Magazine Poesie

Sclero cinque - L'Apocalisse

Da Wiald

Nel condominio ci fu una nuova new entry, si trattava di un vecchio grasso pensionato di nome Dong Zhuo, che aveva deciso, dopo una vita piena di avventure e molte fatiche, di trasferirsi nel nuovo extra lusso palazzo per dedicarsi all’ozio e al riposo. Il suo appartamento si trovava al piano terra, vicino a quello di Sun Jian, che come tutti gli altri appartamenti aveva la doppia affacciata, e davano anche sul campetto di calcio, vicino ai garage e ai posti auto.Per il caldo torrido dell’ora pomeridiana e non avendo sonno per farsi una rilassante pennichella e perché la piscina si apriva solo alle cinque e mezza, i giovani del condominio decisero di fare una partita di pallone.Tutti e dodici si incontrarono al campetto e si disposero in quest’ordine: Ling Tong, Gan Ning e Lu Xun avrebbero comperto le ali e il centro, Zhu Yu e Sun Ce sarebbero stati gli attaccanti e Sun Quan il portiere, contro Jiang Wei, Zhao Yun e Sima Shi a fare le ali e centro campo, Sima Zhao e Cao Pi gli attaccanti e Guan Ping il portiere.La palla fu portata immediatamente al centro e in un battibaleno i ragazzi presero a correre da destra a sinistra, lanciandosi dietro pesanti insulti.“Zhou Yu pass sta cazz e pall” gridò Sun Ce affannoso.“Ma se tien e pier stuort” rispose l’altro pima di farsi fregare la palla da una scivolata di Sima Shi, che lo fece ritrovare col culo sull’erba umida. Zhou Yu ancora sconvolto dell’accaduto gridò. “All’anema e chitemmuort”.Sima Shi fece finta di nulla e corse contro la porta avversaria. Lanciò la palla al fratello, che la passò a Cao Pi, che con un tiro preciso fece gol. Sun Quan, il portiere avversario, si chiedeva come avesse fatto.“Si proprit nu strunz” inveì Sun Ce contro il fratello.“Ma null’aggia vist” rispose l’altro.“Accattet nu pare e lent”.“Tu vatt accirer”.Nuovamente i ragazzi ripresero a giocare, ma questa volta il possesso della palla lo deteneva l’altra squadra. Ling Tong dribblando tra Jian Wei e Zhao Yun, passò il pallone a Gan Ning, che per non farsela fregare da Cao Pi, la passò a Sun Ce, che si stava avvicinando alla porta. Guan Ping era pronto a parare, ma fu inutile. Perché, dopo che Sun Ce aveva calciato la palla, questa cozzò sull’arco della porta e volò in direzione dell’appartamento del nuovo arrivato, che avendo il balcone aperto, entrò all’interno della casa.“I te l’aggia ritt che tien i pier stuort” disse Zhu Yu all’amico.“E i, invece, te l’aggia ritt ch a fin partit t’arapev a cap”.“E mo’ comme facimm?” chiese Jiang Wei.“Sapit comme si chiamm o signor ro’ pian terr?” domandò Guan Ping.Tutti scossero la testa in segno di diniego.“Wagliù m’è venut n’idea” disse Ling Tong sorridendo a trentadue denti. “O’ chiammam a ca”.Tutti si fecero sotto al balcone, iniziando a battere le mani e a cantare in coro: “Signore del piano terra! Signore del piano terra ce rat a pall?”.Sentendo delle voci che disturbavano il suo programma preferito, cioè Forum, e vedendo un supersantos accanto alla porta-finestra del suo balcone, Dong Zhuo si affacciò.“Vulit a me?” chiese.“Ce putit ra o’ pallone?” chiese Lu Xun.Il vecchio prese la palla. “Va ress front” disse e gliala buttò.“Grazie capo” disse Gan Ning prendendola e lanciandola al suo compare Ling Tong.Ripresero a giocare e continuarono anche ad insultarsi, non facendo caso del gran casino che facevano nonostante l’ora pomeridiana.“Wa fraté, te facc perder tutt e rient ca tien mocc se nun me pass sta cazz e pall” disse Cao Pi rivolto a Sima Zhao.“Aggià fa gol stile Maradona” rispose l’altro.“Ma se tu nun si neanch nu pil e Olly e Benji”.“Ma stat zitt” rispose Sima Zhao, che neanche avvicinandosi di molto alla porta, tirò, ma per colpa di un violenta folata di vento, la palla venne sospinta oltre il campetto di calcio, in direzione dei posti auto, e cozzò contro una Nissan blu che, il suo allarme prese immediatamente a suonare.“Oddio c’hai ammaccat nu fianc” disse Sima Shi al fratello.“Fuimmungenne” urlò Guan Ping.Tutti i ragazzi corsero ai ripari, nascondendosi sotto al portico del garage chiuso, facendo molto attenzione a non farsi notare dal proprietario dell’auto.Zhang Liao, sentendo l’allarme della sua vettura suonare all’impazzata, si affacciò al balcone e spense l’infernale suono. Nonostante non vedesse i colpevoli giocare a pallone, iniziò ad insultarli perché sicuro che lo udissero.“Cap e cazz, merdaiuol, zuzzus, besti, animal, omm e merd, bucchinar, cess, latrine, grand lot che sit all’anema e tutt e muort e chitemmuort ca tenit. S’avit fatt sol nu graffi a machina mi, ve schiatt a cap chine e merd ca ve truat. Fat proprit schif” disse e tornò dentro a guardare la TV.I ragazzi uscirono fuori dal nascondiglio e ripresero a giocare, facendo finta che nulla fosse accaduto. Zhao Yun, intercettando la palla a Lu Xun, iniziò a correre verso Sun Quan, ma Ling Tong gliela rubò e corse nell’altra direzione. Immediatamente interecettanto da Jiang Wei, questa la ripasso a Zhao Yun, che la passò a Sima Shi, che corse più veloce che poteva verso la porta. Prima che Gan Ning si tuffasse su di lui, la tirò a Cao Pi che fece nuovamente gol. Tutti esultarono e presero a correre per il campo felici. Qualcuno si affacciò per il casino che stavano facendo.“We we” urlò Zhuge Liang da sopra il balcone. “Ma u sapit che putit pazzià a pallon dalle cinque in poi? E ca so cinquant eur e mult a capocchi, iamm bella ia”.“Ne mariuol ca nun si at, va a fa o’cess ca sì a vi e rind” gli urlò contro Zhao Yun.“Appiccet” gridò Sima Shi.“Muor!” urlò Zhou Yu.Zhuge Liang scosse la testa. “Sit proprit maleducat, mò vac a parlà con gli altri inqulini e verimme camm’a fa”.Attirato dal chiasso che aveva generato il suo mal di testa, Cao Cao si affacciò dalla finestra della sua camera e guardò in cagnesco i ragazzi di sotto. “Wa se nun a firnit e fa burdell, nun sacch chelle ca ve po’ succerer”.“Ma tras a vi e rind pure tu, iamme belle” rispose Ling Tong.“Omme e merd te spezze e cushetelle se nun rispiett a patem” inveì Cao Pi in difesa del genitore.“Ma guarda chi vedo in mezza sta marmaglia e brutta gente? Mio figlio” disse Cao Cao. “Cao Pì se nun sagli mo’ mo’, u gruoss te facc”.Accanto a Zhuge Liuang, comparve Liu Bei. “Nun me stat facenne capì mezza parole e chelle ca sta a dì Mara Venier” e tirò uno zoccolo contro i ragazzi e colpì proprio Cao Pi, che svenne. “Oddio mio cosa ho fatto”.Cao Cao alzò la testa e guardò in direzione di Liu Bei. “Mostrooooooooooooooooo! Assassino! Omme e merd! Mo’ sagli ngop e te struppei”.“Ia ma nun l’aggia fatt a post, aggia pigliat mal a mir”.“I t’accir” urlò Cao Cao.Dall’appartamento di Cao Cao si sentì una voce. “Si calmi signore sennò le si schiatta una vena e gli viene un ictus. Ci penso io a Liu Bei”.“Chi era Zhuge Liang? Chi stev parlanne?” chiese spaventato Liu Bei all’amico.“Mi sa che era Xu Zhu”.“Mi devo spaventare?”.“Non so se le può servire fingersi morto”.Liu Bei scoppiò a piangere stile neonato, prima ancora che arrivasse un ragazzone alto due metri e largo quattro, dalla faccia di un eterno ragazzino ma dalla forza di un gigante. Battè un ditone, che sembrava un lombrico messo all’ingrasso, sulla spalla di Liu Bei, che si girò a rallentatore, prima di avere un pugno in mezzo al viso e uno nello stomaco. Lentamente, Liu Bei si accasciò sul pavimento del suo balcone, mentre lentamente perdeva i sensi.“Ne vuò pure tu un?” chiese Xu Zhu a Zhuge Liang.“No no, io ero d’accordo con Cao Cao, anch’io me stev allamentanne cu e wagliun”.“Vabbuò, ce virimme, salutem a muieret”.“Grazie assaie, tu salutme u cumpagn tuoi, Dian Wei”.Si salutarono e Xu Zhu tornò da Cao Cao, che stava ancora alla finestra ad insultare i ragazzi. “Mo sceng e vu buc o’ pallon”.“E nuj sajimme e te vuttam a copp a bash” disse Guan Ping.“Ma guardat nu poc”.Sun Ce attirando l’attenzione di Zhou Yu. “Secondo te se ce tir na pallunat o’ becc nfront?”.“Ma se tiene chill pier stuort e po’ nun sacch se te convien, chill’omm te chill uai ngap”.L’amico sbuffò e fregandosene dei consigli di Zhou Yu, pose il pallone al centro del campo, prese la rincorsa e calciò, ma fu un tiro così a fetecchia, che si alzò di poco e andò a sbattere contro il vetro della finestra della camera del suo genitore, mandandola in frantumi.“Wa Sun Ce se papà o’ vena a sapè te lev a copp a terr” disse Sun Quan.Dalla finestra rotta emerse Sun Jian, aveva in mano il supersantos e guardava i ragazzi. “Chi è stat? Ve cunvien che m’o dicit se vulit ca nun ve buc a pall”.Tutti, anche Cao Pi che era, nel frattempo, rinvenuto, puntarono il dito contro Sun Ce. “Wa fate proprit schif”.“No, si tu che si nu grand mongoloid” rispose il padre e, prendendo uno di frammenti di vetro, lo conficcò nel pallone bucandolo. Una volta sgonfio lo tirò ai ragazzi. “Ne, mo’ pazziat”.“Wa papà si proprit esaggerat” rispose il figlio colpevole.“Vuò sapè cos’è esaggerat? Tu e chillu scem e fratet ca rummit ind a stanza mì senza fenest”.“Ma che c’appizz i? E’ stat iss a tirà a pall”.“Nun me ne foooooooooooooooooott” gridò a pieni polmoni Sun Jian. “Fat chell ca ve ric ì”.“OOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO’ VULIT STA’ ZITT” urlò Dong Zhuo. “M’avit accis a salut. Un cerc e guardà a television pè sta cuiet nu poc e nun o’ po’ fa pecché sti quattr strunz, quant ne sit, ita pazzià a pallon, po’ s’aggiungn e sciem ru pian e copp e chist affianc…ne avit proprit rutt o’ cazz”.“We stat calm” urlò Cao Cao dal piano di sopra. “Stamme rind a stessa situazion toi”.“A me nun me pare” continuò il vecchio. “In realtà pare che ve stat divertenne”.“Ma chist è scem? E’ carut co a chioccola nder” disse Sun Jian.“A vicchiaj ce jut ngap” disse Cao Cao.“Ne purtat rispett che song anzian” rispose Dong Zhuo. “E mo fernitel e fa burdell”.“Ave raggion ia, turnatevenne ind e cas vost” rispose Zhuge Liang.Zhao Yun, Guan Ping e Jiang Wei lo guardarono male. “Tu viv cu nuj e appena sajimm te facimm o’ mazz sirec pe sittantott” risposero in coro.“E i v’abball cu e pier ngop a panz”.Ma prima che tutti poterono far ritorno a casa loro, scese Zhang Liao a controllare la sua Nissan Blu e notando l’ammaccatura nella portiere del guidatore, il fumo gli uscì dalle orecchie, mentre sentiva la sua furia esplodere. Si girdò verso i ragazzi, mentre respirava rumorosamente col naso.“I ve sputasse n’facc” iniziò a dire l’uomo avanzando verso i ragazzi. “Cu tutt e sold che m’è venut a custà, vuj, rurich strunzill, che fate? Me fate stu uaie ind a fiancat? I ve spezzass tutte l’oss ca tenit, ve sfrantumass e poi ve quagliass”.“We nun l’amm fatt appost” disse Sima Zhao.“Ussacch” rispose l’uomo. “Ma semp ve ammaretat na mazziat a chillu Di biond”.“We ma che sta succerenne ca?” chiese Xiahou Dun ritornando da lavoro.“M’hann sfunnatt na fiancat”.“O’ver stai a dicere? E neanch e vatt?”.“Me rai na man?” chiese Zhang Liao.“Una sola? Ma i te dong tutt e doje” disse Dun sadico.“E jiamme fratè, sfunnam e cul lor”.E così i due presero a gonfiare di botte i dodici ragazzi, anche il figlio del loro capo, che aveva assunto la fisionomia di una fisarmonica talmente che era stato mal menato.“Cao Pi se o’ dic a patet, i e Dun te luamm a copp a terr, primme ca isse c’accir, eh capit?”.Il ragazzo annuì.Grazie a Zhang Liao e Xiahou Dun la pace e la quiete nel condominio fu ristabilita, in modo che tutti, dalle due e mezza alle diciassette e trenta poterono torna a riposarsi e godersi o la pennichella pomeridiana o il loro programma televisivo preferito.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines