Magazine Cinema

Eccomi, DeMille, sono pronta per il mio primo piano.

Creato il 27 dicembre 2011 da Presidenziali @Presidenziali


Eccomi, DeMille, sono pronta per il mio primo piano.Nell’era della tridimensionalità, il regista francese Michel Hazanavicius corre il rischio di effettuare un’operazione controcorrente, riportando la storia indietro di più di ottant’anni, al cinema delle origini. Il risultato è The Artist, una pellicola senza sonoro e in bianco e nero. 
George Valentin (Jean Dujardin) star del cinema muto, si trova all’apice della carriera proprio negli anni in cui Hollywood e i suoi produttori iniziano ad accorgersi delle potenzialità del sonoro. La sua strada si incrocia con quella di Peppy Miller (Bérénice Bèjo) una ragazza che sogna il grande cinema. Un incontro magico fin dai primi istanti e che non mancherà di avere conseguenze impreviste. Un conflitto tra opposti, tra due mondi diversissimi, tra due modi antitetici di concepire il cinema, arricchito da molte figure accattivanti e splendidamente delineate come il produttore burbero, ma dal cuore d’oro (John Goodman) o il fedele autista interpretato da James Cromwell. Quello che mi ha conquistata di The Artist, film che negli ultimi mesi è diventato un vero “caso” cinematografico, è che funziona benissimo e sorprendentemente, ciò avviene a prescindere dall’impressionante ingombro del suo progetto. Il rischio di un film simile era, chiaramente, quello di un’operazione studiata a tavolino, che ammiccasse ai cinefili (non necessariamente agli “esperti” quanto, piuttosto, agli amanti del cinema) dimenticando il pubblico, risultando quindi velleitaria, presuntuosa o – peggio ancora – fredda e sterile. In verità Hazanavicius utilizza l’artificio insieme scaltro e coraggioso della riproduzione filologica del cinema degli anni del muto, per restituire però un’esperienza di un’onestà e di una semplicità, rinfrescanti. Gigantesco è, lo sforzo messo in atto per ricreare scenografie e costumi. Niente è lasciato al caso e ogni immagine è una gioia per gli occhi. Inoltre, non mancano i pezzi di bravura, come la citatissima e irresistibile scena onirica in cui il sonoro “invade” il sogno del protagonista. Il risultato è emozionante, autentico, quando non commovente – penso al montaggio parallelo che introduce la risoluzione finale, o alla sequenza meravigliosa e altamente poetica in cui Peppy si infila una manica del soprabito appeso di George e mima un abbraccio dell’uomo di cui è innamorata.La sinossi ricorda, per ovvie ragioni, quella di uno dei massimi capolavori del cinema americano, Singin’ in the rain, ed è difficile non pensare a Gene Kelly di fronte alla mimica e al corpo del favoloso Jean Dujardin, ma la bellezza di The Artist è proprio nella sua capacità di non trincerarsi dietro una facile nostalgia fine a se stessa, né per quella del muto nello specifico né per l’inevitabile trasformazione che il cinema attraversa e continuerà ad attraversare lasciando alle sue spalle i detriti del passato. Quella che vuole raccontare Hazanavicius è una storia d’amore e di orgoglio, di ossessione e di rinascita, che prescindendo dai linguaggi con cui viene narrata, va dritta al cuore, pur mantenendo come perno inamovibile, la passione vitale e travolgente per quella fabbrica immensa di storie, emozioni e sogni che il cinema è, da sempre.
Voto: 8,5

 
Voto redazione--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Presidente: 6,5   |   Ang: 7.5   |   Apeless: 6.5      

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Eccomi di ritorno!

    Eccomi ritorno!

    Buongiorno! Un post veloce per dirvi che sono tornata e che appena sistemo le foto vi faccio vedere gli orecchini che ho fatto in ferie.. Leggere il seguito

    Da  Amabito
    CREAZIONI, HOBBY, LIFESTYLE
  • Eccomi qua!

    Ciao a tutti! allora, ricapitolando...Daria, 31 anni, ostetrica da 7 e mamma di un bambino spettacolare (d'altronde ogni scarrafone è bello a mamma soja) che... Leggere il seguito

    Da  Allattiamoinsieme
    MATERNITÀ, PER LEI
  • ed eccomi di nuovo qui...coming back

    eccomi nuovo qui...coming back

    eccomi di nuovo qui con voi, con immenso piacere. dopo un trasloco che mi ha portato via tempo ed energie, dopo un agosto all'insegna dell'ospitalità e della... Leggere il seguito

    Da  Ilcerchiomagico
    TALENTI
  • eccomi

    Arieccomi... Ora che ci penso non mi ricordo se vi ho detto perché sono scomparso per una settinama... Allora, questi giorni di assenza li ho passati girando... Leggere il seguito

    Da  Studentepercaso
    DIARIO PERSONALE
  • Eccomi!!!

    Carissimi,che cosa dire per giustificare questa lunga assenza...ci sono delle volte che devi staccare la spina. Io ho dovuto farlo.Tutto qua. Per una serie di... Leggere il seguito

    Da  Amelie75
    PER LEI
  • Eccomi il giorno del famoso matrimonio del primo settembre!

    Eccomi giorno famoso matrimonio primo settembre!

    Il fatidico primo settembre è passato, e con il primo di settembre è passato anche il matrimonio al quale dovevo partecipare. Così ora sono finalmente pronta pe... Leggere il seguito

    Da  Simona Giorgino
    PER LEI
  • Eccomi!

    Eccomi!

    Grazie a tutti per il sostegno morale Cri Leggere il seguito

    Da  Cristiana2011
    OPINIONI, SOCIETÀ

Magazines