Magazine Cinema

Urlo di Robert Epstein e Jeffrey Friedman.2010

Creato il 12 maggio 2012 da Barbara2011
"La Beat Generation non era un movimento, ma semplicemente un gruppo di scrittori che voleva farsi pubblicare" Urlo di Robert Epstein e Jeffrey Friedman.2010 Controcultura. Va in onda il processo per oscenità subito nel 1957 da Allen Ginsberg, tra testi originali e il cartoon di Eric Drooker che anima i suoi versi. Non è certo una testimonianza questo tributo all'Urlo di Ginsberg, nè un documentario, forse nemmeno un film, piuttosto lo difinerei il flusso della coscienza dell'autore ricostruito tramite immagini. E'inclassificabile quindi questa pellicola unica nel suo genere, una fuga lirica e prosaica che scagiona Allen dal dito puntato contro dei benpesanti. Con un andamento jazz, vediamo Ginsberg declamare ambienti e persone, in particolar modo artisti, politici, gente con disturbi psichiatrici, drogati. La sua è una chiara invettiva contro lo stato americano, Moloch persofinicato da una sorta di Lucifero con gli occhi di fuoco. Il processo nei confronti dell'editore Ferlinghetti fu vinto: i riferimenti espliciti a droghe e pratiche sessuali e omosessuali diedero fastidio, risultarono scomode forse, ma non furono giudicate perseguibili. Il film è strutturato sulle interviste all'autore che narra suoi episodi di vita: dall'incontro con Jack Kerouak a quello con Peter Orlovsky, compagno di una vita. Molto spazio è dato alla ricostruzione abbastanza meticolosa del processo al quale Ginsberg non presiedette mai e alla lettura integrale di "Howl" alla Six Gallery di San Francisco. Colore e bianco e nero si mescolano. Unico punto di demerito: avrei dovuto ascoltarlo in lingua originale o forse anche nella resa italiana le parti in cui viene recitato Urlo non si sarebbero dovute doppiare. La voce italiana, infatti, vaga a tentoni alla ricerca di un ritmo e una musicabilità che non trova mai. Il tributo a questo favoloso poema ne esce quindi appannato, buona invece la ricostruzione circa la dedica: all’amico Carl Solomon, conosciuto in manicomio. La metrica ispirata a Leaves of Grass di Walt Whitman rischiò addirittura un’accusa di plagio: questa la tesi del professor David Kirk , risultata però alla fine poco convicente. Poco esaustiva la ricostruzione dell'ambientazione beat che ha ispirato l'autore, così come gli episodi personali che Allen snocciola fumando e seduto in poltrona ad un anonimo giornalista: il suo ricovero in manicomio (dopo aver sperimentato la malattia mentale per via materna) e l’osservazione della realtà sotto effetto di peyote. Ma il risultato totale è buono. Anzi beat.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Jeffrey Dean Morgan in “The Rut”

    Jeffrey Dean Morgan “The Rut”

    JeffreyDean Morgan e Chloe Moritz tornano a lavorare insieme nel film sulla caccia“The Rut”.Jeffrey Dean MorganDopo aver lavorato insiemenel thriller “Texas... Leggere il seguito

    Da  Valentinaariete
    CINEMA, CULTURA
  • Finis Terrae – Jean Epstein (1929)

    Finis Terrae Jean Epstein (1929)

    Anticipando capolavori del calibro di La Terra Trema del nostro Visconti o Man of Aran di Flaherty, Jean Epstein, grande maestro dell’avanguardia francese, ci... Leggere il seguito

    Da  Mutosorriso
    CINEMA, CULTURA
  • Planet Terror - Robert Rodriguez

    Planet Terror Robert Rodriguez

    Opera Rodrigueziana del dittico Grindhouse di Tarantino-Rodriguez! Planet Terror è una genialata. Non solo perché è totalmente cool, ma perché il regista tutto... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • "21" di Robert Luketic

    "21" Robert Luketic

    L’australiano Robert Luketic, regista de La rivincita delle bionde (2001), Quel mostro di suocera (2005) e La dura verità (2009), è specializzato in pellicole d... Leggere il seguito

    Da  Luca Ottocento
    CINEMA, CULTURA
  • America oggi – Robert Altman

    America oggi Robert Altman

    15 aprile 2012 Lascia un commento Portare Raymond Carver al cinema? Impossibile. No, non perche’ e’ morto, sciocchini ma per la semplice ragione che Carver e’... Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • La caduta della casa Usher - Jean Epstein (1928)

    caduta della casa Usher Jean Epstein (1928)

    (La chute de la maison Usher)Visto in DVD.Appunti mentali sparsi mentre guardavo questo film, saranno ripetitivi e confusi, ma il messaggio che deve passare è... Leggere il seguito

    Da  Lakehurst
    CINEMA, CULTURA
  • Urlo

    Urlo

    E' Già Ieri. -2010-Uno dei grossi problemi del cinema è l'adattamento di un'opera di successo, si sa.L'urlo è però un esempio su come un poema tanto difficile... Leggere il seguito

    Da  In Central Perk
    CINEMA, CUCINA