Magazine Diario personale

Epifania

Da Silvia

Epifania
La festa dell'Epifania mi ha sempre messo una gran tristezza.
Il giorno della befana ha generato in me, da tempo immemore, considerevole mestizia e somma angoscia.
Una profonda e strisciante cupezza mi coglie nelle giornate comprese fra il 5 ed il 6 di gennaio.
E' uno stato d'animo assimilabile a quello che provavo ed ancora provo ogni domenica sera intorno alle 18.
La domenica sera mi prende una malinconia schiacciante, tutto diventa buio e patetico, cerco di dirmi "è ancora domenica" ma non ci credo neanche io, sono consapevole che in verità è già lunedì, è già scuola, è già lavoro, è già corsa affannosa e colazioni in piedi.
L'epifania è come la domenica sera paragonata al sole della domenica mattina.
Il cinque gennaio il presepe è mezzo smontato, le pecore rantolano riverse sul muschio, l'albero pende da un lato ed i biscotti di zenzero appesi in giro, sono mosci come certe cose mosce e poco frequentabili al fine d'esserne contente e soddisfatte.
In giro per casa resta un vago odore di zucchero a velo e pandoro, si trovano schegge di torroni dietro ai mobili, fiocchetti di regali incartati con cura e scartati con foga, ci sono bigliettini e cartoncini pieni di stelle di porporina sugli scaffali.
Le lucine ancora brillano per la casa, ma sono ad un passo dallo scatolone con su scritto "Natale", ora luccicano ma tra poco saranno spente, ora sono ancora accese in salone, tra poco saranno buie in cantina.
L'Epifania è come l'adolescenza, stai già invecchiando mentre ti spuntano i seni, un attimo e ti trovi dal possedere due mele sode ed attraenti, all'avere due pashmine simil-seta, utili per riparare il tratto cervicale nelle sere umide.
L'Epifania non è una festa vera, è la fine della vacanza, della gioia, l'interruzione delle serate svegli fino a tardi tanto domani possiamo dormire a lungo.
L'Epifania è uno sforzo fingere di festeggiarla, il testardo tentativo di prolungare la pausa, il riposo, i giorni speciali.
L'Epifania è smontare, riprendere, ricominciare, ricorrere ai ritmi identici a sé stessi, ossessivi e stancanti, lasciati per un po' e forse scordati.
Dopo l'Epifania non dimentichi più che giorno della settimana sia, lo sai perfettamente.
Il giorno dell'Epifania ci si prepara a disintossicarsi dai bagordi alimentari, a perdere qualche chilo in vista della primavera, a fare progetti, ad inventare qualcosa di nuovo per l'anno che si srotola davanti a te come un tappeto morbido ed intonso.
Perché in fondo non c'è niente di più rassicurante di qualcosa che è uguale a sé stesso e nel quale ti senti protetto.
Quando tolgo tutti gli addobbi seminati ovunque, quando ripulisco ogni cosa ed ogni cosa torna all'ordine perduto, in fondo mi sento molto eccitata, da ora in poi tutto diventa possibile...
Anche cambiare.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Evitando le buche più dure...

    Evitando buche dure...

    "Ma sei sempre in giro?!?""Ebbene si, ma se potessi, sarei in giro molto di più!"Ammetto che il mondo visto dalla finestra, è molto meno interessante di quello... Leggere il seguito

    Da  Patalice
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI
  • Colors beauty / bellezza del colore

    Colors beauty bellezza colore

    I bambini di oggi hanno la chance di giocare con giocattoli meravigliosi.PicassoTilesUno di questi pezzi che invidio un po' alle mie nipotine è un gioco che si... Leggere il seguito

    Da  Ritarossa
    DIARIO PERSONALE, FAI DA TE, TALENTI
  • Wallace Stevens - Aurore d'autunno

    La pubblicazione di un libro di Wallace Stevens, per quanto non recentissima (l'uscita è avvenuta nel Febbraio 2014) è sempre una bella notizia, soprattutto se... Leggere il seguito

    Da  Ellisse
    POESIE, TALENTI
  • Vagabonda del Dharma

    Vagabonda Dharma

    I miei genitori, preda dell'euforia post '68, hanno deciso di non battezzarmi e di crescermi a pane e strozzapreti. A due anni mia nonna mi ha portato l'acqua d... Leggere il seguito

    Da  Giupy
    DIARIO PERSONALE, ITALIANI NEL MONDO, TALENTI
  • Fosca Massucco - Per distratta sottrazione

    - Raffaelli editore 2015 Avevo già avuto modo di parlare della poesia di Fosca Massucco in occasione dell'uscita nel 2013 del suo "L'occhio e il... Leggere il seguito

    Da  Ellisse
    POESIE, TALENTI
  • E poi fu il fischietto

    C'era una volta, tanto tempo fa, una fanciulla che odiava gli sport, specialmente gli sport da maschio.Non le piacevano gli stadi, la sola vista di un pallone l... Leggere il seguito

    Da  Lagianni
    DIARIO PERSONALE, LIFESTYLE

Dossier Paperblog