Magazine Cinema

Un lac

Creato il 05 febbraio 2013 da Eraserhead
Un lacC’è molto buio in questo film di Philippe Grandrieux, un buio che non deriva soltanto dall’assenza di luci artificiali, bensì da quell’oscurità che non si può vedere perché annidata dentro le persone; tenebre personali, angosce dell’esistenza: Un lac (2008) sacrifica la descrizione in favore della sensazione, nulla viene anticipato, narrato o ripensato, è un film di ora dove lo storytelling si modella nell’immagine e la parola viene scansata dai gesti.
La realtà naturale sovrasta l’uomo che, visibilmente frustrato per le sue vicissitudini, si sfoga su di essa abbattendone gli alberi. Il paesaggio innevato diventa la corrispondente rappresentazione dell’animo dei protagonisti: gelati, ibernati nella loro vita senza calore (quello tra fratello e sorella non si rivelerà sufficiente), prigionieri della cappa famigliare e di una routine che sebbene non esplicitamente mostrata è agile da intuire: il taglio della legna, la pulitura del cavallo, il cibo spartano. Per scardinare le sbarre di questa prigione invisibile ci vuole una mina vagante come il forestiero, la cui introduzione nella storia è appena accennata da un primo piano improvviso, un’emersione crepuscolare: il filo di luce in una pianura di nebbia.
Grandrieux gira con un micro-terremoto nel polso, tellurico, epilettico come il suo protagonista, non c’è praticamente mai un attimo di stasi, le inquadrature rantolano ad un millimetro dai corpi, colgono i riflessi negli occhi, i dettagli (la brina attaccata ai rami, la mano rabdomantica della madre che incontra la guancia della figlia, entrambi magnifici), le inquietudini sopra di loro (quasi mai il sole oltrepasserà la coltre delle nuvole). I rari interni che si vedono sono spazi di pura notte, petrolio che avvolge, che culla, magari un amplesso, la goccia che smuove l’immobile superficie del lago.
Prego astenersi spettatori inquadrati nel racconto, arroccati nelle logore cerimonie visive, assuefatti ai percorsi prestabiliti, accorrano tutti quelli che vogliono provare col cinema altre esperienze sensitive, perché questo è cinema che si avverte, e poi, ma solo poi, che si vede.Un lac

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un vecchio silo

    vecchio silo

    Nei pressi di casa mia, esiste una vecchia cava, La Foma, ormai abbandonata. I resti di alcune strutture sono ancora in piedi e il sovrano di questo luogo è lui... Leggere il seguito

    Da  Narratore
    CINEMA, CULTURA, LIBRI, SERIE TV
  • Un ricordo di Emidio Greco

    ricordo Emidio Greco

    Emidio GrecoÈ morto ieri, sabato 22 dicembre, a Roma, Emidio Greco (Leporano, TA, 1938), regista e sceneggiatore cinematografico estremamente raffinato,... Leggere il seguito

    Da  Af68
    CINEMA, CULTURA
  • Un Mondo Perfetto

    Mondo Perfetto

    Titolo completamente antitetico rispetto al tema raccontato dal film, perché il protagonista della storia scritta da John Lee Hancock è un criminale fuggitivo... Leggere il seguito

    Da  Mattia Allegrucci
    CINEMA, CULTURA
  • Un Cane Andaluso (Un Chien Andalou) – Luis Buñuel (1929)

    Cane Andaluso Chien Andalou) Luis Buñuel (1929)

    Dopo una breve carriera da attore e da sceneggiatore (in “La chute de la maison Usher” del 1928 di Jean Epstein), Luis Buñuel è finalmente pronto a metters... Leggere il seguito

    Da  Mutosorriso
    CINEMA, CULTURA
  • Se bastasse un fagiolo...

    bastasse fagiolo...

    IL CACCIATORE DI GIGANTI (JACK THE GIANT SLAYER) di Bryan Singer, USA, 2013 con Nicholas Hoult, Eleanore Tomlinson, Ewan McGregor, Stanley Tucci, Bill Nighy Se... Leggere il seguito

    Da  Persogiadisuo
    CINEMA, CULTURA
  • Come un tuono

    di Derek Cianfrance con Ryan Gosling, Bradley Cooper, Eva Mendes Usa 2012 genere, drammatico durata, 140 Ci sono molte cose che vengono in mente guardando il... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • Changeling: un film forte.

    Changeling: film forte.

    Changeling è un film del lontano 2008, diretto da Clint Eastwood e interpretato da una Angelina Jolie che nemmeno ti accorgi che è lei da quanto è brava. Non... Leggere il seguito

    Da  Cervellobacato
    CINEMA, CULTURA, FILM DRAMMATICO

Dossier Paperblog

Magazines