Magazine Diario personale

Monologo sul Calcio e sulla Vita

Da Antonio

Il calcio ha significato troppo per me e continua a significare troppe cose, dopo un po’ ti si mescola tutto in testa e non riesci più a capire se la vita è una merda perché il Napoli fa schifo o viceversa. Sono andato a vedere troppe partite, ho speso troppi soldi, mi sono incazzato per il Napoli quando avrei dovuto incazzarmi per altre cose, ho preteso troppo dalla gente che amo. Ok va bene tutto, ma non lo so, forse è qualcosa che non puoi capire se non ci sei dentro… Come fai a capire quando mancano tre minuti alla fine e stai 2-1 in una semifinale e ti guardi intorno e vedi tutte quelle facce, migliaia di facce stravolte, tirate per la paura, la speranza, la tensione, tutti completamente persi senza nient’altro nella testa e poi il fischio dell’arbitro e tutti che impazziscono e in quei minuti che seguono tu sei al centro del mondo e il fatto che per te è così importante, che il casino che hai fatto è stato un elemento cruciale in tutto questo, rende la cosa speciale perché sei stato decisivo come e quanto i giocatori e se tu non ci fossi stato a chi fregherebbe niente del calcio e la cosa stupenda è che tutto questo si ripete continuamente. C’è sempre un’altra stagione. Se perdi la finale di Coppa in maggio puoi sempre aspettare il terzo turno in gennaio e che male c’è in questo? Anzi è piuttosto confortante se ci pensi.

Di quando in quando, non molto spesso però succede, ti capita di scoprire un mondo che funziona diversamente, un mondo che non si ferma a maggio e riparte di nuovo in agosto. Ci sono cose che non tornano più e cose che non se ne andranno mai e cose che non potresti ignorare anche se volessi.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Vita

    Vita

    Tu sei diapason vibranteed io la nota stonata.Ricalchi certezze,ma son’io l’impronta sporcadella tua carta a carboneE la trama per sempre si è perduta. Leggere il seguito

    Da  Parolesemplici
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Vita

    “Nelle azzurre sere d’estate andrò per i sentieri punzecchiato dal grano, a pestar l’erba tenera. Trasognato sentirò la sua frescura sotto i piedi e lascerò... Leggere il seguito

    Da  Farfalla [email protected]
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, TALENTI
  • Vita notturna

    Le notti al Castello sono sempre un po' impegnative, non per le evoluzioni acrobatiche di Biancaneve e dell'Orco ma per i risvegli continui dei bambini,... Leggere il seguito

    Da  Biancaneve21
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Il monologo dell' egoista

    Io, un tempo consapevole.. Sicura e decisa Forte e inflessibile Sognatrice distratta, lottatrice confusa ma fiera.. Belle speranze, tanti ideali Una strada…... Leggere il seguito

    Da  All_aria
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Drink story 2 (monologo)

    Drink story (monologo)

    Negli anni 90 Federico Salvatore scrisse alcuni monologhi molto carini utilizzando marchi e nomi famosi, io nel mio piccolo feci lo stesso scrivendo questo test... Leggere il seguito

    Da  Marimoreno
    TALENTI
  • Vita eterna

    Guardaii le acque luminose fissarmi nel buio in quel luogo sperduto, eternamente eterno. Mi addentrai incuriosito tra l'oro e l'argento La fontana della... Leggere il seguito

    Da  Wiald
    POESIE, TALENTI
  • Vita giovanile.

    Vita giovanile.

    Continuando a sfogliare il libro "virtuale" dei ricordi, la mia attenzione si è soffermata sulle pagine di un periodo di tempo che va dal 1958 al 1962. Leggere il seguito

    Da  Trinat
    DIARIO PERSONALE, RELIGIONE, SOCIETÀ

Dossier Paperblog