Magazine Psicologia

2. Maledetto Babbo Natale

Da Simonaruffini
2. Maledetto Babbo Natale
Quando avevo circa 6 anni, per Natale i miei genitori mi regalarono un microscopio. Uno di quelli per bambini certo. Era di plastica color argento, e aveva compresi nel kit dei piccoli vetrini che potevano essere proiettati sul muro. Sui vetrini erano impresse immagini di batteri e non ricordo cos'altro. Li proiettai sul muro all'infinito fino a che li imparai a memoria. Così iniziai a catturare zanzare e a spiaccicarle sulla lente per vederle ingrandite. Scioccante.
Passai allora al mio sangue, bucandomi le dita con un ago per osservare i globuli rossi. Naturalmente l'ingrandimento non era sufficiente.
Allora ci sputavo sopra, per guardare la saliva...schifoso.
Un giorno, durante la ricerca per la tesi in farmacologia, avrei osservato un cervello di ratto al microscopio a scansione elettronica. Wow...non ci sarebbe stata storia.
Ma il destino era segnato già a 6 anni, volevo fare la scienziata.
Per un microscopio da bambini. Maledetto Babbo Natale.
(Fonte Foto: http://ferrara.blogolandia.it/2008/08/13/universita-di-ferrara-il-grido-dallarme-dei-ricercatori/)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazine