Magazine Attualità

Murder Ballads: John Lennon - appuntamento con l'assassino (parte II)

Creato il 12 gennaio 2012 da Nottecriminale9 @NotteCriminale
Sergio Gilles Lacavalla
Murder Ballads: John Lennon - appuntamento con l'assassino (parte II)
Ora la sua voce e le sue prese di posizione avrebbero di nuovo invaso i media. Sarebbero riuscite nell’aria fuori da un appartamento per farsi sentire ovunque. John Lennon amava passeggiare tra gli alberi e i fan di Central Park. Scambiava parole con loro. Anche quel giorno uscì. 
Anche quel giorno firmò gli autografi ai ragazzi che lo fermavano. Faceva un sorriso e firmava. Autografò pure la copia di Double Fantasy nel pomeriggio a un ammiratore chiamato Mark David Chapman. 
Mark David Chapman, che però adesso non sopportava che colui che aveva cantato Imagine risiedesse in una casa da milionario altoborghese come quella nel palazzo all’angolo nord-ovest tra la 72a Street e Central Park West. No, Mark David Chapman, che non poteva permettersi niente di più di una modesta stanza all’ostello dell’YMCA, proprio non poteva sopportarlo. 
Non poteva tollerare, lui, cristiano rinato, dopo una vita di vagabondaggi, droghe e disturbi mentali, come pure di volontariato e di lavoro, che Lennon, un ateo che aveva avuto l’ardire di dichiarare che i Beatles erano «più famosi di Gesù», fosse ancora in giro a sputare le sue falsità. 
Ma, soprattutto, non riusciva ad accettare che lui, Mark David Chapman, non fosse John Lennon. 
Doveva appropriarsi della sua vita per essere come lui. Per farsi illuminare dalla sua gloria per sempre. Famoso come John Lennon. Murder Ballads: John Lennon - appuntamento con l'assassino (parte II)Perché di Lennon, Mark David Chapman rappresentava il destino. “«Un giorno stavo seduto sul pavimento di casa con Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band», ricordò Chapman, «e mi dissi: “E se lo uccidessi?”, John Lennon, così avrei trovato la mia identità togliendogli la sua»” (da “Rockriminal Murder Ballads Storie di Rock Balordo e Maledetto”). 
Per questo si era appostato sotto il Dakota Building. Leggendo e rileggendo un libro: Il giovane Holden. Ma non solo per questo, anzi, alla fine dovette ammettere che questo era soltanto un pretesto. “«C’è che io non so davvero perché ho ucciso John Lennon. So solo di una voce che mi ripeteva “Fallo!” Aprivo il mio libro, ne leggevo qualche passo e la voce mi ordinava di farlo. La sentivo da tempo, ma non ricordo da quanto». 
Sicuramente dal 17 novembre precedente la notte del delitto, quando John Lennon pubblica Double Fantasy e Chapman ne acquista una copia, la voce si era fatta più insistente mentre lui il 27 ottobre già aveva comprato una Smith & Wesson calibro .38, un’arma che sapeva usare bene per i suoi trascorsi come guardia giurata a Honolulu. 
Aveva lasciato il lavoro alle Hawaii ed era andato due giorni dopo a New York, frustrato e arrabbiato come il Giovane Holden, col suo libro e la voce che gli ripeteva «Fallo!» Non lo fece però. Aspettò. 
Compro i proiettili, facendo un salto ad Atlanta in Georgia da un amico, perché a New York non potevano venderglieli in quanto lì il suo porto d’armi non era valido. E si appostò davanti al Dakota fino al 12 novembre senza mai riuscire a incontrare John. 
Poi tornò a casa per qualche giorno dalla moglie – come Lennon al ritorno dal “lost weekend”– non sentendo quasi più la voce. 
Ma la voce tornò continua e forte quando il disco era in tutti i negozi e così, il 7 dicembre, era di nuovo là. 
Prese una stanza in un albergo, lo Sheraton Center Hotel sulla Settima Avenue, e poi si trasferì all’ostello dell’YMCA (firmandosi sul libro delle presenze John Lennon, senza che il portiere se ne accorgesse) e si mise a leggere alcune pagine di una nuova copia de Il giovane Holden” (da “Rockriminal Murder Ballads Storie di Rock Balordo e Maledetto”).

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Google II

    Ecco altri 2 consigli che potete applicare a Google I, la guida per trovare le migliori parole per essere primo su Google:monitorate continuamente le prime 30/4... Leggere il seguito

    Da  Piero Iacono
    MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Vajassa II

    Vajassa

    Ci tenevo a dare uno spassionato consiglio ad Angela Merkel (che so assidua ed attenta lettrice del mio blog, colgo anzi l’occasione per ringraziarla). Leggere il seguito

    Da  Gadilu
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • 1848 – John Stuart Mill

    Se… la scelta si dovesse fare tra il comunismo con tutte le sue possibilita’ tutte ancora da esplicare, e lo stato presente della societa’ con tutte le sue... Leggere il seguito

    Da  Elvio Ciccardini
    SOCIETÀ
  • Le murder ballad di Bruno Vespa

    murder ballad Bruno Vespa

    Lo studio di Porta a PortaIl XXI secolo si è aperto come il secolo della paura. Che si tratti di guerra e terrorismo o di semplici delitti di paese, i temi di... Leggere il seguito

    Da  Episteme
    SOCIETÀ
  • Febbre ii

    se ieri non trovavo pace per il design di questo angolo pubblico-personale che è il blog, oggi non trovo pace con la mia salute.ieri sera sono andata a nanna co... Leggere il seguito

    Da  Maria Chiara
    SOCIETÀ
  • John steinbeck

    John steinbeck

    Dove c’è lavoro per uno, accorrono in cento. Se quell’uno guadagna trenta cents, io mi contento di venticinque. Se quello ne prende venticinque, io lo faccio pe... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    SOCIETÀ
  • John Travolta, molestie gay?

    John Travolta, molestie gay?

    Un massaggiatore ha fatto causa a John Travolta per essere stato aggredito a Berverly Hills: secondo l'uomo Travolta avrebbe fatto delle avances con... Leggere il seguito

    Da  Amoon74to
    DIARIO PERSONALE, GAY, SOCIETÀ