Magazine Società

Le affissioni selvagge delle edicole

Creato il 02 febbraio 2011 da Riprendiamociroma
Crea le tue foto ed immagini come Slideshow per eBay, Netlog, MySpace, Facebook o la tua Homepage!Mostrare tutte le immagini di questo Slideshow
Sono un residente di S. Lorenzo, e voglio raccontarvi la scenetta che avviene ogni mattina a Piazza dei Siculi, nei pressi dell'edicola, ripresa dalla mia finestra. Intorno alle 8.00 arriva un furgoncino, che ovviamente parcheggia davanti ai secchioni (foto 1). Dal furgoncino scende un omino armato di cartelloni e spillatrice, che inizia ad attaccare cartelloni pubblicitari di inserti editoriali e periodici a qualunque supporto verticale (foto 2). Notate che non si accontenta di usare i pali dei segnali stradali, ma riveste per bene anche il tronco di un albero. Quando va via, ha affisso cartelloni abusivi a ben 4 fra alberi e pali (foto 3). La cosa, già squallida di per sé, diventa terribile quando piove (foto 4). Ho chiesto all'edicola nella piazza se fosse in qualche modo collegata all'attività dell'omino. La signora che ci lavora mi ha detto che si tratta di una iniziativa dell'editore, che provvede da solo a mandare l'omino. Io faccio notare che si tratta quanto meno di un'affissione abusiva, oltre che di una immane schifezza. La signora mi risponde: "a me non dà fastidio, e poi la cacca dei cani è peggio", al che io: "Ma che fa, una classifica dell'orrore?" Vorrei sapere a chi posso denunciare questa cosa con la speranza che cessi, scommetto che una cosa del genere non avviene neanche nelle favelas di Rio né negli slum di Bombay. Ah, non è finita: per fortuna solo dopo che il furgoncino è andato via, passa anche il camion dell'AMA che svuota i secchioni (abbondantemente dopo le 8, quindi immaginate le code che crea a volte...) Si ferma davanti ai secchioni, e l'autista scende. Penso: starà andando a togliere i cartelloni. Macché: lascia il camion IN MEZZO ALLA STRADA e va a prendersi il caffè al bar (foto 5). Io a Roma non ci sono nato. Ci sono venuto in cerca di un lavoro e di una dignità. Ma che dignità è possibile in questa citta'? (Marco Marletta)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Le bombe a grappolo

    bombe grappolo

    Il primo agosto 2010 è entrata in vigore la Convenzione internazionale sulle cluster bomb che proibisce produzione, impiego, immagazzinamento e trasferimento... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Le donne...

    donne...

    Lo scrivo ora, che magari nessuno mi legge. E che, a lanciare messaggi in bottiglia si ha sempre la convinzione ma anche la disillusione che qualcuno li legga. Leggere il seguito

    Da  Gians
    SOCIETÀ
  • Papi e le ammucchiate

    Papi ammucchiate

    Berlusconi: mai piu' ritorno ad ammucchiate del passato. Patrizia D'Addario pare non abbia gradito l' affermazione del premier. Leggere il seguito

    Da  Gians
    SOCIETÀ
  • Toccatevi le palle

    Toccatevi palle

    Ecco il suggerimento ai minatori cileni.Tutti noi abbiamo potuto "godere" dei loro dignitosi volti, sono ancora sottoterra e purtroppo ancora per un bel pò lo... Leggere il seguito

    Da  Gians
    SOCIETÀ
  • Ben le sta

    Anna Foa scrive: «Un elemento accomuna, almeno a partire dall’età dei ghetti, l’architettura sinagogale, qualunque ne fosse lo stile, ed è quello di non essere... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    RELIGIONE, SOCIETÀ
  • Le tre principesse.

    Le tre principesse della Birmania, è in queste maniera che sono chiamate in Birmania. Le tre donne sottolineano che per il regime loro sono piuttosto tre... Leggere il seguito

    Da  Paz83
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Libri sotto le stelle

    Libri sotto stelle

    Grande Partecipazione a VicoEquense a"Libri sotto le stelle"xstraordinaria presenza di Raffaele Cantone e Luigi de MagistrisPresenza delle grandi occasioni... Leggere il seguito

    Da  Massimocapodanno
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ