costi preparare la crema catalana, da lui spassionatamente amata, tanto che ogni volta che ci capita di uscire a mangiare fuori ci completa molto volentieri i suoi pasti!Ho cercato la ricetta su internet ma nessuna riuscita a soddisfarmi..poi mi sono ricordata di avere un librino di ricette spagnole e lì ho trovato esattamente quello che volevo! Ci siamo messi all'opera ed è stato molto più semplice del previsto, l'apprendista pasticcere (o dovrei dire pasticcione?!) si è comportato bene, tanto che la prossima volta eseguirà tutti i passaggi senza la mia supervisione (forse sto esagerando?!)Il contributo fondamentale, poi, è stato quello del caramello..provate ad immaginarvi la scena...io super intimorita che avrebbe dato fuoco alla mia amata cucina, con già pronto il numero dei pompieri da chiamare, e lui con la fiamma sguainata da saldatore alle prese con queste piccole ed innocue ciotoline!!! Alla fine è andato tutto bene ed il risultato ci ha letteralmente conquistati!
La nostra crema catalana

Dosi x 6 piccole porzioni:

500 ml di latte*

3 tuorli
100 g di zucchero semolato
20 g di amido di mais
1 cucchiaino di cannella in polvere**
1 pezzetto di scorza di limone non trattato
1/2 bacca di vaniglia
Zucchero di canna per la superficie

*Sarebbe consigliabile il latte intero ma io ho utilizzato quello parzialmente scremato ed è venuto buonissima ugualmente.

**Preferibilmente si dovrebbe utilizzare la corteccia ma non ce l'avevo.
La nostra crema catalana

Cuocere a fiamma dolce il latte insieme alla scorza di limone, la cannella e la bacca di vaniglia incisa per la lunghezza per 5 minuti.


La nostra crema catalana

Togliere dal fuoco e far intiepidire.

A parte battere energicamente i tuorli con lo zucchero semolato e l'amido fino ad ottenere una crema bianca ed omogenea.

La nostra crema catalana

Filtrare il latte in un colino a maglie fini e versare a filo sulla crema di tuorli continuando a mescolare con la frusta per non formare grumi. 


La nostra crema catalana
La nostra crema catalana

Versare nuovamente tutto nella pentola e cuocere a fiamma dolce fino a farla addensare.


La nostra crema catalana

Versare nelle ciotoline di ceramica e far raffreddare a temperatura ambiente. 


La nostra crema catalana

Poi riporre in frigo per almeno un ora.

Togliere dal frigo poco prima di servire. Spolverare la superficie con 1-2 cucchiaini di zucchero di canna e caramellarlo con un cannello da pasticciere.
La nostra crema catalana
Noi abbiamo utilizzato quello da campeggio che ha mio marito nell'attrezzatura del lavoro..è stato un rimedio altamente soddisfacente! Servire subito.
La nostra crema catalana

In molte ricette ho letto che si può caramellare lo zucchero sotto il grill caldo del forno, ma la  versione originale lo sconsiglia perché si rischia di scaldare troppo la crema sottostante compromettendone il sapore finale e perdendo quel delizioso contrasto croccante sopra/freddo sotto, che la caratterizza. 

La nostra crema catalana

Le creme pronte si conservano in frigorifero per 3-4 giorni. Il passaggio finale dello zucchero caramellato va effettuato poco prima di servire.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La giardiniera

    giardiniera

    L’orto in un barattolo così si può sinteticamente descrivere la conserva che stiamo per raccontare. Una conserva dei tempi andati: quando il mondo era più... Leggere il seguito

    Da  Piac3r
    CUCINA, RICETTE
  • La senape me la faccio da me

    senape faccio

    La storia di come mi sia mai venuto in mente di provare a fare in casa la senape si lega ancora una volta ad una delle mie trasferte inglesi: facevo un giro... Leggere il seguito

    Da  Betuli
    CUCINA, RICETTE
  • Bigné! La Pasta Choux!

    Bigné! Pasta Choux!

    Quando si va in pasticceria è inevitabile notare i dolci forse più comuni in Europa: i Bigné!Ripieni, glassati, con la granella, ci sono una miriade di maniere... Leggere il seguito

    Da  Maritoallaparmigiana
    CUCINA, RICETTE
  • La nutellotta

    nutellotta

    Incredibile come un dolce cosi,' possa trasformarti le giornate dandoti un po' di energia.Un periodo cosi' non lo ricordavo da tempo,siamo spettatori di tanti... Leggere il seguito

    Da  Lisa51
    CUCINA, RICETTE
  • La Cotognata

    Cotognata

    Ci sono alcune cose che mi ricordano proprio l’inverno e le mele cotogne sono una di quelle. E se pensiamo alle cotogne, inevitabile finire per fare una... Leggere il seguito

    Da  Forchettinagiramondo
    CUCINA, RICETTE
  • La pastiglia del mese

    pastiglia mese

    Pastiglia di Natale al biscotto LeoneStessa forma e stessa croccantezza di sempre in uno stopponcino di zucchero che profuma di feste. Leggere il seguito

    Da  Dolcemporiofirenze
    CUCINA, RICETTE
  • La sbrisolona

    sbrisolona

    Una ricetta d'altri tempi, sembra risalga a prima del '600...stupisce per la sua semplicità di ingredienti e perché è così facile da fare...niente robot,... Leggere il seguito

    Da  Ilcuorearrosto
    CUCINA, RICETTE

Dossier Paperblog

Magazines