Magazine Cinema

Le nevi del Kilimangiaro ( 2011 )

Creato il 14 giugno 2012 da Bradipo
Le nevi del Kilimangiaro ( 2011 )Adoro Guédiguian.
Lo adoro fin da prima che riuscissi a pronunciare correttamente il suo nome.
Il ricordo è quello di un film visto a una rassegna un po'sfigata ( che infatti dopo qualche anno ha chiuso i battenti assieme al cinema in cui era programmata), una storia d'amore sui generis, Marius et Jeannette, sullo sfondo per me inedito dei vicoli e del porto di Marsiglia .
E poi ho ancora nel cuore quello che per me è il suo film più bello, La ville est tranquille  con ancora Marsiglia a fare da sfondo a storie di umana disperazione.
Molti accostano Guédiguian a Loach e sarà pure vero che ci sono alcuni punti di contatto: raccontano entrambi il proletariato, la lotta di classe , il disagio sociale ma mentre il regista inglese non ha un punto di riferimento geografico fisso nella sua Inghilterra, il cineasta francese racconta soprattutto Marsiglia, il suo porto, le sue contraddizioni.
Cosa che succede anche in questo Le nevi del Kilimangiaro, storia del sindacalista Michel che estrae dal bussolotto il suo nome assieme a quello di altri suoi 19 compagni di lavoro al porto che devono essere messi sotto cassa integrazione. Gli è parso il metodo più giusto stabilire tutto a sorte.
Michel è una figura di proletario idealista, incapace di prendere vantaggio dalla sua posizione, vive una vita serena nonostante tutto (anche la mancanza del lavoro) con la moglie Marie Claire e circondato dai suoi nipotini.
Parenti e amici alla festa del loro anniversario regalano loro due biglietti per un viaggio in Kenya e una cassettina piena di soldi per le spese accessorie. Michel ha invitato i colleghi di lavoro, soprattutto quelli che lo hanno perso come lui, anche se qualcuno lo conosce a malapena. La solidarietà, suppongo.
Una brutta sera Michel e Marie Claire vengono rapinati da due figuri che sanno benissimo dell'esistenza della cassetta coi soldi.
E qui cominciano i dubbi di Michel : perchè scopre chi ha fatto il furto, lo denuncia ma poi scoprendone la condizione sociale disagiata cerca di fermare tutto.
Però la macchina della giustizia è già partita.
I dubbi vengono al vecchio socialista di stampo ottocentesco ( non a caso il film è ispirato a Les pauvres gens di Victor Hugo) quando vede le conseguenze del suo gesto: se le colpe dei padri ( o dei fratelli maggiori) non devono ricadere sui figli o sui bambini che compongono un nucleo familiare, allora Michel ha sbagliato nel tirare a sorte chi doveva andare in cassa integrazione.
Le nevi del Kilimangiaro ( 2011 )Il proletariato del resto è incapace di farsi classe sociale e lui con la sua casetta, i suoi nipoti e una certa tranquillità economica visto che è alle soglie della pensione, è diventato un piccolo borghese rammollito e non più un lavoratore pronto alla lotta.
Stavolta Guédiguian  parla nuovamente  di lavoro ( e di Marsiglia) ma forse lo fa con toni meno accesi, il suo realismo si tinge di favola in una finale consolatorio ma non ruffiano , rispolverando il vecchio concetto di solidarietà umana prima che sociale.
Il suo cinema sempre orgogliosamente uguale a se stesso (e sintomatica in questo senso il voler lavorare sempre con lo stesso cast di volti familiari e sempre con la stessa troupe)  stavolta sembra più riconciliato, la fotografia privilegia i toni caldi quasi a voler avvicinare la vicenda raccontata a una bella favola da raccontare.
In questo senso possiamo addirittura avvicinare questo film  alla fiaba di Miracolo a Le Havre .
Guédiguian e Kaurismaki, due cineasti agli antipodi per tante cose, probabilmente non sono mai stati così vicini.
Le nevi del Kilimangiaro è la storia del proletario vecchio stampo Michel che cerca di adeguarsi ai mala tempora che stanno arrivando.
Il regista marsigliese come al solito si proietta amorosamente nei suoi personaggi , probabilmente anche lui e il suo cinema vecchio stampo si sentono inadeguati al tempo che sta scivolando via.
Tra le tante sequenze da ricordare mi piace indicarne due: la scoperta, dolorosa, da parte di Michel dell'identità del suo rapinatore (e della sua situazione familiare) complessa e quella al bar in cui un giovane barista gioca con Marie Claire a suon di cocktail, long drinks e citazioni letterarie.
Jean Pierre Darroussin (presente anche nel film di Kaurismaki nei panni del commissario che aiuta il protagonista) e Ariane Ascaride sono due attori fantastici.
( VOTO 8 / 10 )

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Le iene

    iene

    Regia: Quentin TarantinoOrigine: USAAnno: 1992Durata: 99'La trama (con parole mie): quando il vecchio, granitico Joe organizza una rapina in una gioielleria... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Le belve

    belve

    USA 2012 Titolo Originale: Savages Regia: Oliver Stone Cast: Taylor Kitsch, Aaron Johnson, Blake Lively, Salma Hayek, Sandra Echeverría, Benicio Del Toro, John... Leggere il seguito

    Da  Shaqino
    CINEMA, CULTURA
  • Sciogliersi al sole, come le nevi del Kilimangiaro

    Sciogliersi sole, come nevi Kilimangiaro

    In Italia è stato distribuito in sordina, io l'ho appena visto sull'aereo, in volo da Amsterdam a Kuala Lumpur: Les Neiges di Kilimandjaro (le nevi del... Leggere il seguito

    Da  Treasures
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Le mani

    mani

    Prendersi per mano, un gesto semplice, innocente, protettivo, che non conosce codici culturali o cronologici, che da sempre denota attenzione, cura, affetto,... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA
  • Le duellanti

    duellanti

    Ho cominciato a sentir parlare di Meryl Streep quando ancora avevo tutti i capelli in testa (e ne è passato di tempo...): 'Lady Oscar' il suo soprannome... Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CULTURA
  • Le foibe

    foibe

    Ieri pomeriggio ho ricevuto un sms da Marco Rizzo,segretario nazionale di CSP,Comunisti sinistra popolare,in cui mi diceva che alla sera sarebbe stato da Vespa... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA, TELEVISIONE
  • Le vestali

    vestali

    erano le sacerdotesse della dea Vesta, divinità del focolare domestico e dello stato (la grande famiglia). Dapprima in numero di quattro, le Vestali furono poi... Leggere il seguito

    Da  Lory663
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA

Dossier Paperblog

Magazines