Magazine Cultura

SHUDDER TO THINK : Pony Express Record

Creato il 07 aprile 2011 da Bruner
SHUDDER TO THINK : Pony Express Record
Erano i tempi in cui le major si fiondavano su qualsiasi entità dell'underground. “Nevermind” dei Nirvana aveva sdoganato definitivamente l'alternative-rock, oltre ad aver portato capitali nelle casse della Geffen, e nella corsa all'oro le grandi label avevano sguinzagliato i cani da tartufo alla ricerca di ipotetici tesori nascosti nel sottobosco. Non era raro che si scovassero patacche.
Gli Shudder To Think non erano affatto delle truffe, anzi. Messi sotto contratto addirittura dalla Sony dopo aver già pubblicato ben quattro dischi - di cui tre per la Dischord di Ian McKaye dei Fugazi - nel 1994 tirano fuori dal cilindro Pony Express Record.
Piallati i bozzi di uno stile che nel precedente “Get Your Goat” era ancora grezzo, a venir fuori è un autentico gioiello pop-core dalle molteplici sfumature.
Il cantante Craig Wedren è un funambolo che zigzaga a destra e manca con le sue melodie che non tengono alcun conto delle heavy-rotation su MTV. Le sue linee vocali sanno essere ruffiane ma senza scadere nel paraculismo (Gang Of $, Kissi Penny), ammiccano al grunge dei Soundgarden nei passaggi più power-rock (X-French Tee Shirt, So Into You), rielaborano i paradigmi faithnomoreiani di Mike Patton (Hit Liquor, Sweet Year Child). Il suo stile mi ricorda l'imprevedibilità dell'avant-prog più ostico, vedi i maestri Thinking Plague.
Il manto strumentale è spesso in contrasto con i giri vocali di Wedren, senza per questo essere entità separate. Le chitarre sono acide e iper-dissonanti, quello degli Shudder To Think è un rock che rivisita il concetto stesso di riff all'interno di canzoni sbilenche e aspre.
Fatto di hardcore made in Washington D.C. e pop, il sound della band è permeabile ad altri linguaggi musicali. Questa elasticità permette di dare vita alla ballata jazz di Room 9, Kentucky e al meta-blues di Own Me. E il quadro complessivo si mantiene assolutamente coerente.
Fa una strana sensazione pensare che un disco del genere sia uscito addirittura per la Sony. Questa è roba per orecchie abituate alle dissonanze, alle fratturazioni melodiche, ai suoni abrasivi e agli incroci stilistici più arditi. 
(1994, Sony Epic)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Time to think

    Time think

    Potrei fare come la maggior parte dei programmi televisivi là fuori ed elogiare la composta e pacata reazione dei giapponesi di fronte alle molteplici e varie... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CULTURA
  • Think You Can Wait

    Think Wait

    Il film si chiama Win Win, lo interpreta Paul Giamatti, l'ha diretto Thomas McCarthy, lo stesso di L'ospite inatteso, strano personaggio che da regista gira fil... Leggere il seguito

    Da  Robomana
    CULTURA
  • Shanghai Express - Josef von Sternberg (1932)

    Shanghai Express Josef Sternberg (1932)

    (Id.)Visto in DVD.Su un treno che da Pechino va a Shangai si danno appuntamento vari personaggi facenti parte dell’elite colonizzatrice della Cina, una... Leggere il seguito

    Da  Lakehurst
    CINEMA, CULTURA
  • Pineapple express - Strafumati

    Pineapple express Strafumati

    La trama (con parole mie): Dale Denton, fumatore di marijuana appassionato che si occupa di consegnare ingiunzioni giudiziarie, assiste ad un omicidio che vede... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Collettivo WSP @ Think Green Festival Garbatella

    Collettivo Think Green Festival Garbatella

    Think Green Festival Dal 16 al 18 giugno, nei quartieri di Garbatella e Testaccio, si svolgera’ il Think Green Eco-Festival. La rassegna dedicata alle energie... Leggere il seguito

    Da  Collettivowsp
    ARTE, CULTURA, FOTOGRAFIA
  • Nuovo Record

    Nuovo Record

    Un tempo si fantasticava (e si fischiettava pure) il ponte sul fiume Kuwait; poi si millantò il ponte sullo Stretto (invero tuttora da venire); ma adesso... Leggere il seguito

    Da  Albix
    CULTURA, LIBRI
  • Orient express, poesie sui binari

    Orient express, poesie binari

    SABATO 9 LUGLIO ALLE 19.00 PRESSO LA SALA NOBILE DEL COMUNE DI NEPI AVVERRA' LA PRESENTAZIONE DEL III LIBRO DI POESIE SCRITTO DA RITA MARCUCCI. Leggere il seguito

    Da  Benessere
    CULTURA