Magazine Italiani nel Mondo

English?

Creato il 09 aprile 2014 da Italolombardo
English?


La mia conoscenza dell'inglese prima di trasferirmi in Scozia era buona.

O almeno cosi' indicava il mio CV italiano, nonostante in cuor mio mi fosse ben chiaro che non era affatto vero. Si trattava di una menzogna fatta e finita.Erano gli anni nei quali era diventato obbligatorio indicare il livello di inglese sul proprio CV e le alternative disponibili erano essenzialmente tre: ottimo, buono o scarso.La prima opzione mi sembrava troppo, almeno per la mia quasi limpida coscienza. La terza rappresentava la scelta piu' onesta, ma nemmeno mi andava di auto-escludermi in quel modo dal mercato del lavoro, regalando opportunita' a candidati meno onesti ma con la mia stessa conoscenza dell'inglese. Restava la via di mezzo. Quella che mi proteggeva da ogni potenziale rischio e mi permetteva di approfittare del sistema senza avere troppi pesi sulla coscienza.

D'altro canto, era pur vero che vivevo in una societa' dove, nella peggiore delle ipotesi, quella misera dimestichezza linguistica giustificava almeno l'aggettivo "buono". Quella era la regola del mercato e io non potevo dire al mondo che da ragazzino avevo viaggiato in lungo e in largo per il globo pur avendo una scarsa conoscenza dell'inglese. 

Ma come in quasi tutte le storie senza lieto fine, i nodi vengono poi al pettine.

La sorte mi ha regalato l'opportunita' di lavorare in Scozia, accettata con l'entusiasmo di chi la desiderava da tempo. Le esagerate ambizioni prefissate alla partenza furono pero' riviste al ribasso nel momento in cui misi piede nel Regno Unito. 

Motivo? La buona conoscenza della lingua inglese che avevo per anni venduto, mi era sufficiente per acquistare il pane al negozio sotto casa. Senza problemi, ero infatti nella condizione di afferrare la pagnotta dallo scaffale, inserirla nell'appositio sacchetto per poi consegnare gli spiccioli al cassiere. Ogni azione diversa dall'essenziale avrebbe dato a quell'uomo la possibilita' di interagire, di fare quelle quattro chiacchiere che il mio inglese avrebbe reso senza senso e imbarazzanti. Condizione pietosa, che mi permetteva di socializzare esclusivamente con italiani e con stranieri con il mio stesso livello di inglese. Che mi regalava la possibilita' di lavorare solo nel momento in cui fosse stato necessario farlo in italiano, vivendo un'esperienza limitata in un Paese straniero. Condizione da questi parti troppo spesso giustificata con l'accento glaswegian. Accento che esiste, al quale e' necessario abituarsi ma che difficilmente esclude dalla societa' l'individuo che ha dimestichezza con la lingua inglese.

La realta' era un'altra: la mia conoscenza dell'inglese era scarsa. Imbarazzante.

Quella lingua l'avevo quasi studiata alle scuole medie, per poi continuare alle superiori. Un paio di ore alla settimana, che ero solito trascorrere a fare scarabocchi di dubbio valore artistico. Sul libro di testo la prima meta' della lezione, incisi sul banco nella seconda. La professoressa di inglese delle medie era solita ostentare il fatto di non avere mai visitato un Paese anglosassone, requisito secondo lei non indispensabile per ben conoscere una lingua.

Nulla di piu' sbagliato, nulla di piu' tragico.

Per imparare una nuova lingua, per poterla parlare correttamente, serve talento. Talento da unire a dedizione e impegno. Vivere nel Paese nel quale quella lingua e' parlata, frequentare persone madrelingua e lavorare utilizzandola, sono passaggi obbligatori per conseguire risultati soddisfacenti. 

Ho conosciuto pochi italiani con un ottimo livello di inglese. Ognuno di loro aveva vissuto per anni in un Paese anglosassone. Ho invece conosciuto italiani da anni residenti all'estero, spesso con un buon livello di inglese, spesso con un marcato accento italiano. Altri con un livello imbarazzante, pur vivendo da anni in una societa' che lo utilizza come prima lingua.

Parlare inglese non e' obbligatorio. Resta il fatto che si tratta della lingua maggiormente utilizzata in ambito commerciale. Usata da sempre piu' persone, sempre piu' preparate professionalmente. Ne consegue che si tratta di una scelta obbligata per coloro i quali desiderano trasferirsi all'estero. Vivere e lavorare in un Paese straniero senza avere dimestichezza con l'inglese significa prendere dei rischi senza investire nel proprio futuro.Anni fa parlare inglese erano sinonimo di successo. Ora e' essenziale per evitare di restare indietro.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • E se Jovanotti avesse ragione?

    Probabilmente mi farò dei nemici, ma tanto ne ho già parecchi e ho le spalle grosse. Probabilmente qualcuno mi urlerà di nuovo “fascista” senza sapere chi ha... Leggere il seguito

    Da  Denise D'Angelilli
    DIARIO PERSONALE, ITALIANI NEL MONDO
  • Italiani in amore, che pasticcioni!

    Italiani amore, pasticcioni!

    I gestori dei bar del centro di Aguascalientes collocano sedie e tavolini anche sui tetti (che sono a terrazza come in sud Italia) per permettere ai clienti di... Leggere il seguito

    Da  Darioanelli
    AMERICA, ITALIANI NEL MONDO, MONDO, VIAGGI
  • La Sindrome di Kimmy Schmidt

    Sindrome Kimmy Schmidt

    Un po' di tempo fa venne nella mia dolce Universita' di orsi volanti e soffici cerbiatti, di hippie e di cowboy, una professoressa inglese. Leggere il seguito

    Da  Giupy
    DIARIO PERSONALE, ITALIANI NEL MONDO, TALENTI
  • Le 5 peggiori abitudini tutte italiane

    peggiori abitudini tutte italiane

    Premetto che io amo l’Italia, la amo veramente, la amo ancora di più da quando sono in India, un paese senza mucche commestibili. Leggere il seguito

    Da  Sopravvivereinindia
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • …La Famiglia Bicini è di nuovo al completo qui a...

    Famiglia Bicini nuovo completo a...

    ...La Famiglia Bicini è di nuovo al completo qui a Bangkok! Ecco perché non mi sono fatto vivo in questi ultimi giorni... nella vita ci sono priorità e stare co... Leggere il seguito

    Da  Italianoabangkok
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Desert..

    Desert..

    “Meravigliosa è la forza dei deserti d’Oriente fatti di pietre, di sabbia e di sole, dove anche l’uomo più gretto capisce la propria pochezza di fronte alla... Leggere il seguito

    Da  Paolo
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI

Dossier Paperblog