Magazine Società

gaia vs trenitalia, strategia da definire

Creato il 28 dicembre 2011 da Gaia

Io una volta amavo i nostri treni, gli intercity socievoli in cui si poteva conoscere gente, leggere o ascoltare musica guardando il paesaggio, i regionali quando andavo a trovare amici a Gorizia o parenti a Codroipo, mettendo la testa fuori dal finestrino per sentire il vento anche se non si poteva, il poter spendere poco e andare lontano, mi piaceva meno viaggiare di notte e dormire pigiata tra sconosciuti che mi alitavano in faccia, ma esisteva l’opzione cuccette per stare comodi e risparmiarsi un viaggio di giorno. Io ero contenta di prendere il treno, non inquinare, e passare ore a leggere.
Adesso penso che Trenitalia sia il male. I ritardi ci sono sempre stati, ma ora le soppressioni e i ritardi, oltre a disservizi come sovraffollamenti, guasti alle porte, e chi più ne ha più ne metta, fanno pensare che dei pendolari, che sono quelli che usano il treno quotidianamente risparmiando al nostro paese la loro parte di traffico e inquinamento, non freghi niente a nessuno. Si sopprimono gli intercity, che erano magari più lenti dell’alta velocità ma garantivano lunghi collegamenti diretti, a prezzi abbordabili e con posti comodi, per avvantaggiare queste stupide schegge, scomode come gabbie, che fanno brevi tratte costosissime e poi ti lasciano aspettare un’ora in stazione per prendere la coincidenza successiva, quindi alla fin fine saranno anche veloci ma ti fanno perdere tempo. Quando ero in Val Susa, un signore pugliese mi ha detto che trent’anni fa stava meno di adesso a tornare a casa. Questo articolo conferma: “dal 1975 ad oggi è aumentato di 34 minuti il tempo impiegato da un treno per coprire la distanza tra Roma e Palermo”.
Io ora odio Trenitalia, la sua mania dell’alta velocità (che persino l’Economist dice che non conviene), la sua indifferenza nei confronti dei pendolari, il suo spezzettare le lunghe tratte, il suo tagliare, con la complicità della politica, notturni e regionali, favorendo così chi è ricco e può pagarsi una frecciaqualcosa, il suo quasi monopolio e il suo manager strapagato, Mauro Moretti, che prende più di ottocento mila euro all’anno per sua stessa ammissione (quasi settanta mila euro al mese, settanta mila euro al mese, non vi viene da bestemmiare??)
Per non dire niente della TAV Torino-Lione…
[Alternative: in Friuli abbiamo, ad esempio, le FUC, Ferrovie Udine-Cividale, a capitale interamente regionale, che forniscono un ottimo servizio e dall'anno prossimo ci porteranno in Austria. Prodotto della liberalizzazione o della buona gestione della cosa pubblica? Interessante ibrido.]
Comunque, intanto comanda ancora Trenitalia, la vorrei boicottare, ma il punto è che se non viaggio in treno, auto e aereo sono pure peggio. I comitati dei pendolari sono un ottimo sistema tramite cui i cittadini, presentando le proprie osservazioni e proposte sia ai gestori del servizio sia alle amministrazioni, possono esercitare un controllo democratico sui trasporti, un bene pubblico – ma non bastano. L’unica idea che mi è venuta finora è prendere solo regionali, e corriere quando possibile, evitando assolutamente l’alta velocità anche se in alcune tratte è quasi impossibile, ma immaginatemi che agito un pugno al cielo maledicendo Trenitalia, in attesa che mi vengano altre idee.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Offesa io?

    Offesa

    Non condivido il senso di offesa personale che molti esprimono per questa faccenda. Non ho mai votato per Berlusconi, ho sempre manifestato la mia avversione pe... Leggere il seguito

    Da  Cristiana2011
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Ritornando da Gorizia: Diritto ed Economia nelle terre di frontiera

    Ritornando Gorizia: Diritto Economia nelle terre frontiera

    Sabato scorso ho partecipato al Convegno Diritto ed Economia nelle Terre di Frontiera, promosso dall’Enaip FVG e patrocinato dall’OMPSI, Osservatorio per il... Leggere il seguito

    Da  Elvio Ciccardini
    SOCIETÀ
  • Io voto.

    voto.

    Il voto in Egitto, 28.11. Qualche scatto. Complessità. Foto a fine serie: caffè e sigarette dopo il dolce da Groppi. Titolo: Ex voto. Leggere il seguito

    Da  Gianlucaweast
    SOCIETÀ
  • io?

    Che poi sono il primo a inarcare le sopracciglia facendo quella faccina perplessa con tutte le rughe a righe sulla fronte quando sento ripetere la stessa cosa... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ
  • tutto io

    Il mio istinto sarebbe quello di coprirmi le orecchie a intermittenza e lasciar defluire il tuo fiume di inutilità cantando una canzoncina come fanno gli... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ
  • Io, mazzettara mai pentita

    mazzettara pentita

    Il Procuratore Generale della Corte dei Conti dichiara: "Il malaffare ci costa 60 miliardi l'anno"IO, MAZZETTARA MAI PENTITASconvolgente intervista ad una... Leggere il seguito

    Da  Ciro_pastore
    CULTURA, OPINIONI, SOCIETÀ
  • Io no

    August Landmesser, classe 1910, è l’eroe di questa foto, scattata il 13 giugno 1936 ai cantieri navali Blohm e Voss di Amburgo. Come vedete è l'unico con le... Leggere il seguito

    Da  Profrel
    RELIGIONE, SCUOLA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine