Magazine Cultura

Maria De Filippi come Valerio Scanu vs le case discografiche

Creato il 21 gennaio 2014 da Musicstarsblog @MusicStarStaff

mariad

Prima di Valerio Scanu anche Maria De Filippi aveva preso posizione contro le case discografiche. In una recente intevista rilasciata a La Repubblica il cantante,  secondo ad Amici e vincitore del Festival di Sanremo 2010, ha dichiarato: “Chiunque acquisti notorietà grazie a un talent show corre il rischio di essere usato o poi gettato via dalle major del disco” spiega. “Ad Amici questo rischio riguarda oltre il 95 per cento dei casi”.

Ed ecco la classifica ciliegina sulla torta questa volta ad opera della stessa  Maria De Filippi  che in una  sua intervista rilasciata a Vanity Fair,  nel maggio del 2012, sembra supportare le parole dell’ex allievo della “sua” Scuola:

Ho visto i discografici lavorare male con i ragazzi che alla fine mi sono imposta di seguirli io, personalmente. Li prendevano, li usavano per un paio di mesi e poi li mandavano a casa con un calcio nel culo“, afferma senza mezzi termini la presentatrice. “Cerco di dare ai ragazzi buoni consigli anche contro la volontà delle loro case discografiche. E loro, sapendo che non ho interessi economici, si fidano di me. Non prendo un euro dai loro prodotti discografici e, finchè lo vorranno, io per loro ci sarò. Per me è troppo importante che non finiscano male: non voglio più leggere che li ho mollati”, aggiunge poi la De Filippi. La conduttrice, infine, dice di essere fiera di tanti dei cantanti che ha lanciato lei tramite il suo talent show.

val

Valerio Scanu, conosciuto per non avere peli sulla lingua, ha detto quindi una verità  che trova conferma nelle dichiarazioni di Maria De Filippi, verso la quale invece, il cantante ha sempre avuto parole di riconoscenza e gratitudine inserendola sempre nei ringraziamenti finali durante i suoi concerti. In una recente intervista a Tiscali Valerio le riconosce pure un  tentativo di interessamento nei suoi confronti:

“… anch’io avrei potuto avere l’appoggio di Maria e della sua struttura produttiva se ci fosse stata comunicazione tra lei e la casa discografica. Ma il problema è che a un certo punto i rapporti si sono rotti perché la casa discografica non teneva mai conto di ciò che si era già deciso in precedenza. Così Maria ha alzato le mani e si è messa da parte”.

Peccato, chissà come sarebbe stato il suo percorso sotto la protezione di Maria?  Chissà se il buon Mangiarotti, giornalista assiduo frequentatore della sua Scuola,  avrebbe sostenuto ancora, come è capitato ieri sulle pagine de Il Resto del Carlino, che senza Marco Carta e Valerio Scanu , la vittoria del Festival di Sanremo sarà più vera.

Naturalmente eviteremo di riportare il resto del contenuto dell’articolo,  tenuto conto che la considerazione viene da chi subito dopo la vittoria di Valerio Scanu al festival di Sanremo ha sostenuto nella prefazione al libro Valerio Scanu “Quando parlano di me” di cui è l’autore:

Valerio è tutto fuorchè un bluff “ e ancora: Durante l’anno Maria mi chiese: “Chi ti piace?” Risposi: All’inizio Alessandra, poi ho scoperto Valerio.”Ma è piccolo,non parla mai” obiettò lei con affetto. Puo’ vincere? Io risposi  “Non lo so, ma è intelligente, ironico ha una gran voce. Quindi un futuro”.

E infatti il futuro Valerio Scanu se lo sta costruendo, ma da solo. Lasciata la sua vecchia casa discografica oggi possiede un’etichetta discografica la NatyLoveYou con la quale ha in uscita il 28 di gennaio il primo disco completamente autoprodotto “Lasciami Entrare”  diverso dai precedenti lavori, un popelettronico che accompagna testi per la maggior parte autorali,  orecchiabili e radiofonici e chissà? A questo punto Valerio è libero e …Maria sta sempre là…


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :