Magazine Attualità

Si parla di Partito Democratico al summit “The State of Union”.

Creato il 09 maggio 2013 da Retrò Online Magazine @retr_online

Dopo la lunga bufera scatenatasi di recente sul Partito Democratico dell’ex segretario, Pier Luigi Bersani, scattano ora gli auguri di un

ex-segretario-bersani-partito-democratico-state-of-union

L’ex segretario del PD, Bersani, incontra gli elettori

altro grande nome della politica italiana degli ultimi venti-trent’anni: Massimo D’Alema. Al termine della cena di gala, avvenuta in concomitanza del summit dal titolo evocativo “The State of Union” presso Palazzo Vecchio a Firenze, lo stesso D’Alema ha detto: “Al Partito Democratico auguro successo e unità. So che sono riuniti in questo momento. Mi auguro che si trovi una soluzione unitaria per il rilancio del partito”. E ha poi aggiunto, consapevole del periodo piuttosto burrascoso: “E’ un momento difficile ma sono fiducioso”. Nella giornata di oggi, ha ancora spiegato, incontrerà Renzi per parlare del tema scottante degli ultimi giorni, ovvero l’Europa, sottolineando appunto di esser lui stesso Presidente della Fondazione Europea dei Progressisti. Insomma, il simbolo per eccellenza ai giorni nostri di un’istituzione culturale dall’impronta riformista e di Sinistra.

Sulla questione dell’unità di partito, il Pd si è riunito in forma preliminare per decidere una data possibile per un congresso. Si è detto che la data presunta riguarderà il prossimo ottobre, anche se soltanto l’assemblea del prossimo sabato potrà definirne la data decisiva. Oggi dunque il dibattito, che aprirà le danze per il rilancio effettivo della sponda democrat, utile a gettare definitivamente al passato le ombre che si sono allungate con le ultime elezioni.
Un evento che vuole riecheggiare il grande dibattito di questi giorni a Firenze, “The State of Union”, convegno organizzato dall’European University Institute. Un’occasione non banale di confronto fra i principali esponenti della politica e dell’economia europee. Vedranno dunque il pubblico per l’Italia: Laura Boldrini, Emma Marcegaglia e Mario Monti, oltre ad altri ministri quali Moavero, Kyenge e  Amato. Dal panorama europeo i nomi di José Manuel Barroso, Cecilia Malmstrom e Rosen Plevneliev. Un convegno che vedrà come punti fondamentali le istituzioni, la governance, nonché la democrazia e il rapporto odierno con la politica europea. Senza dimenticare i dibattiti sulle questioni sociali, quali le migrazioni e la cittadinanza.

Articolo di Stefano Boscolo.

La foto di D’Alema è di Massimo Oi, licenza CC BY-SA


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog