Magazine Cucina

Lettera a QUELLI DEL SABATO

Da Salequbi
Lettera a QUELLI DEL SABATO
Lettera a QUELLI DEL SABATO
Cari ragazzi,ho pensato tanto a quello che avrei dovuto scrivere perché il timore di non riuscire ad esprimere a parole quello che ho vissuto era parecchio.
Domenica scorsa (un po' scorsa..) ho avuto la possibilità di incontrarvi e l'emozione e la commozione son state tante.Anche se, se devo essere onesta, in realtà avevo iniziato già a commuovermi quando ho ricevuto il vostro invito, ho studiato il vostro sito, ho letto la vostra storia e ho visto le vostre foto.
E ok che di solito io sono quella-che-non-fa-testo-perché-piange-pure-con-la-pubblicità (e non solo quando fa pena), ma l'aver potuto infilare la testa un momento, come si fa nei migliori acquari, in quello che è un mondo bello, è stato davvero toccante e non ha fatto altro che alimentare la lacrimuccia.
(E sì, lo so cosa state pensando voi lettori. Che queste non sono frasi da me, che sono talmente sdolcinate da sembrare una presa per in fondelli e blablabla. E invece è tutto vero. Giuro. È che io a volte sembro una bbbestia. Ma in realtà ho un cuore di formaggio.)
Tornando a noialtri, ma più a voialtri, ci terrei a ringraziarvi pubblicamente.
Grazie per i per i vostri sforzi e per il vostro impegno.Perché nonostante anche voi, come tutti noi, abbiate un lavoro da lavorare, una famiglia da curare, la spesa da fare, i pasti da preparare, i piatti da lavare, le camicie da stirare, le piante da innaffiare (e potrei anche andare avanti all'infinito ma anche no) a differenza nostra voi fate anche questo.
Grazie per farci da esempio.Un po' meno per far sentire noi delle merde.
Grazie perché non vi fate spaventare dal diverso. E perché ci insegnate che non c'è nessun motivo per il quale il diverso dovrebbe far paura.
Grazie perché non fate finta che siamo tutti uguali.Perché sapete riconoscere e valorizzare le differenze. E perché sapete anche scherzarci su.Perché l'ironia, quando è fatta con l'altro e non sull'altro, è essa stessa accettazione e integrazione.
Grazie per farci riflettere sul fatto che in fondo ognuno di noi, a modo suo, ha dei limiti e delle anormalità. E che non è mica detto che solo perché se non si vedono dal di fuori non esistono.
Grazie perché considerate il prossimo sulla base di quello che sa fare e non sulla base di quello che non sa fare.
Grazie per non esservi arresi davanti alle difficoltà. E per aver creduto in quello che stavate facendo.
Grazie per avermi invitato.
Grazie per avermi intervistato.E grazie per non avermi fatto vedere l'intervista.
Grazie per le vostre risate.E anche per il vostro riso.
Grazie per l'ottimo aperitivo, l'ottimo pranzo e l'eccellente servizio.
Grazie per gli allestimenti e per le grafiche fantastiche.Perché ho visto non solo qualcosa di buono e bello ma anche qualcosa di bellissimo.
Grazie per avermi fatto capire che in fondo a volte le persone che sembrano anormali sono più normali di quelle che tanto normali si credono.
E infine potrei concludere con:ma soprattutto grazie di cuore per aver reso migliore il mondo in cui vivo.
Ma dato che non voglio far vomitare nessuno concluderò invece con il sempre trendy:ma soprattutto Grazia, Graziella e grazie al..........
Tutte le info dell'associazione qui:
QUELLI DEL SABATO
Associazione di volontariato a favore di ragazzi diversamente abili

Mentre qui quelle del progetto:
FATTI UNA RISATA
Lettera a QUELLI DEL SABATO
Lettera a QUELLI DEL SABATO
Lettera a QUELLI DEL SABATO
Lettera a QUELLI DEL SABATO

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Quelli che...

    Quelli che...

    ... si sono persi almeno una volta tra gli scaffali di questa libreria, tra 1.000 titoli e suggestioni letterarie.Quelli che...Quelli che... vorrebbero salvare... Leggere il seguito

    Da  Unostudioingiallo
    CULTURA, GIALLI, LIBRI
  • Lettera del giornalista col mutuo da pagare al collega idealista

    Lettera giornalista mutuo pagare collega idealista

    … dio santo! Chi fa il giornalista sa di viaggiare su una zattera in mare tempestoso. Nessun luogo, nessun editore è sicuro. Non viviamo nell’eden. Le esperienz... Leggere il seguito

    Da  Cremonademocratica
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA ITALIA
  • Le FIBRE del sabato sera

    FIBRE sabato sera

    Sabato c'è stata l'uscita goliardica della squadra di calcio 'Le Svoltaren', programma di tutto rispetto: Bowling e Cena. Considerato che in questo periodo Pong... Leggere il seguito

    Da  Scleros
    DIARIO PERSONALE, PER LEI
  • Quelli che...

    Quelli che...

    A distanza di pochi giorni dalla morte di Enzo Jannacci ed in omaggio alla sua vena anarcoide ed iper-umana, ripropongo in questo blog i miei molto meno nobili... Leggere il seguito

    Da  Stanza51
    CULTURA
  • Le mattine del sabato

    Se c’è una cosa scolastica che alla ‘povna – che pure è animale notturno (e dunque a svegliarsi all’alba patisce un poco sempre) – piace particolarmente, sono l... Leggere il seguito

    Da  Povna
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, SCUOLA
  • Lettera aperta del Comitato Antisfratto dopo le dichiarazioni dell’avvocato...

    Come Comitato Antisfratto non possiamo che essere amareggiati nel leggere le dichiarazioni dell’avvocato Luca Curatti rilasciate al quotidiano online CremonaOgg... Leggere il seguito

    Da  Cremonademocratica
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA ITALIA
  • Un sabato al salone del libro

    sabato salone libro

    Ed eccomi qua, davanti a questa pagina bianca a cercare di fare mente locale per raccontarvi come è andato il mio Salone del Libro quest'anno. Leggere il seguito

    Da  Lalettricerampante
    CULTURA, LIBRI

Dossier Paperblog

Magazines