Magazine Lavoro

Lettera al padrone Marchionne

Creato il 17 gennaio 2011 da Lebarricate @gaetano_rizza

Caro Marchionne, lo so, è scandaloso che un uomo dichiaratamente di destra come me non si sia rallegrato del risultato a te favorevole del referendum al quale hai sottoposto i dipendenti della Fiat.
Lo so che tutti quelli dello schieramento politico a cui mi onoro di appartenere si sono felicitati con te, so anche che buona parte dello schieramento a me avverso ha fatto altrettanto..
Cosa ti devo dire.. i miei dicono di essere contenti, ma lo sono solo per partito preso, gli altri, la sinistra, dicono di essere contenti perchè votare per il sì era la soluzione migliore per la Fiat e per i lavoratori stessi.
Io invece credo che anche i comunisti stessi non sappiano più fare i comunisti, anche se qualche distinzione, seppur strumentale dalla a sinistra c’è stata, vedi Vendola, Ferrando, la Fiomm etc..
Ho già raccontato nel mio articolo precedente la mia situazione di prepensionamento forzato (insieme ad altri colleghi) a cui sono stato obbligato dal “Marchionne de noantri” dell’ex mia azienda.
La scuola presso cui insegna mia moglie, dal primo gennaio di quest’anno non è più comunale, ma è diventata una fondazione che, assicurano, manterrà lo stesso trattamento economico e contrattuale dei comunali, come prima.
Anche questo è stato fatto senza considerare l’opinione del dipendenti stessi che pensano proprio che le cose non andranno davvero così, in quanto una volta staccati dal comune, avranno sì, subito, lo stesso trattamento contrattuale dei comunali per forza di cose, ma essendo, la nuova fondazione, una realtà diversa, rimarrà naturalmente sganciata dal comune e proseguirà quindi per i fatti suoi, con meno garanzie di quando era una scuola comunale.
Così tutti gli insegnanti di quella scuola, si sono ritrovati ad essere dipendenti di una realtà diversa da quella per cui hanno lavorato per anni e anni e per la quale avevano fatto precariato, concorsi, accumulato punteggi, etc, etc..
Le garanzie che avevano prima non le avranno più.
Racconto i casi miei e di mia moglie, dirai, ma sono i casi anche dei miei colleghi e dei colleghi di mia moglie.. e di tanti lavoratori in Italia, perchè sembra proprio che i diritti che si erano acquisiti nel secolo scorso, piano piano vengano riassorbiti.
Intendiamoci, il mio non è un discorso a favore dei sindacati perchè spesso sono stato contro il loro volere ottenere per forza delle fette di torta più grosse della torta stessa, per questo non mi ero mai iscritto ad un sindacato, prima che arrivasse in azienda il Marchionne de noantri. La mia dignità non me l’hanno data i sindacati, le mie capacità lavorative e le mie competenze nel mondo del lavoro neanche. E nemmeno il mio essere un lavoratore del 3° millennio dell’era cristiana e non più uno schiavo, mi è stato dato dai sindacati..
Caro Marchionne e cari tutti i Marchioncini che vogliono emulare le tue prodezze, se vogliamo stare al passo coi Paesi che si stanno industrializzando adesso e che ci fanno concorrenza, non dobbiamo utilizzare i loro metodi indiani o cinesi, ovvero, lavoro uguale a schiavitù e mancanza di diritti dignità, e lavorare a testa bassa, perchè questa sembra la strada che state intraprendendo..
Dobbiamo farlo con le capacità di un popolo occidentale, con la testa e non “a calci in culo” come in Cina. Dobbiamo farlo col progresso e non ricattando i lavoratori con un barbaro referendum..
Colpiamo i lavativi, sì, ma non diamo addosso alla civiltà acquisità in secoli e secoli.
Il servilismo non fa per i lavoratori seri e dignitosi.
Hai capito, Marchionne e tutti voi di destra e sinistra che avete applaudito al nuovo modo di essere “padroni”?

Amen

0

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Marchionne…che simpatico!

    Marchionne…che simpatico!

    Non scrivo da un bel po’, troppo incasinato con il lavoro, la famiglia e gli impegni serali. Ma tante cose ovviamente si succedono, anche se io resto al palo. Leggere il seguito

    Da  Mriitan
    ECONOMIA, IMPRESE, LAVORO, SOCIETÀ
  • Marchionne e il colore dei numeri

    Marchionne colore numeri

    foto:flickr Adesso voglio dire la mia. Non è che pretendo anche di essere ascoltato, ma non ho voglia di prendermi troppi pomodori marci in faccia. Il fatto è... Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    ATTUALITÀ, IMPRESE, LAVORO, SOCIETÀ
  • Marchionne

    Marchionne

    Ieri ho visto Marchionne da Fazio e a meno che non abbia sparato cazzate piu' grandi di lui,ma non mi sembra il tipo,per il futuro della Fiat c'e' poco da... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    ECONOMIA, IMPRESE, LAVORO, SOCIETÀ
  • I quesiti del dopo Marchionne

    E’ cominciato il dopo-Marchionne. Ovvero il dopo accordo separato, con lo sconquasso deciso nelle relazioni tra sindacati e datori di lavoro. Già la Fiom ha... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • Piccoli Marchionne crescono

    Il modello Marchionne di relazioni tra sindacati e imprenditori, basato sul prendere o lasciare, in nome della crisi e della globalizzazione, sta trovando... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • Marchionne, Fiom dalle balle

    Marchionne, Fiom dalle balle

    “NON possiamo aspettare oltre”. Lo ripete due volte, Donato Stefanelli. Il concetto deve essere chiaro a tutti i militanti. Fiom o non Fiom. Perché la posta in... Leggere il seguito

    Da  Radicalelibero
    LAVORO, SOCIETÀ
  • Il compagno Marchionne

    compagno Marchionne

    Come se non bastasse la Pomigliano-story e la produzione della Panda spostata a Belgrado, ecco l'ultima chicca del padroncino col maglioncino. Qualcuno a... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    IMPRESE, SOCIETÀ