Magazine Cinema

You don't know Jack ( 2010 )

Creato il 05 gennaio 2013 da Bradipo
You don't know Jack ( 2010 )Anni '90 , Michigan. il medico in pensione Jack Kevorkian aiutato dalla sorella Margo e dall'ex allievo Neill diventa l'ultima speranza per malati incurabili lasciati al loro destino doloroso dalle istituzioni e dalla medicina ufficiale. Muovendosi tra le pieghe della legge, ma ugualmente subirà molte traversie legali, pratica il suicidio assistito su esplicita richiesta el diretto interessato allo stato terminale di malattia e nel pieno possesso delle sue facoltà mentali.
Presto verrà soprannominato  dottor Morte.
E questa è semplicemente un'opera televisiva?
Perchè se è solo televisione allora che qualcuno mi dia un pizzicotto per capire che non sto sognando.Abituato al livello sconfortante di tanta fiction televisiva odierna, italiota e non, un film come questo è ossigeno puro.
E perchè un'opera come questa,cinematografica fino al midollo, non è transitata nelle sale cinematografiche?
Credo che la risposta non sia nella sua qualità, indiscutibile, ma sia nella tematica trattata probabilmente poco spendibile sul grande schermo perchè troppio scomoda.
L'eutanasia, il suicidio assistito o come diavolo si voglia chiamare, l'attività in cui il dottor Jack Kevorkian  si è adoperato per oltre un centinaio di volte.Tutto questo gli è valsa una lunga battaglia giudiziaria culminata anche con una condanna e con 8 anni trascorsi in prigione. Un tema spinoso, da far tremare le vene ai polsi, un tema di civiltà su cui si possono instaurare discussioni di durata infinita perchè ognuno comunque rimarrebbe del proprio parere.
Se ci vogliamo solo fermare alla confezione del film non possiamo far altro che restare ammirati: una fotografia plumbea, quasi in bianco e nero ci accompagna nella trattazione quasi asettica delle tesi del dottor Kevorkian intepretato  da uno straordinario Al Pacino che ci lascia a bocca aperta perchè è da tanto, troppo tempo che non lo ricordavamo così bravo. Così come siamo piacevolmente stupiti dalle prove di John Goodman (lontano dagli eccessi coeniani) e di Brenda Vaccaro che è una spalla più che adeguata alla prova monstre di Pacino.
Anche Levinson sembra tornare agli antichi fasti con una regia ferma, precisa che cerca di tenere lontano il più possibile il ricatto emotivo che è sempre dietro l'angolo quando si tratta un argomento ostico come quello dell'eutanasia.
You don't know Jack è un film di straordinaria tensione emotiva, un'opera importante che in più di un'occasione mi ha riportato alla mente un altro bellissimo film di impegno civile, quell'Insider di Michael Mann in cui la battaglia civile affrontata era decisamente meno scomoda da trattare perchè comunque le lobbies del fumo con i loro fiumi di denaro potevano poco contro lo sdegno dell'opinione pubblica.
You don't know Jack ( 2010 )Se dal punto di vista formale il film impressiona molto positivamente dal punto di vista sostanziale è un'opera che pone interrogativi non semplici a cui rispondere.Tra le righe si può rintracciare una sorta di ammirazione per un uomo che praticamente da solo combatte contro il sistema giudiziario americano e contro l'opinione pubblica bigotta e perbenista che in America è dominante.
Un uomo che non fa una battaglia a favore dell'eutanasia, è bene ricordarlo, ma conduce una battaglia civile sul principio dell'autodeterminazione, sulla possibilità di scegliere il proprio destino una volta arrivati a uno stadio terminale di malattia. Nella sua visione il dottor Kevorkian ritiene di essere uno dei pochi a rispettare fino in fondo il giuramento di Ippocrate. 
E'un discorso non semplice da affrontare, pieno di insidie a cui la chiusura mentale degli strenui difensori della vita a tutti i costi non giova. Diciamo che ha molte attinenze con il dibattito sull'aborto ma qui c'è di mezzo il mancato riconoscimento della volontà del diretto interessato, c'è una rivendicazione a decidere privatamente su una materia strettamente personale.
Ben vengano film come questo che stimolano riflessioni, che facciano conoscere altri punti di vista non omologati alla massa.
E ben vengano personaggi come Jack Kevorkian che  dedicano la loro vita a una battaglia di civiltà.
Ripeto non l'eutanasia ma il principio di autodeterminazione.
( VOTO : 8 / 10 )  You Don't Know Jack (2010) on IMDb

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Jack Reacher- La prova decisiva ( 2012 )

    Jack Reacher- prova decisiva 2012

    Nel centro di Pittsburgh , cinque persone vengono uccise da un cecchino con un fucile di precisione. Sono apparentemente vittime scelte a caso. Leggere il seguito

    Da  Bradipo
    CINEMA, CULTURA
  • Jack Reacher - La prova decisiva

    Jack Reacher prova decisiva

    Regia: Christopher McQuarrieOrigine: USA Anno: 2012Durata: 130'La trama (con parole mie): l'ex soldato Barr, tiratore scelto, mette in atto l'omicidio senza... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Jack Reacher - La prova decisiva

    Jack Reacher prova decisiva

    Jack Reacher sembra cucito addosso a Tom Cruise, un personaggio quasi anacronistico e fuori luogo che incarna una serie di ideali e principi in cui il popolo... Leggere il seguito

    Da  Sostiene Pereira...
    CINEMA, CULTURA
  • Tom Cruise è Jack Reacher

    Cruise Jack Reacher

    Esce oggi Giovedi 3 Gennaio al cinema Jack Reacher-La prova decisiva Scritto e diretto da Christopher McQuarrie (Premio Oscar per la sceneggiatura originale de ... Leggere il seguito

    Da  Www.mystyleasso88.blogspot.com
    CINEMA, CULTURA
  • Jack all'inferno

    Jack all'inferno

    Autore: John LeakeOrigine: USAEditore: MondadoriAnno: 2008 La trama (con parole mie): la storia di Jack Unterweger è davvero singolare. Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Jack Nicholson Day - Chinatown

    Jack Nicholson Chinatown

    A me piace tanto Jack Nicholson, cioè a chi non piace? È uno dei grandissimi di Hollywood, uno che ha partecipato a tanti di quei capolavori che mano lui si... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA

Magazines