Magazine Cultura

Un centro studi dedicato a Sirio Giannini

Creato il 10 novembre 2011 da Fabry2010

Pubblicato da massimomaugeri su novembre 10, 2011

Un centro studi dedicato a Sirio Giannini
Di recente è stato costituito il “Centro internazionale di studi europei Sirio Giannini” – CISESG – con sede nel Comune di Seravezza (prov. di Lucca). Il CISESG si è costituito nell’ottobre 2011 con l’intento di affiancare il Circolo Sirio Giannini e di svolgere l’azione più opportuna per la sempre maggiore diffusione in Italia e all’estero delle opere dello scrittore (riprodotto nella foto accanto). Non solo: esso intende promuovere gli studi sulle letterature di tutto il mondo con particolare attenzione alla favola ed alla fiaba per adulti. Proprio per diffondere la conoscenza dell’opera di Giannini, il CISESG si avvale di una Commissione Scientifica in cui figurano alcune prestigiose personalità della cultura italiana e straniera, come i prof. Pietro Floriani dell’Università di Pisa, Daniela Marcheschi del CLEPUL-Università di Lisbona, Luisa Marinho Antunes dell’Università di Madeira e Stefania Sini dell’Università dell Piemonte Orientale.
Ne parliamo con la giovane Presidente, Chiara Tommasi.

Perché a suo avviso, oggi, in quest’alba di nuovo millennio, è importante promuovere la lettura di favole e fiabe?
Le favole e le fiabe sono un mezzo potente di trasfigurazione della realtà in quanto, tralasciando la cronaca spicciola, ne trasmettono l’essenza, i significati profondi degli eventi e i loro valori simbolici. L’apparente non realismo delle favole è un modo autentico anzi, forse il modo più autentico, per avvicinarsi alla realtà.
Chi era Sirio Giannini?
Sirio Giannini è stato uno dei giovani scrittori più promettenti degli anni ’50 in Italia. Nacque a Seravezza (LU) nel 1925, trascorrendo in Versilia la sua esistenza, salvo durante la seconda guerra mondiale, quando sfollò con la famiglia nella pianura padana. Raccontò la realtà che lo circondava con un occhio libero dalle mode letterarie dei tempi, come ebbe a notare Aldo Capasso, che lo definì “un esempio tipico di realismo lirico”. Cesare Zavattini, con il quale intraprese una corrispondenza amichevole, e il cui carteggio è stato recentemente rinvenuto e sarà presto studiato con cura, lo ha sempre incitato a proseguire su questa strada, invitandolo a continuare a scrivere con quella sua estrema chiarezza che lo contraddistingueva. Nell’arco della sua breve esistenza – la morte lo raggiunse prematuramente nel 1960 a seguito di un intervento chirurgico – i suoi racconti, i suoi romanzi, il suo cortometraggio, sono sempre stati accolti con entusiasmo dalla critica e dai lettori.
“Prati di fieno” e “La valle bianca” vinsero nel 1956, il primo il premio Firenze e il secondo il premio Hemingway. La giuria di quest’ultimo era composta da Dino Buzzati, Remo Cantoni, Giacomo Debenedetti, Alberto Mondadori, Eugenio Montale, Fernanda Pivano, Elio Vittorini.
Queste sue opere vennero pubblicate dalla Mondadori nella collana “La medusa degli italiani”, mentre “Dove nasce il fiume” uscì postumo nel 1978, così come “I racconti” del 1971. Di lui restano oggi molti romanzi e racconti inediti o incompiuti, molti testi, che ci raccontano di uno scrittore prolifico, di una sensibilità spiccata rivolta sempre alla quotidianità, alle cose vere e concrete, il tutto con fare pacato, garbato.

Ci dica qualcosa in più sul CISESG. Quali sono i suoi obiettivi? E che tipo di attività intende realizzare?
Gli obiettivi del Centro Studi mirano alla sempre maggiore conoscenza e diffusione delle opere dello scrittore al quale il CISESG è intitolato, il tutto in relazione al più ampio contesto degli autori della letteratura italiana ed europea, attraverso manifestazioni culturali periodiche come seminari, convegni, conferenze e quant’altro.
Particolare attenzione sarà rivolta anche al mondo del cinema dato che Giannini è autore di un cortometraggio molto bello dal titolo “I Cavatori”, che ha avuto un grande successo di critica a suo tempo, vincendo L’Airone d’oro al Festival Internazionale del Passo Ridotto di Montecatini, e che ancora oggi è apprezzato tanto che il Babel Film Festival, che si svolgerà tra qualche settimana a Cagliari, lo ha inserito nel suo programma con nostra grande soddisfazione.

Massimo Maugeri

(fonte della foto di Giannini: Palazzo Mediceo)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un terzo

    terzo

    La Top 5 del sabato viene eccezionalmente rinviata a lunedì, dove avrete modo di leggere una speciale classifica "programmatica" di inizio stagione.Questo week... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CULTURA
  • - Un anno -

    anno

    Un anno è un anno.E fin qui siamo tutti d’accordo!Se i numeri fossero sufficienti a raccontare una storia, la nostra direbbero più o meno questo: 22 autori,... Leggere il seguito

    Da  Kritica Della Ragione
    CULTURA
  • un disque un jour |

    Ci può sempre essere il problema di alzarsi una mattina e non sapere cosa ascoltare. Magari avete troppi dischi e siete indecisi, o magari avete voglia di... Leggere il seguito

    Da  Balthazar
    CULTURA, MUSICA
  • Travolti dal destino... la signora Ciccone e il figlio di Giannini

    Travolti destino... signora Ciccone figlio Giannini

    Oggi la mia voglia di studiare è sotto zero, si sa come sono le vacanze di Natale no? E anche se oggi non è proprio festa, mi prendo un giorno per scrivere... Leggere il seguito

    Da  Odette
    CINEMA, CULTURA
  • Un pensiero

    pensiero

    Se privassi il mio blog della possibilità, o forse dell'obbligo, di lasciare un pensiero per la scomparsa di Fruttero, credo non farei bene ciò che desidero di... Leggere il seguito

    Da  Marcodallavalle
    CULTURA, LIBRI
  • Un riassuntone

    riassuntone

    Ciao Amici, il concorso “Pena e Fagotto” si avvia alle battute finali. Vi ricordo lo svoglimento: dovete leggere il racconto (non siate pigri! Leggere il seguito

    Da  Camphora
    CULTURA, LIBRI
  • Un altro???

    altro???

    Ed ecco a voi... un altro premio per la mia Isola!! Ringrazio infinitamente Daniela per questo "One Lovely Blog Award". Che faccio?? Lo giro a voi?? Sì o no?... Leggere il seguito

    Da  Chiaravr
    TALENTI