Magazine Sessualità

Valeria Marini e lo sciopero della crema

Da Vuessegaudio
Valeria Marini e lo sciopero della crema Valeria Marini e lo sciopero della crema
"Io so stare anche senza crema.  Sono una donna caratterialmente molto forte"  Valeria Marini ©
Mia Nonna dello Zen: Mi ricorda la Legge di Miller, che più o meno era questa: “Non puoi dire quant’è profonda una pozzanghera finché non ci finisci dentro”. Poi, più tardi mi viene da ripensarci e mi sovviene la Legge di Segal, quella dell’uomo con l’orologio: “Un uomo con un orologio sa che ore sono. Un uomo con due orologi non è mai sicuro”. Ora, è qui il dilemma: da un lato, mi vengono due leggi di Valeria Marini e, dall’altro, la variante di Valeria sulla crema: “Una donna con una crema, quando ne fa a meno è molto forte di carattere; una donna con due creme, non è forte perché alla fine fa a meno solo di una crema”. Comunque, io penso che l’attrice sia un po’ modesta, a parte la pozzanghera: chi riesce a non usare la crema, a parte che, se vai a vedere, lecca cioccolato da mattina a sera, ma è sicuramente più che forte di carattere, attua addirittura una forma di disobbedienza civile, un po’ come lo sciopero della fame o dello sciopero bianco: lo sciopero della crema, vuoi mettere? E via con crostate, torte di mele, alla frutta, alla ricotta, al cioccolato, e quando non ne puoi più una bella pistacchiata o un panforte di quelli che a Siena Nannini  ti fa vedere le stelle a mezzogiorno.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog