Magazine Società

Mi dispiace devo andare (a Roma)

Creato il 28 gennaio 2011 da Pierotieni
E' uno stupore senza fine, uno sconcerto al giorno che toglie il precedente di torno. Questo dialogo dovrebbe restare inciso sui sassi per essere tramandato ai posteri nel caso esploda la rete. Questo dialogo dovrebbe essere letto ad alta voce nelle facoltà di Scienze Politiche perchè è l'affresco più inquietante che sia finora emerso sul degrado che ha raggiunto la politica ai tempi del Sultanino. Più o meno fa così:
sei mesi di gavetta possono bastare per un posto di ministra, che Mara cosa credi, ci ha messo poco più, un anno in parlamento e di corsa al ministero.
che poi devi farti tutto ‘sto mazzo per andare in parlamento quando guadagni solo 2 mila euro in più che in regione a Milano. E poi qui almeno c'ho il pass quando c'è traffico.
si, ma io ci voglio andare subito, e mi sa che mi tocca Roma, che le regionali sono tra 5 anni, mentre le politiche tra poco. Non posso aspettare 5 anni, perchè tra 5 anni io avrò 30 anni.
E tutto questo ha un mandante, IL mandante. E nessuno potrà mai più dire "ma io non lo sapevo" perchè ormai lo vedono pure i ciechi quel che accade. E non sono solo le le leggi ad personam...e il conflitto d'interessi...e blablabla... No, qui si tratta di passare direttamente dal night club alla Regione, dalla danza del ventre al Parlamento, dal palo della lap dance al Ministero. Lo "sputtanamento" letterale di tutte le istituzioni. E bisogna fare pure in fretta caspita, che tra 5 anni ne ho 30!
Silenzio e sgomento.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Settanta mi dà tanto...

    Settanta tanto...

    L'idea di andare a 70 chilometri all'ora in tangenziale non è così peregrina come sembra (mi veniva in mente un'altra parola...). Stamattina, per esempio,... Leggere il seguito

    Da  Saul
    POLITICA, SATIRA, SOCIETÀ
  • Se non mi fermo mi stirano

    fermo stirano

    Faccio seguito alla simpatica immagine postata da Malvino, (il protagonista tuttavia è solo un esempio dell'andazzo) per analizzare una questione non solo mia. Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Siccome mi vergognavo...

    Siccome vergognavo...

    Siccome mi vergognavo ad entrare al supermercato per comprare soltanto un vasetto di olive taggiasche snocciolate liguri, ho ampliato la spesa con una confezion... Leggere il seguito

    Da  Saul
    POLITICA, SATIRA, SOCIETÀ
  • Mi sento bella

    sento bella

    Ieri guardavo il telegiornale e ascoltavo le parole di Napolitano. All'improvviso ho pensato che ancora adesso, quando qualcuno mi rimprovera o mi fa notare... Leggere il seguito

    Da  Luz
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI, SOCIETÀ
  • Questo mi fa schifo

    un ragazzo ucciso a manganellate dai poliziotti a 18anni. Solo 18 anni capito! Meno di quanti ne ho adesso. E questi signori qui si son presi solo 3 anni e 6... Leggere il seguito

    Da  Bekaghein
    SOCIETÀ
  • E se mi suicidassi?

    suicidassi?

    Se mi suicidassi? Mediaticamente, intendo (vorrei tranquillizzare congiunti e tutti quelli che mi conoscono, che a me la vita non puzza per niente). Leggere il seguito

    Da  Silvanascricci
    SOCIETÀ
  • Mi dispiace

    Forse è troppo preso dalle vicende interne (come testimoniano gli scudi umani al palazzo di giustizia a Milano per il suo processo su fondi neri), per dire... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine