Magazine Attualità

Equitalia: busta esplosiva sedi Roma e Ischia

Creato il 09 gennaio 2012 da Nottecriminale9 @NotteCriminale

Equitalia: busta esplosiva  sedi Roma e Ischia
La filiale, lo scorso 15 dicembre, aveva già ricevuto una simile intimidazione. La busta, indirizzata al direttore della sede, conteneva polvere pirica che fuoriusciva e un pezzo di corda. L'allarme era stato lanciato intorno alle 12 e sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di Villa Glori e gli artificieri.
E una missiva contenente polvere di colore azzurro e destinata ad Equitalia è stata trovata da un portalettere nel sacco di corrispondenza che aveva appena svuotato nell'ufficio di località San Francesco, nella zona di Panza, sull'isola d'Ischia. 
I carabinieri hanno sequestrato la lettera mentre i vigili del fuoco hanno provveduto a bonificare l'ufficio. Il portalettere è stato accompagnato, a scopo precauzionale, in ospedale.
Proprio ieri sera a Roma la tematica della sicurezza delle sedi di Equitalia è stata oggetto di una riunione, presieduta dal questore, Francesco Tagliente,  alla presenza di alcuni dirigenti di via S. Vitale e del responsabile della Squadra Artificieri Antisabotaggio. Nell'occasione è stato fatto punto della situazione sulle misure adottate e su quelle necessarie per proseguire l'azione di prevenzione. Anche con i rappresentanti della sicurezza di Equitalia sono stati esaminati tutti gli episodi che si sono verificati su scala nazionale, al fine di valutare eventuali rimodulazioni delle misure precauzionali. 
Tutta la corrispondenza in arrivo e diretta alle sedi dell'ente di riscossione viene intercettata e monitorata dagli artificieri e dagli addetti al controllo della corrispondenza dei singoli uffici, anche sulla base delle allertamenti ripetuti a seguito della ricezione del primo pacco esplosivo presso la sede di Equitalia. Oltre alla corrispondenza sono all'attenzione anche le singole sedi e i vertici delle agenzie di riscossione tributi. 
tutte le news correlate

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :