Magazine Cinema

Diaz - Don't clean up this blood

Creato il 07 giugno 2012 da Sostiene Pereira...
Diaz - Don't clean up this bloodIl limite principale del film di Vicari è quello del voler mettere in scena un evento che ha goduto della filmabilità maggiore di questi ultimi anni, divenendo un fenomeno mediatico ripreso da più angolazioni e prospettive, eccetto ciò che all'interno della Diaz è avvenuto nella sua integralità.Si potrebbe parlare anche di mancanza di sufficiente distanza storica, ma in un paese come il nostro non sembra esservi mai abbastanza distacco dagli eventi controversi della nostra storia al punto tale da poterli raccontare secondo una prospettiva ampiamente condivisibile. Eppure, come detto sopra, questo è stato forse uno degli eventi mediatici più emblematici di questo millennio e Vicari ha giustamente provato a fornire una sua visione e versione dei fatti, per quanto fondata su documenti e carte processuali.Il film però per la sua struttura narrativa non convince del tutto, perchè tenta di emulare un'apparente molteplicità prospettica, che oltre a risultare leziosa, rischia anche di banalizzare alcuni aspetti della vicenda stessa, per quanto il male e la violenza siano spesso intrisi di banalità.La violenza messa in scena da Vicari, seppur cruda e realistica, trascende in alcuni momenti in una retorica della stessa, rischiando di svuotare di senso e di potenza il messaggio di accusa tant'è, che i vari personaggi che costituiscono il variegato mondo di vittime e carnefici di tale dramma, finiscono col diventare banali se non addirittura stolti nella loro rappresentazione idealizzata e cristallizzata per immagini. Tutto ciò scaturisce dal limite di fondo che un evento come questo, filmato e fotografato, nonché studiato e infine divenuto oggetto di una serie di procedimenti penali con esiti frustranti per le vittime, si pone come filmicamente irrappresentabile, senza incorrere in visioni a tratti semplicistiche, per quanto sia innegabile lo sforzo profuso dal regista, ma tutto non sembra alla fine girare come dovrebbe e il senso ultimo della realtà sembra diventare sempre più sfocato.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Diaz - don't clean up this blood

    Diaz don't clean this blood

    (id.)di Daniele Vicari (Italia, 2012)con Jennifer Ulrich, Claudio Santamaria, Elio Germano, Davide Iacopini, Renato ScarpaVOTO: **** Mi è capitato spesso di... Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CINEMA, CULTURA
  • Diaz

    Diaz

    : Don’t Clean Up This Blood, di Daniele Vicari, Italia, Francia, Romania, 2012, 127 minuti Il film è attento ai dettagli: anche nella locandina il poliziotto... Leggere il seguito

    Da  Ilcasos
    CINEMA, CULTURA
  • Diaz – Don’t clean up this blood

    Diaz Don’t clean this blood

    Proviamo per un momento, in apertura di recensione, a mettere da parte la denuncia sociale, la veridicità dei fatti narrati ed addirittura delle violenze... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • Black Block alla Diaz?

    Black Block alla Diaz?

    Vi ho raccontato ieri Diaz – don’t clean up this blood e l’occasione è ghiotta per dire due parole anche su Black Block, il film di Carlo A. Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • diaz

    diaz

    DIAZ (Italia 2012) Può un film essere brutto e allo stesso tempo necessario? Può un film non avere nulla da dire dal punto di vista estetico ed essere comunque... Leggere il seguito

    Da  Albertogallo
    CINEMA, CULTURA
  • DIAZ - Non pulire questo sangue

    DIAZ pulire questo sangue

    recensione di Fabrizio LupertoI fatti: Nella notte tra il 21 e il 22 luglio 2001, in occasione del G8 di Genova, dopo una giornata di scontri che lasciano... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA

Dossier Paperblog

Magazines