Magazine Cinema

Resident Evil GC Version

Creato il 11 novembre 2013 da Narratore @Narratore74

1033694960resident_evil_gamecubeOggi cambiamo piattaforma, spingendoci verso la casa che, a mio parere, ha gettato le basi della storia dei videogame.
La Nintendo, ma ovviamente non è certo stata la prima, ha il grosso merito di aver esportato alcune fra le migliori perle che siano mai apparse su uno schermo. Loro è il Mario Bros che oggi tutti conoscono, così come Zelda, altra icona videoludica. E, com’era prevedibile, anche loro hanno avuto modo di contribuire all’espansione della saga più zombesca di tutti i tempi.
Con ben due titoli!

Oggi parliamo di Resident Evil, remake dell’indimenticabile primo capitolo, uscito nel 2002 per Gamecube (una delle consolle più snobbate e meno capite della storia).
Inizio subito col dire che, pur non essendo mai stato un grande fanatico di reboot e remake, ammetto che questo gioco è di gran lunga una delle esperienze più divertenti che mi sia mai capitato di fare.

feature_locations_mansion

Basilarmente, la trama rispecchia quella originale: la squadra STARS mandata a ricercare i membri del Bravo Team, si ritrova a lottare fra la vita e la morte all’interno di un’enorme villa, infestata da zombie e creature rivoltanti.
Fin da subito le differenze saltano agli occhi, prima fra tutte le resa grafica.
La potenza del GC si vede tutta, con ambienti dettagliatissimi, colorati e cupi, e spettacolari giochi di luce e effetti di luce/ombra. Anche i personaggi, così come le varie creature, godono di questa resa, che regala un maggior realismo e un’immedesimazione formidabile.
Ma le novità non sono tutte qui…

Resident-evil-1-remake-gamecube-mansion-screenshot
La villa, seppur rimanendo sostanzialmente la stessa, si riveste di una nuova linfa vitale. Trappole, stanze mortali, corridoi e inquadrature cinematografiche, fanno dell’esplorazione una vera gioia per gli occhi.
Tutto è più bello, più lucido e patinato, al punto da non far sentire la differenza con il vecchio predecessore.
Una nuova grafica, quindi, che unita a ciò che aleggia nella villa mette immediatamente questo gioco sull’olimpo dei migliori survival horror mai prodotti.

revigc072
Le meccaniche di gioco sono rimaste le stesse, anche il movimento dei personaggi, cosa che invece avrebbe meritato un controllo più diretto della solita croce direzionale.
Gli zombie sono molto più pericolosi, grazie anche all’inserimento di alcuni esemplari decisamente pericolosi e veloci.
Una novità che permette di godere di questa nuova esperienza è la possibilità di bruciare i corpi dei non morti che abbatteremo, visto che il loro cadavere potrebbe tornare in vita in qualsiasi momento, traducendosi in spreco di munizioni e erbette curative.
Anche le armi sono state migliorate, oltre alla presenza delle “armi da difesa” utilizzate quando uno zombie si avvicina troppo. Proprio queste ultime, spesso, fanno la differenza fra la vita e la morte, aiutando il giocatore a risolvere brutte situazioni.
residentevil2

La scarsità di munizioni, la possibilità di affrontare il gioco in due difficoltà diverse e la scelta del personaggio (Chris e Jill), fanno di questo gioco una vera chicca per ogni appassionato, che verrà ripagato con una notevole dose di adrenalina e di soddisfazione.
E, in soldoni, questo si traduce in un ottimo colpo per la Nintendo, che all’epoca riuscì a mantenere intatto il feeling con la serie originale e allo stesso tempo di arricchirla con qualcosa di intrigante e divertente.

Settimana prossima rimaniamo sempre da mamma Nintendo, con Resident Evil Zero, il prequel a tutta la saga.
Stay tuned!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Resident Evil Outbreak 1-2

    Resident Evil Outbreak

    Con questo articolo mi prenderò una pausa dall’ambito videoludistico di questa saga. L’idea di fondo era di parlare di tutto l’universo di Resident Evil,... Leggere il seguito

    Da  Narratore
    CINEMA, CULTURA, LIBRI, SERIE TV
  • Resident Evil 4

    Resident Evil

    Eccoci qua, il ritorno alle recensione della saga videoludica più sanguinolenta e zombifica di tutti i tempi non poteva che avvenire in questo modo. Leggere il seguito

    Da  Narratore
    CINEMA, CULTURA, LIBRI, SERIE TV
  • Resident Evil: Degeneration – Kamiya Makoto

    Resident Evil: Degeneration Kamiya Makoto

    16 settembre 2013 Lascia un commento Quando usci’ il film d’animazione "Final Fantasy", rimasi colpito e turbato. Il primo importante passo verso il fotorealism... Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Resident Evil: Damnation – Kamiya Makoto

    Resident Evil: Damnation Kamiya Makoto

    17 settembre 2013 Lascia un commento L’ex Unione Sovietica e’ una fonte potenziale di intrighi e misteri ancora oggi tutta da sfruttare. Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Resident Evil - Afterlife

    Resident Evil Afterlife

    Tokyo. Incrocio di Shibuya. Una giovane ragazza azzanna sul collo un manager di passaggio. La follia si scatena in città. Il virus T stermina milioni di... Leggere il seguito

    Da  Flavio
    CINEMA, CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • Resident Evil: Retribution – Paul W.S. Anderson

    Resident Evil: Retribution Paul W.S. Anderson

    25 febbraio 2014 Lascia un commento E la saga continua sino a questo quinto episodio. Tra i nuovi spettatori che poco o nulla sanno e i vecchi che tra films,... Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • The Resident ( 2011 )

    Resident 2011

    Juliet è un medico del pronto soccorso che sta cercando una nuova casa a New York. Per caso ( o forse no) arriva nel palazzo di proprietà del bel tenebroso Max... Leggere il seguito

    Da  Bradipo
    CINEMA, CULTURA