Magazine Società

Non sai l’italiano? Non puoi impararlo

Creato il 28 novembre 2010 da Lalternativa

Dal prossimo 9 dicembre niente permesso di soggiorno senza conoscenza dell’italiano. Lo prevede il decreto 4 giugno 2010 (firmato dai ministri dell’Interno e dell’Istruzione, Roberto Maroni e Mariastella Gelmini), che entra in vigore in quella data e prevede un test di lingua obbligatorio per gli stranieri che intendono richiedere il documento per soggiornanti di lungo periodo.

In pratica, se non sai l’italiano per grazia divina, non potrai mai impararlo. E’ come se noi volessimo andare in Inghilterra a imparare l’inglese ma a Londra non ci fanno mettere piede se prima non sappiamo l’inglese. Un paradosso che solo al nostro attuale governo poteva venire in mente.

Il Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del ministero dell’Interno italiano, ha messo a punto la procedura informatica che consentirà la gestione delle domande per la partecipazione al test. Lo straniero che intende chiedere il rilascio del permesso per soggiornanti di lungo periodo dovrà presentare alla prefettura la richiesta di partecipazione tramite l’indirizzo www.testitaliano.interno.it.

La prefettura convoca il richiedente entro 60 giorni per lo svolgimento della prova indicando data e luogo. L’esame si svolge con modalità informatiche ma, su richiesta, anche per iscritto. E’ strutturato sulla comprensione di brevi testi, frasi ed espressioni di uso frequente. Il contenuto delle prove che compongono il test, i criteri di assegnazione del punteggio e la durata della prova sono stabiliti uniformemente su tutto il territorio nazionale.

Per superare la prova il candidato deve conseguire almeno l’80% del punteggio complessivo. Se l’esito è positivo, lo straniero può presentare la domanda e la questura, verificati tutti gli altri requisiti richiesti, rilascia il permesso di soggiorno. In caso di ‘bocciatura’, lo straniero può ripetere la prova e inoltrare un’altra richiesta per sostenere il nuovo test.

Non tutti gli stranieri sono però tenuti a sottoporsi all’esame di lingua. E’ infatti esentato dalla prova chi ha attestati o titoli che certifichino la conoscenza dell’italiano a un livello non inferiore al livello A2 del Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue; chi ha titoli di studio o titoli professionali (diploma di scuola secondaria italiana di primo o secondo grado oppure certificati di frequenza relativi a corsi universitari, master o dottorati): chi è entrato in Italia come dirigente, professore universitario o ricercatore, traduttore o interprete; chi è affetto da gravi limitazioni alla capacità di apprendimento linguistico.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Se non vede non crede

    vede crede

    No, no, e poi ancora no! Non ci crede proprio la ministra Carfagna a tutte queste maldicenze sul boss che va ad escort. Avessero parlato di vallette e veline,... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    SOCIETÀ
  • Non ditemi che non lo sapevate…

    ditemi sapevate…

    Capirai che scoop e che notizie nuove! Per quanto riguarda il nostro paese non mi pare che le rivelazioni promesse da Wikileaks siano così tanto sconvolgenti,... Leggere il seguito

    Da  Silvanascricci
    SOCIETÀ
  • Non spingete

    spingete

    Eccola lì che galleggia: la parola “Gnocca” a metà della home page dell’Unità. È stata inserita all’interno di un simbolo elettorale, con il fondo azzurro e il... Leggere il seguito

    Da  Femminileplurale
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Stavolta non "passoparola"...

    Stavolta "passoparola"...

    Marco, non sono affatto daccordo col tuo discorso.Sono invece molto daccordo col discorso che fa Natalino Balasso che è ben diverso dal tuo (quindi non capisco... Leggere il seguito

    Da  Andreacusati
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Annozero - non disturbare

    Quanti sono gli amci di Gheddafi, oggi e nel passato in Italia?Questa la domanda nell'anteprima di Annozero.Gli americani, che consideravano il rais un nemico d... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Non mi fanno lavorare

    fanno lavorare

    Non mi fanno lavorare - si lamenta il presidente. Tenendo presente che si riferiva alle leggi ad personam che poi la Corte Costituzionale boccia, forse è... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Basta che non pensi

    "Pensi a qualcuno mentre ascolti le canzoni, tu?" "Ma che domanda è?" "Dai, pensi a qualcuno si o no?" "No. Non ultimamente. Non penso a nessuno." "Non ti... Leggere il seguito

    Da  Lacocchi
    SOCIETÀ