Magazine Cultura

La tecnica è nella storia

Da Marcofre

Già, la tecnica. Mica semplice conquistarla, ma prima di arrivare a questa fase, forse c’è ancora qualcosa da tenere ben presente.

Quello che non è chiaro è che ogni storia ha la sua tecnica, perciò è inutile cercare “La” tecnica che ci risolverà sempre e comunque tutti i problemi.

Quando per esempio l’azione di un racconto o romanzo si sposta in un’altra città, diventa necessario rendere giustizia a questa città. Come si fa? Ci vuole la tecnica, per Giove! Bene: quindi?

Quindi buon lavoro.
La tecnica che si acquisisce non è il passe-partout che in maniera miracolosa interviene, e risolve i problemi. Non è il “deus ex machina” da invocare perché ci tolga le castagne dal fuoco.

 

“Oh, grande e sublime Tecnica! Vieni a me! Aiutami coi tuoi superpoteri!”.

 

Niente del genere. Sarebbe anche troppo facile, non ci sarebbe gusto, vero? E le cose semplici non abitano la scrittura.

La soluzione di solito si trova nella storia. È lei che agisce come una specie di lievito che permette di superare i problemi. La storia in un certo senso “contiene” la tecnica, e questo significa che ha la soluzione. Ma anche che ogni storia ha una sua tecnica, e per questa ragione è inutile cercare di impararla. Perché?

Perché quando si affronta una nuova storia, occorrerà cambiarla perché quello che affrontiamo sulla pagina è per forza di cose differente. Non c’è una tecnica che possa andar bene per tutto.

Quindi i libri sulla scrittura, o le scuole di scrittura sono perdite di tempo? No, non significa affatto che le scuole di scrittura o i libri siano inutili. Lo sono se vendono l’illusione di consegnarti le chiavi per il magico regno delle Lettere. Se affermano di insegnarti la tecnica e che dopo non avrai più problemi, perché sarà tutto in discesa.

Se vuoi scrivere, le difficoltà che incontrerai dovrai risolverle da solo.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Perdere la testa

    La lettura deve diventare una sorta di centro di comando, o di potere, nella vita di chi vuole scribacchiare. Solo se si accetta questo, e si è forniti di... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • Quando la voce crea sconcerto

    Scrivere con voce umana (attenzione: la propria) è forse la sfida più complessa. Lo so, sembra un discorso bizzarro: come si fa a scrivere con voce umana?Non è... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • La visione dello scrittore

    La domanda può apparire sciocca: ma per quale ragione Dickens, Tolstoj e Dostoevskij hanno iniziato a scrivere? Loro sono vissuti in un periodo storico dove... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • La linea di confine

    Melville aveva la balena bianca. Per sua fortuna è vissuto nell’Ottocento; se avesse scritto quel romanzo adesso, probabilmente dovrebbe rendere conto non... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • La bellezza della scrittura

    Come riuscire a capire la bellezza di una scrittura? Esiste un metodo, o dei parametri, che permettano di comprendere che quanto si legge (o si scrive) non è... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • Precipitare dentro la storia

    Quando si legge una storia, romanzo o racconto che sia, si precipita. Si cade dentro il mondo che un autore ha costruito. Senza fretta, con continue revisioni... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • A volte la sorpresa può essere un errore

    Poi proseguirono il loro cammino. Questo è il finale di “Gente Indipendente”, dello scrittore islandese Halldór Laxness. Negli anni Cinquanta vinse il Nobel... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI