Magazine Cucina

Pellegrino Artusi, evviva la Pizza Gravida

Da Alessandratioli
Pellegrino Artusi, evviva la Pizza Gravida

Pellegrino Artusi, evviva la Pizza Gravida. « E, venuto lo juorno destenato, oh bene mio: che mazzecatorio e che bazzara che se facette! Da dove vennero tante pastiere ecasatielle? Dove li sottestate e le porpette? Dove li maccarune e graviuole? Tanto che nce poteva magnare n'asserceto formato. »

(Giambattista Basile, La gatta Cenerentola)609    PIZZA ALLA NAPOLETANA  
Pasta frolla metà della ricetta A del n. 589, oppure l'intera ricetta B dello stesso numero.

Ricotta, grammi 150.Mandorle dolci con tre amare, grammi 70.Zucchero, grammi 50.Farina, grammi 20Uova, n. 1 e un rosso.Odore di scorza di limone o di vainiglia.Latte, mezzo bicchiere.
Fate una crema col latte, collo zucchero, colla farina, con l'uovo intero sopraindicato e quando è cotta ed ancor bollente aggiungete il rosso e datele l'odore. Unite quindi alla crema la ricotta e le mandorle sbucciate e pestate fini. Mescolate il tutto e riempite con questo composto la pasta frolla disposta a guisa di torta, e cioè fra due sfoglie della medesima ornata di sopra e dorata col rosso d'uovo. S'intende già che dev'essere cotta in forno, servita fredda e spolverizzata di zucchero a velo. A me sembra che questo riesca un dolce di gusto squisito.
610    PIZZA GRAVIDA  
Servitevi del seguente composto, uso crema:
Latte, un quarto di litro.Zucchero, grammi 60.Amido, grammi 30.Rossi d'uovo, n. 2.Odore che più aggradite.
Aggiungete quando la ritirate dal fuoco:
Pinoli interi, grammi 30.Uva passolina, grammi 80.
Riempite con questo composto una pasta frolla come avete fatto per la pizza alla napoletana e cuocetela come la precedente.Consigliate da La Cucina Economica

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines