Magazine Cultura

Musica per lettori camaleonti - III

Creato il 20 novembre 2012 da Sulromanzo

Musica per lettori camaleonti - IIILa terza uscita della nostra rubrica, dedicata al legame fra musica e letteratura, alla ricerca della melodia più adatta per assaporare al meglio il lavoro che lo scrittore ha faticosamente costruito per noi lettori, inizia da una domanda: quante cose avete perso nella vita?

 Alcune le avrete perse di proposito, altre si saranno sfilate dalle vostre dita in una notte insonne in cui eravate alle prese con problemi più “concreti”, come riuscire per esempio a rendere insonorizzata la stanza di vostro figlio di sedici mesi, che piange da tre ore ininterrottamente, oppure come dimostrare al “capo” che anche voi siete capaci di decidere e scegliere, almeno una volta all’anno, una volta nella vita. Altre cose, le avrete viste sollevarsi dal vostro corpo, sottili e luminose, chiedendovi perché non provavate nemmeno ad accarezzarle prima che si rifugiassero fra le vostre malinconie. Per ogni gesto perso, per ogni volontà sfumata, per ogni confusa risposta che avrete accettato di conservare, lasciando andare via qualcos’altro, c’era qualcuno che era pronto a raccoglierle, qualcuno che le sfamava, le faceva germogliare e le disseminava, tutt’intorno a voi. Chi? Voi stessi, in un giorno diverso. In uno di quei rari giorni in cui ciò che è necessario per tutti si confonde con ciò che è imprescindibile solo per voi. Giorni in cui il fuoco che vi consuma si appallottola ai vostri piedi, dormiente, lasciando spazio all’acqua che da voi sgorgherà, avvolgendovi, costringendovi a perdere tutto ciò che avete sempre voluto perdere.   

Sarà il momento di afferrare i versi di Elizabeth Bishop, poetessa americana del Novecento, esploratrice per eccellenza delle perdite necessarie. Sarà il momento di andare a cercare la musica di Ludovico Einaudi, pianista e compositore piemontese, scorrendo le tracce di un suo album del 2004, una mattina, soffermandovi su due brani (nuvole nereenuvole bianche) perfetti per arrischiarsi fra le righe di Elizabeth Bishop. Iniziate con una delle sue ultime raccolte (Geography III del 1976) in cui la Bishop pellegrina si muove fra le parole, nuvole veloci e luminose sopra la sua testa, nuvole dense e cupe sotto le sue ali, “cose” che si spostano e si affannano per farsi scegliere e che lei decide di dimenticare per non farsi influenzare dal nome stesso che, a queste cose, abbiamo dato. Nella sua poesia One Art [1] la Bishop ci rammenta che “l’arte di perdere s’impara presto” e che lei ha perso città, fiumi, un intero continente, cose su cose, eppure questa perdita spesso è diventata motivo e linfa per una nuova ricerca. Nuove cose da rubare a quelle nuvole che scorrono su di noi troppo velocemente per concederci una decisione. Quelle nuvole che Einaudi riuscirà a farvi scorrere nel sangue, rintocchi di una domanda, che si affina a ogni pulsazione del suo pianoforte. Quelle nuvole che non potrete raggiungere, a meno di fermarvi ad aspettare che la loro melodia vi doppi, sollevandovi e mostrandovi che perdere non è sempre un disastro. 

     



[1] Le poesie di Elizabeth Bishop sono state trasposte in italiano da Damiano Abeni, Riccardo Duranti e Ottavio Fatica per Adelphi nella raccolta Miracolo a colazione, 2005, con testo originale a fronte. Nella stessa raccolta è presente la poesia One Art (L’arte è sempre quella), cui si fa riferimento nel post.

Media: Scegli un punteggio12345 Nessun voto finora

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Musica people…

    Musica people…

    …… Filed under: amici, filosofia, musica Tagged: CAT STEVENS, MUSICA MAESTRO, SIMON & GARFUNKEL Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Riace in Festival III Edizione

    Riace Festival Edizione

    Si terrà dal 5 all’8 luglio la III Edizione di Riace in Festival, manifestazione culturale-cinematografica che si svolge nel piccolo borgo da cui prende il nome... Leggere il seguito

    Da  Af68
    CINEMA, CULTURA, EVENTI, FESTIVAL
  • Musica tropicale

    Musica tropicale

    Fa caldo, vero? In questo periodo che ancora non si riesce ad accettare come piena estate quei 40 gradi all’ombra non fanno per niente piacere. Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA
  • Il Padrino - Parte III (1990)

    Padrino Parte (1990)

    Regia: Francis Ford Coppola Anno: 1990 Titolo originale: The Godfather: Part III Voto: 7/10 Pagina di IMDB Pagina di I Check Movies Acquista su Amazon (cofanett... Leggere il seguito

    Da  Vomitoergorum
    CINEMA, CULTURA
  • Dov'è sepolto Riccardo III d'Inghilterra?

    Dov'è sepolto Riccardo d'Inghilterra?

    Riccardo IIIRiccardo III, re d'Inghilterra, immortalato in un dramma di William Shakespeare, morì nel 1485 ma, nel tempo, si è persa notizia del luogo in cui... Leggere il seguito

    Da  Kimayra
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • Delikatessen III (dal corno d’Africa)

    Delikatessen (dal corno d’Africa)

    Aua supponeva di avere più o meno 40 anni, ma era nata nella boscaglia: non conosceva esattamente la propria età. Ricordo come questo fatto mi colpì. Era gentil... Leggere il seguito

    Da  Pioggiadinote
    CULTURA, DANZA, PALCOSCENICO
  • Musica

    Musica

    Mi meraviglio sempre nel constatare quanto l’eccitazione sessuale somigli ai sintomi dell’isteria. A volte penso che l’isteria sia solo una congiura... Leggere il seguito

    Da  Automaticjoy
    ASIA, CINEMA, CULTURA