Magazine Poesie

Sclero sette - Sfida a tennis per eleggere il nuovo amministratore

Da Wiald

Durante un pomeriggio inoltrato di inizio estate, Sima Yi stava facendo due conticini in cucina. Sedeva al tavolo, da un lato aveva la calcolatrice e dall’altro i vari pagamenti dovuti al condominio e le varie multe che si era beccato per colpa di Sima Zhao, perché  teneva lo stereo ad alto volume facendo concorrenza ai figli di Sun Jian o parcheggiava il suo nuovo vespino davanti al portone, impedendo ai condomini di passare.Ad un certo punto, Yi ebbe la sensazione che un infarto lo stava per colpire quando notò la somma che aveva solo versato due mesi fa lampeggiare sul display della calcolatrice.“Mamm ro’ Carmene” disse in un lamento. “Cinqucient eur e condominie e ducient e mult pe chill mongoloid e figlim…nooo, nun se po”. Si alzò dalla sedia e iniziò ad andare avanti e indietro per tutta la cucina, mancava poco che gli usciva il fumo dalle orecchie. “Ma che se chiavat ngap l’amministrator…è proprit nu mariuol, cinquant eur e mult ogni volt che chillu scem e figlim facev n’effrazion, chù e cincqucient mila eur pe rifà o’ palazz d’accap, settecient eur pe stanz rind all’alberg, ati cinqucient mila eur pe’ comfort e l’alberg quand o palazz se stev custruenne e po’? Tutt e spes po giardin, i camp e pallon e tennis, a piscin…” Sima Yi unì violentemente entrambe le mani producendo un forte schiocco. “Nooooo…noooo…cuccurun addà devent’à o nuov amministrator…mo vac a scambià du chiacchier cu chillu sceme e Zhuge Liang”.Yi salì al terzo piano e bussò. Sentii dei rumori dei passi e poi, improvvisamente, la porta si aprì. Sulla soglia c’era Yue Ying. “Posso fare qualcosa per lei?” chiese la donna cordialmente.“C’è suo marito?” chiese cercando di mascherare l’incazzatura con una finta voce mielosa.“Certo, ma sta facendo il suo riposino pomeridiano”.“Non è che me lo può svegliare un attimo? Sa, è una cosa piuttosto urgente”.“Beh, vede, Liang non vuole, dopo mi diventa tutto arrabbiato, intrattabile”.“Sient nun me ne fott, scitil, pecché se nun è intrattabil iss, o’ song i…iamm bell ià”.“Va bene, ma si calmi” disse la donna facendosi di lato per permettere a Sima Yi di entrare in casa. Lo fece accomodare in soggiorno, poi si diresse in camera da letto dove suo marito stava ronfando allegramente. La donna poggiò delicatamente una mano sulla spalla del marito e la scosse dolcemente. “Lianghino mio, tesoruccio, svegliati”.Liang in tutta risposta si girò dall’altro lato, dando le spalle alla donna. Yue Ying sbuffò annoiata e spazientita, non solo per quello che doveva fare, ma soprattutto per l’atteggiamento intrattabile che il suo ospite indesiderato aveva assunto.“Lianghino, avanti, arap sti pall e l’uocchi”.In tutta risposta, il coniuge continuava a russare, restando beato nel mondo dei sogni, ignaro che la moglie lo stava chiamando.“Lianghino, ammore mi, iam, scetete”. La donna girò intorno a letto, in modo da trovarsi di nuovo il viso di Liang davanti. Pose una mano sulla spalla e lo scosse violentemente, ma niente, l’uomo imperterrito continuava a dormire. Ma Yue Ying non voleva darsi per vinta e continuò a scuoterlo, si alzò, accese lo stereo al massimo volume, accese la piccola Tv che tenevano in camera ed alzò la voce…ma nulla. Liang ronfava tranquillo. “Ma ch sfaccimm, neanch e cannunat sceten a chist”. Notò che sul comodino c’era un bicchiere di plastica colmo d’acqua, lo prese e glielo versò in faccia.L’uomo si alzò di scatto al centro del letto, terrorizzato e bagnato. “Ma si tutta scem”.“Song tre or ca te sto chiammanne e tu neanche te scit”.“Ma nun vir ca sto durmenne”.“Uh Gesù, ma chist è scem!” disse la donna guardando il soffitto. “Secondo te pecchè l’aggia fatt? Nun so pazz”.“Allor rimme che buò?”.“Allà sta Sima Yi, a rit ca te vò parlà…è na cos urgent”.“Marò, sta casa e chien e scassacazz, e mo’ ne vunut pure nat…c’allegrie”. Zhuge Liang di malincuore si alzò dal letto e si avviò in soggiorno, dove, su un divano colore verde pisello, era seduto Sima Yi a gambe accavallate. “Salve” salutò Liang un po’ burbero.“Salve” disse freddamente Yi.“Di cosa mi voleva parlare?”.“Ho fatto due conti di quanto ho pagato in questi mesi tra multe e quanto dovevo al condominio e…lei è proprit nu mariuol chine e corn”.“Ne, ma comme te permiett ricchiò”.“Comme me permett? Tiè, t’aggia purtat e cunt che maggia fatt” disse e gli porse un foglio.“Affacc’ ro cazz” disse Liang leggendo. “Ma come lei sa questo è condominio a cinque stelle”.“Po’ esser pur a sett o l’inter Via Lattea, nun me ne fott proprit, vir e calà e prezz o almen e nun fa e mult salat, sinnò a ca te luamm comme amministrator” disse alzandosi di scatto.“O’ver rich? Ma vir e’ ì a caccà”.“Ne, spuorc, zuzzus, mariuol i o dic allat ro condomin e po’ virimme”.Si sentirono dei passi e sulla porta c’era Zhang Fei con una pantofola in mano. “Se continuat e fa casin, nun sacch chelle ca ve succer a tutte e dui”.“Ah! Nat che passe e minacci…ma che bella famigli” disse Sima Yi.Zhang Fei guardò Zhuge Liang. “Ma chi è stu scem?”.“O signor ro primme pian”.“O’ vicin e cas e Cà Cà?”.“No, sott a iss. Cà Cà abit o sicond pian, sott a nuj”.“Ah! Hai ragion”.“E mò che buò? Vire e tinì ia”.“Ma i vulev sapè che steve succerenne ca…senteve a te e coccurunat e alluccà, mentr cercav e m’addurmì nu poc”.Sima Yi fece un passo avanti. “Signor Zhang non trova che l’amministratore Liang sia troppo esoso?”.“Eso che?” chiese.“Maronna mi” disse Sima Yi lamentandosi e portandosi una mano alla fronte. “Me sta venen pure male e cap…mo’ capisc perfettament a Cao Cao”. Sospirò. “Zhang Fè nun truov ca stu scem, l’amministrator nuost è tropp care?”.“Sì e nun sol i…ca tutt quant ce stamme allamentanne”.“Ne ne comme sarebbe a dì?” disse Liang cercando di difendersi. “I mic m’arricchiesch cu e sold vuost?”.“Nooooooooooo e a machina nov abbasch o garage e chi è?” chiese Sima Yi con voce graffiante.“Ch rè tutt stu burdell?” chiese Guan Yu anche lui attirato dalle urla dei tre uomini.“Stiamo solo discutendooo” disse Liang.“Affaccia mi e figuret se ve stivene appiccican, ca vulavan e bomb a man”.“Signor Guan Yu anhe lei trova l’amministratore troppo caro?” chiese anche a lui Sima Yi.“C’eccis Sima Yi!” inveì Zhuge Liang.“Statte nu poc zitt, bello!” lo ammonì Guan Yu. “Sì, qui tutti unanime coi signori del piano di sotto e co signor che abit ind a manzard, comme si chiamme…”.“Lu Bu” suggerì Zhang Fei.“Sì, proprit iss”.“Bene, allora ci sbarazzeremo di lui”.“Oh va chian scè” urlò Liang. “Te facce verè ca trov na person d’accord cun me”.Andò in camera e chiamò la moglie. “Che c’è?” chiese scontenta.“Mi fai un favore?”.“Quale?”.“Tu e le ragazze potete dire che volete me come amministratore?”.“E perché?”.“Pecché se nun o fai te scuord a vacanz alle Hawaii, a Sharm el Sheik e addò vuoi pure? Po te scuord e cenette fuori casa e tutt a bella vit ca stai facenne”.“Frena fratè? Che r’è sta stori?”.Zhuge Liang raccontò tutto alla moglie. “Convincile dicendo che ad ognuna di loro comprerò la prima cosa che desiderano da troppo tempo che non possono avere perché troppo cara”.“Va bene, vedo di trovare anche qualcun altro”.Liang ritornò nel soggiorno. “Caffè? Camomilla? Tè? Cosa posso offrirvi?”.“Cerchi di comprarci?” chiese Sima Yi.“No, voglio solo essere cortese con lei, signor Sima, allora cosa desidera?”.“Una tazza di tè, grazie”.Dopo aver preparato il tè e servito a Yi, Yu e Fei, sulla soglia comparve Yue Ying insieme a Bao Sanniang, Cai Xing, Liu Bei, Zhao Yun, Jiang Wei, Pang Tong, Guan Ping, Ma Chao, Ma Dai, Huang Zhong, Liu Shan, Guan Suo e Wei Yan.“Loro sono i miei sostenitori”.“Maledetti Guan Suo e Guan Ping, mettersi contro il loro stesso padre” urlò Guan Yu rivolto verso i suoi figli.Qualcuno bussò e Yue Ying andò ad aprire, sulla soglia comparve Sima Zhao, Sima Shi, Wang Yuan Shi, Zhong Hui e Deng Ai.“Anche noi sosteniamo il signor Zhuge” disse Sima Zhao.“Con che cosa li hai comprati eh? Con che cosa hai comprato queste luride serpi?” urlava Sima Yi.Zhuge Liang sospirò nel provare pena per il povero Sima Yi. “Facciamo una scommessa. Se vinco io a scala quaranta, resto come amministratore, se vinci tu, diventerai il nuovo amministratore”.“Non so giocare a scala quaranta”.“A briscola?”.“No”.“A bridge”.“No”.“A poker?”.“No”.“Un gioco a carte che sa giocare?”.“Nessuno”.“Uh mamma mia bella…un nonno ce l’avevi o no?”.“E’ morto prima che mi imparasse a giocare a carte”.Liang sospirò. “Lasciamo perdere le carte…a calcio ci sa giocare?”.“No, ho i piedi storti”.“A basket?”.“No”.“A golf?”.“No”.“A croquet?”.“No”.“Ma che sfaccimme nu cazz e gioc ce sai pazzià?” urlò spazientito Liang.“So giocare a tennis”.“Ottimo…ci becchiamo ai campetti da tennis tra due ore, il tempo di digerire il pranzo e di fare qualche riscaldamento”.“Va bene, a dopo” disse Sima Yi uscendo di casa.Zhuge Liang si voltò e vide la fiumana di gente che si trovava alle spalle. “E allora che cazz vulit?”.Sima Zhao alzò una mano. “Un motorino ultima generazione”.“Va bene, il prossimo?”. E passò due ore a scrivere cosa la gente di casa sua e della famiglia Jin desiderasse. “Allora se vinco la partita avrete tutte queste cose, sennò ve le comprerà il signor Sima”.“Co cazz!” urlò Sima Shi. “Tu ce eddai ang se pierd a partit”.“Oddio un mostro” urlò Sima Zhao.“Pe furtn ca patet nun ce sta, o’ Shi” disse Zhong Hui. “Sinnò quand te fa parlà ndialett”.“Ce simme capit Liang?”.“Mi suona come minaccia” disse Zhuge Liang.“E’ na minacce mongoloid” urlò la moglie. “E tiene fede e patt sennò te spezzamme e cosh e t’appicciamme a machina nove”.“Ne vrenzel chella machine e pur a toi”.“Ma va a dì sta fesserie a cuccurun ca nun te sap” urlò Yue Ying.“Vabbuò, signori terrò fede al patto”.“Zhuge Zhuge” chiamò Fei. “Song dispost a passà ra parta toi se m’accatt nu sett e fonduta”.“Ma che cazz ce fai cu ne sett e fondut?” chiese Guan Yu.“Hai present a caccavell addò se squagli o furmaggi?”.“Sì e allor?”.“Piens a quand e grosse e quand vin ce cap a rind…a voj usà comme bicchier”.Guan Yu sospirò. “E’ proprit scem, ma furbe”.“Megli accusì, chelle ca voj isse e chelle ca me cost e mene…e tu che buò invece?”.“No, i nient, m’accuntent e chelle ca teng e po’ ancor nun aggia cagnat idee” disse Guan Yu.“Va buò, i vac a pazzià”.“Venimme pure nuj” dissero gli Jin insieme agli Shu.“Mo ricitle a tutt quant, ià…ma che band e sciem”.Liang tornò in camera, mentre i suoi conquilini e gli Jin iniziarono a scendere per andare ai campetti. Zhuge Liang iniziò ad indossare pantaloncini corti verde pisello che mettevano in risalto i suoi lunghi peli neri delle gambe, una maglietta a mezza manica bianca, calzini bianchi a righe verdi sempre della tonalità pisello, una fascia nei capelli sempre del color pisello e poi prese la racchetta. Conciato in quel modo si avviò ai campetti di tennis, dove il suo avversario lo stava aspettando.Il signor Sima invece indossava cannottiera bianca che metteva in risalto i peli delle sue ascelle, pantaloncini azzurri, fascia nei capelli rosa, ma i capelli li portava anche legati, calzini azzurri a pois rosa e teneva stretto in una mano la sua racchetta giallo pipì.Ad osservare la partita c’era tutto il condominio: la famiglia Shu, Jin, Wei, Wu, ma anche il signor Dong Zhuo, Yuan Shao e Lu Bu che aveva anche invitato la sua fidanzata Diaochan.“Si pront?” chiese Liang.“Iamme belle e iett sta pall in camp”.Zhuge Liang lanciò la palla in alto e poi la colpì con la sua racchetta. I due iniziarono ad andare avanti e indietro per minuti, che si tramutarono in ore. Infatti, a stare in vantaggio era il signor Zhuge che era un asso a tennis, mentre Sima Yi stava per arrendersi.“Ora tocca battere a te” disse Liang dandogli la palla ma questa andò a finire in testa a Cao Cao, causandogli un mal di testa immediato.“Omme e merd ma nun me vist?” urlò l’uomo dagli spalti.“Tenev o’ sol ind all’uocchi”.“Te facce ver’è i o’ sol inda all’uocchi, Dian Wei fa qualcosa”.“Sì sì, vado ma non urlare” disse l’omone.“Oh ma che cazz t’allamient pure tu…se nun fai come ti rich i te cacch a rind a cas”.“Vabbuò, mo vac” disse Dian Wei andando da Liang, che andò a nascondersi dietro un cespuglio. “Ia, nun me fa perder tiemp ca i ogg nun ce vulev venì a vere stu scatafash e partit”. Mise una mano nel cespuglio e afferrò Liang per la collottola della maglietta. Lo strozzò per due minuti e poi andò via, lasciando l’uomo boccheggiante. Quando si fu ripreso, i due sfidati rirpesero a giocare.Sima Yi lanciò la palla, che Liang intercettò e gliela lanciò di nuovo, ma Yi nel tirarla la fece andar sbattere contro il panino sasicc e friariell che Sun Jian stava per addentare. Il panino si sfracellò al suolo e gli occhi di Sun Jian divennero rosso sangue, mentre prese a cacciare fumo dal naso.“Scusimi, scusimi” urlò Sima Yi.“Mang po cazz” urlò l’uomo che scese dagli spalti e prese a calci in culo Sima Yi, che correva davanti. “Firmet figli e zoccol”.Stancato, Jian ritornò sugli spalti e riprese a vedere la partita.“E chest e fatt papà? Te stai facenne viecchi” disse Sun Ce.“Parle pe te wuagliò”.La partita riprese, monotona come al solito. E, Liang notando che la moglie fissava Lu Bu con fare bramoso, mandò la palla contro il gigante, beccandolo proprio in faccia.“Nooooooooooooooooooooooooooooooo, la mia bellissima faccia, la mia povera e bellissima faccia” gridò Lu Bu.“Noooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo” si unirono tutte le donne del condominio. “La sua povera stupendosa illustrissima bellissima meravigliossissima sbrilluccicosa faccia”.“We zucculelle c’avit accis vui e stu ricchione e Lu Bu” disse Huang Zhong.“Anche Lu Bu è gay?” chiese Yuan Shao a Zhang He.“No, quella pereta che ha vicino è la fidanzata”.“Ecco come sprecare un bel fusto” disse Shao.“Ben detto carino il mio piccinino”.Lu Bu si alzò e andò dritto da Liang. “Tu…essere infimo…come hai potuto?”.“Veda… io…volevo colpire quell’uccellaccio di un piccione che le stava per cacare in testa”.“Ma che cazz stai addì cretin, mongoloid, scè, chine e corn…i mo’ t’abboff e mazzat e te lasc ca nder mezz viv e mezz muort”.“Uh mamma santissima…ia, vatterm accussì a fernim”.“Neeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee” urlò Yue Ying che corse in mezzo al campo, mettendosi tra Lu Bu e suo marito. “Torci un solo capello a stu cretin e i te manne o’ campusant”.“Ma perché non mi hai difeso anche contro Dian Wei?”.“Anche quello ti ha picchiato?”.“Sì, ma tu dov’eri?”.“Al cesso”.“Ah! Ecco spiegato”.“Io non picchio le donne” urlò Lu Bu.“Allor arretirt e va da chella perete ra nammurat toi” disse Yue Ying. “Zitto e fila!”.Lu Bu calò il capo. “Agli ordini signora”.Ristabilità la tranquillità, la partita riprese e la palla passò nelle mani di Sima Yi che la colpì con tutta la forza che aveva. La palla superò i campetti e volò libera per il cielo tanto da sembrare il boccino d’oro di Harry Potter, prima di sfondare il vetro anteriore della Nissan Blu.“Cazzoooo ho fattooo?” urlò Sima Yi.Dagli spalti emerse Zhang Liao. “All’anem re muort e chitemmuort, merdaioul, cess, omm e merd, zuzzus, mongoloid, chiavech, bucchinar, scurnacchiat, frat ro cazz te facc zumpà tutt e riend ca tien mocc, te spezz e cosh, te spezz e braccetelle, te smont a cap, te sfonng a spina dorsal e alla fin te iett sott cu a machin”.“Uh marronna miiii” urlò Sima Yi mentre osservava Zhang Liao scendere dagli spalti ed arrivare a lui.“Non so se ti conviene darti alla fuga o scavarti la fossa” disse Zhuge Liang perfido mentre si allontanava dal campo vittorioso, ma ad un certo punto si voltò indietro per gustarsi il modo con cui Sima Yi veniva gonfiato a mo’ di fisamornica da Liao. “Ora sì che sono soddisfatto”.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :