Magazine Società

Questione di sedie

Creato il 23 febbraio 2011 da Ilpescatorediperle
Poco fa ha avuto luogo una fraterna discussione tra un blogger molto noto e apprezzato e lo sprovveduto tenutario di un piccolo blog (quello che state leggendo). L'argomento del confronto era un post del blogger famoso. Se non volete leggerlo tutto e mi concedete buona fede, il nocciolo era il seguente:
Questione di sedie

Io, che penso che questo celebre blog sia viziato dall'eccesso di post che vengono pubblicati di continuo, mi sono permesso di sollevare tale obiezione. Ed ecco, unitamente, la risposta che ho ricevuto:Questione di sedie 
Ammetto che il mio tono poteva apparire piccato. In realtà, c'era solo un po' di ironia di fondo. Ammetto sia una sfumatura difficile da cogliere. Eppure io, che avendo pochi lettori giocoforza ricevo anche poche critiche (del resto, ricevo anche pochi apprezzamenti) non mi sognerei mai di rispondere ad un lettore che me ne solleva una con una variazione sul tema vaiaquelpaese. Del resto, io non mi fregio nemmeno dell'impegnativa autodefinizione di colui che sta dalla parte dei torti. Sarebbe interessante, poi, capire chi è qui in torto, e chi commette torto e verso chi. In ogni caso, ho concluso così :Questione di sedie 
Dopo poco, il blogger di grido ha risposto:
Questione di sedie

Di questo, lo ringrazio. Ma rimango del mio parere. Oltretutto io avrò pure avuto un "tono" (l'ironia, questa sconosciuta), ma ci ho messo la faccia, nome e email. Non mi sento di essere derubricato ad uno starnazzante anonimato, all'ombra del quale, certo, si dice di tutto, e in modo essenzialmente irresponsabile.Per carità, nulla è successo. E il caso in sé e la persona in sé, che poi non conosco, non hanno importanza. Provo però a partire da qui per riflettere sulla sindrome Verro: non sono d'accordo con te, per ciò vai da qualche altra parte a dire la tua. E' molto diffusa. E trasversale. Io ci penso, e penso che riguardi anche me. E non so da che parte sono seduto ora, se da quella dei torti, della ragione, o se, semplicemente, ho perso la sedia (nel gioco delle sedie sono una frana dai tempi dell'asilo). Giudicate voi (vi prometto che non vi espellerò se mi darete torto, ma mi siederò vicino a voi).da TEMPI FRU FRU http://www.tempifrufru.blogspot.com

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Questione di soldi (1° parte)

    Ma i valdostani riescono a immaginare il mare di soldi che ha innondato la Valle da trent’anni a questa parte? Non credo. La cifra è così alta che nessuno di no... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Questione di soldi (2° parte)

    L’immagine più appropriata per dare l’idea del mare di soldi che ha innondato le nostre valli è quella di Paperon de Paperoni, mentre nuota tra i dollari nel su... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Questione di soldi (3° parte)

    Dunque, noi valdostani viviamo di rendita. Il nostro territorio non è capace di produrre ricchezza. Siamo una Regione parassita, insieme a quelle del sud Italia... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Questione di soldi (4° parte)

    Siamo stati e siamo miliardari. Tutti questi soldi cosa hanno prodotto? Non ci vuole molto a capire che non siamo la Svizzera e neppure la Francia. Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Questione di soldi (5° parte)

    Sono diciotto anni che percepiamo dallo Stato il regalino che ha sostituito l’Iva da importazione. La cifra iniziale fu di 435 miliardi di lire, pas mal! Cifra... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Questione di soldi (6° parte)

    La sciattaggine pubblica e quella privata hanno la medesima origine: troppi soldi. Sembra paradossale eppure è così. Per dirla tutta occorrerebbe aggiungere:... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Questione di soldi (7° e ultima parte)

    Come si è tradotta l’immensa ricchezza di risorse che ha riempito dagli anni ottanta le casse regionali? Il “diritto” acquisito in quanto Regione autonoma? Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine