Magazine Famiglia

Primo figlio: la sensazione di sentirsi svuotate

Da Laneve100

Prima del parto somaternità,gravidanza,nascita figlio,prattutto nelle ultime settimane, la futura mamma e al centro dell'attenzione. Il compagno, i suoceri, i parenti, gli amici, i vicini, tutti si interessano alla sua salute e al tempo che manca alla nascita. Poi il parto arriva ed è un'esperienza diversa per ogni donna.
 In alcuni casi si risolve senza problemi, con un travaglio bene. In altri, il travaglio lungo difficile può causare ansia, il ginecologo o l’ostetrica  di fiducia finiscono  il turno e vanno via, non si sa quando il bimbo nascerà e ci si sente il sole. A volte si  è costretti a ricorrere al parto cesareo, senza che fosse programmato. L'esperienza della nascita, soprattutto se il primo figlio, genera nella donna un notevole stress e, in alcuni casi, permane l'ansia di sapere se il neonato è sano ho a dei problemi anche banali. Tre giorni dopo il parto se tutto è andato bene, mamma e figlio arrivano a casa. Ma niente tranquillità. La casa è piena di gente. C'è un continuo via vai. E il bambino? Dorme? Piange? Vuole il  latte? Va lavato? Bisogna guardarlo mentre dorme per vedere cosa fa…..se respira?
Molte madri poi si rendono improvvisamente conto che, quando il bambino era ancora nella pancia, c'erano molti meno dubbi e vivono quasi come un senso di perdita il fatto che ciò che prima era dentro di loro, ora è  fuori. Con la nascita del figlio la donna abbandona il proprio modo di vivere  per avviarne uno nuovo. Il senso di responsabilità, specialmente nel caso del bambino, può essere schiacciante. E la mamma può sentirsi sperduta, piccola, inadeguata, con un gran bisogno di essere sostenuta. E intanto “infuria” la tempesta ormonale: gli ormoni della gravidanza regrediscono e quelli che sostengono la montata lattea aumentano. Questi motivi, e non solo questi, fanno sì che dopo il parto facilmente la donna vive una fase di depressione. Questo pericolo temporaneo di tristezza è fisiologico, normale. Se ti trovi in una situazione analoga, o hai vissuto un’esperienza diversa vieni a raccontarcela nel forum (qui)…troverai tante mamme pronte a sostenerti .


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog