Magazine Talenti

Una lucina in fondo al tunnel

Da Gabriele Damiani
Le prospettive economiche rimangono fosche. Il prodotto interno lordo continua a deprimersi e di conseguenza la disoccupazione non cala. La riduzione d’imposta di ottanta euro sui redditi dei lavoratori dipendenti e l’irap tagliata del dieci per cento alle imprese non ha sortito gli effetti desiderati dall’ex sindaco Renzi, attuale presidente del consiglio dei ministri. Consumi e investimenti non hanno affatto invertito la rotta discendente.D’altronde, dalle misure adottate dal governo non potevamo aspettarci nulla di diverso. Per provocare un’intensa e rapida inversione del ciclo economico tramite l’abbassamento delle imposte, la pressione fiscale dovrebbe scendere in misura davvero significativa. Almeno del dieci per cento, a voler esser precisi. Ma una tale scelta di politica economica ci è preclusa dal patto di bilancio (fiscal compact, come dicono i poliglotti, benché l’anglofono Regno Unito si sia ben guardato dall’aderirvi), in base al quale bisogna puntare, vivi o morti, al pareggio di bilancio e a ridurre il debito pubblico.Poiché, in mancanza di meglio, abbiamo l’euro, e poiché oggi come oggi nessun governante dei paesi aderenti alla moneta unica ritiene ragionevole riacquistare la sovranità monetaria, in quanto gli interessi sui titoli di stato sono scesi a livelli infimi e se tornassimo alle monete nazionali i governi perderebbero questo paradossale vantaggio, non ci rimane che sperare. Si tratta, fra altro, di una speranza dal valore ben determinato, pari a trecento miliardi di euro.La cifra non l’ha sparata un pinco pallino qualsiasi. E’ uscita dalla mente di Jean-Claude Juncker, presidente della nuova commissione europea, vale a dire l’esecutivo dell’Unione europea. Tale somma, prelevata dal Meccanismo europeo di stabilità, fondo salva stati istituito nel 2011 e operativo dal 2012 in sostituzione del precedente Fondo europeo di stabilità finanziaria, dovrebbe sovvenzionare gli investimenti pubblici nei paesi in crisi dell’eurozona e avviare così un processo di crescita economica.La proposta, ammettiamolo senza remore, non ha nulla di scandaloso. Sarebbe anzi quanto di più sensato si possa immaginare per contrastare la dura crisi che ci attanaglia. Magari non sarà una panacea, dato che l’importo andrebbe diluito tra più paesi e forse non sarà sufficiente a invertire il ciclo a ritmo sostenuto. Ma rappresenterebbe comunque un mutamento di rilievo alle distruttive politiche economiche finora adottate nell’eurozona.Si pone però un problema. La Germania darà il suo assenso? Dal 2010 a oggi i tedeschi hanno fatto il possibile e l’impossibile per danneggiare le economie degli altri stati aderenti all’unione monetaria. Una strategia, la loro, che ha incrementato gli attivi della propria bilancia commerciale e ha visto scendere come non mai i propri tassi di disoccupazione. Se ‘‘mors tua vita mea’’ è stata la loro filosofia di successo, poiché ogni danno che infliggi ai tuoi concorrenti rappresenta per te un vantaggio, qualche dubbio che siano di punto in bianco disposti a cambiarla appare più che lecito.Sapremo la risposta tra alcune settimane, quando la nuova commissione si sarà insediata. Nel frattempo non ci rimane che sperare. E’ pur sempre una speranza grande trecento miliardi.Una lucina in fondo al tunnel

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una canzone, tanti ricordi: ATTIMI

    Cara Lilli,come puoi leggere dal titolo del post stavolta non si tratta di un unico ricordo legato ad una canzone, bensì di tanti ricordi. Si, perchè questa... Leggere il seguito

    Da  Marisnew
    FAMIGLIA, LIBRI, TALENTI
  • Una cresima tutta a pois!!!

    cresima tutta pois!!!

    I pois.....quanto mi piacciono!!!E la cresima di Rebecca è stata un tripudio di pois!Devo ammettere che la mamma di Rebecca era un po' titubante.....il blu le... Leggere il seguito

    Da  Confettieco
    FAI DA TE, TALENTI
  • Una vita.

    vita.

    Racconto di un tempo.........di un luogo,della varietà degli orizzonti, ognuno con la propria dignità.Tante pagine di un libro, a tratti stanco.......demotivato... Leggere il seguito

    Da  Costantino Posa
    POESIE, TALENTI
  • Una giornata un po’ così!

    giornata così!

    Giornate festive, giornate primaverili, quale scusa migliore per fare una gita fuori porta? In effetti, è proprio andata così, il primo maggio, complice un bel... Leggere il seguito

    Da  Arthur
    DIARIO PERSONALE, FOTOGRAFIA, TALENTI
  • Ero una bambina disappetente

    bambina disappetente

    Sono stata una bambina disappetente, così diceva il pediatra. Per me lo stimolo della fame non esisteva affatto, fame non ne avevo mai. A dire il vero, a... Leggere il seguito

    Da  Lifarnur
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI
  • Una scoperta chiamata Joseph Conrad

    Di Conrad, credo di avere da qualche parte un suo libro che però non ho mai letto. Lord Jim? È possibile.Qualche mese fa ho approfittato di un’offerta di... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • Avevo una Canon Super 8

    Avevo Canon Super

    Il mio primo filmino con la Canon Super 8 Partire è la piu’ bella e coraggiosa di tutte le azioni.. ISRAELE Filmato degli anni 70 .. Leggere il seguito

    Da  Nullaecomeappare
    POESIE, TALENTI

Magazine