Magazine Racconti

I corvi e la notte. Di Nadia Agustoni

Da Fabry2010

I corvi e la notte. Di Nadia Agustoni
(Uccelli sui rami)

I corvi e la notte.
Di Nadia Agustoni

Una vedetta non abbandona la postazione, nemmeno quando il vento sembra la voce dei morti. La gente mi conosce come un bambino speciale e sembra non pensarmi in altro modo, non immagina che io sono solo un bambino e rido e soffro senza sapere il perché. Infatti non tutte le volte noi sappiamo i perché. Non siamo come i libri: siamo pagine strappate via o ancora da scrivere. Sicché io sto sui tetti e penso, penso profondamente alla notte. Chi capisce la notte attraversa l’universo. Siamo così soli quaggiù che la notte ci nasconde e abbiamo posti dove le cose e la gente riposano. E’ allora, nel riparo, che si vedono i pensieri andare via da noi. Si staccano e fanno un giro di boa, perché somigliano a barchette di carta con righe e parole scritte dentro a caso.

Ero sul mio tetto preferito, mi sporgevo dalla grondaia per sentire cadere la pioggia, quando tutto a un tratto mi parve che la notte si facesse più buia. Era il buio freddo di certe notti, senza parole e uguale alla presenza dei corvi. I corvi, sappiatelo, sono uccelli neri, un po’ troppo distaccati da tutto. Sono anime senza pena, ma tutti pensano il contrario e dicono cose cattive sui corvi. I corvi invece sono buoni, ingoiano col becco i pensieri scuri quando passano veloci nella notte e ci liberano l’anima dalla tristezza. Succede però che i corvi digeriscono a fatica quei pensieri e noi li guardiamo e pensiamo: “sono uccelli tristi, di sfortuna.” Non è vero, ci aiutano in silenzio, fanno un lavoro grande come una diga. Capitò quindi, che mentre mi sporgevo dalla grondaia, la notte si mettesse a parlare con me. Bisogna capire che la notte parla pianissimo e io ci sento poco, ma mi disse che non era mai stata creata, c’era da sempre, veniva prima di tutto. Ci pensai su, sembravo perfino serio aggrottando i sopraccigli e il naso aveva urgenza di starnutire, ma lo pregai di attendere. “Certo” dissi alla notte,” ovvio tu sia il nostro prima, qualcosa deve ben esserci da cui si sia cominciato.” Pensandoci su bene trovavo tutto logico, ma chiesi perché ci tenesse a farmi sapere quelle cose. Mi rispose il corvo più vicino: “ Vedi, noi siamo le cose scure senza cui non c’è il mondo. Stiamo dietro la luce non come nemici, ma per aiutarvi a capire che solo uno sguardo più lontano, che arriva alle radici, tiene insieme ogni cosa”. Mi pare che fu il solito vento a fare come una stecca. Steccò e non sentivo più. Ma avevo capito, perché sono un bambino della notte e amo le grondaie e ascolto la pioggia che cade giù in basso. La pioggia somiglia al mondo. Attraversa la terra, viene da lassù e lassù ritorna piano piano.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Nadia bucchioni

    Nadia bucchioni

    Mi chiamo Nadia Bucchioni e sono nata a Pontremoli (MS) dove tutt'ora risiedo il 9 agosto 1949. Ho lavorato in qualità di commerciante e ora sono felicemente... Leggere il seguito

    Da  Biancheggiando
    POESIE, TALENTI
  • I consigli di una wp

    consigli

    (tutte le foto trovate su knottybride.com)Bah continuo a chiedermi dove mi stanno volando i giorni...non capisco. Ieri sono entrata nello studio alle 9.00 e ne... Leggere il seguito

    Da  Magnoliawp
    LIFESTYLE, PER LEI
  • I negozi di Roma

    negozi Roma

    Mi son sempre chiesto come un commerciante possa accettare che la saracinesca del suo negozio sia completamente devastata dai graffiti e ridotta in queste... Leggere il seguito

    Da  Riprendiamociroma
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • LIBERI i volontari di Emergency

    LIBERI volontari Emergency

    LIBERI !!! In mezzo a tanto letame ogni tanto l’informazione regala anche qualche buona notizia. Caso vuole tutto ciò avvenga dopo una manifestazione, quella... Leggere il seguito

    Da  Chit
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • I fuochi di San Giuseppe

    Focarazz”,“fucanoi”,“fusteletuat”,“ fucatazzi”: in giro per la Basilicata sono tanti i nomi che vengono dati ai falò che illuminano e riscaldano le vigilie di... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Melillo
    ITALIA, SUD ITALIA & ISOLE, VIAGGI
  • I marciapiedi di Roma

    marciapiedi Roma

    No, non è un pezzo di strada di Shindand devastato da una granata. Questi qui sono i marciapiedi di Roma. Di tutta Roma. Perché non ce n'è uno che non sia... Leggere il seguito

    Da  Riprendiamociroma
    ECOLOGIA E AMBIENTE, SCIENZE, SOCIETÀ
  • I cuoricini di formaggio

    cuoricini formaggio

    . Mettete una domenica mattina a casa di amici...una passeggiata al supermercato per comprare dei pomodorini, e cosa ti trovo?Questi bellissimi cuoricini di... Leggere il seguito

    Da  Decorazionisegrete
    CUCINA

Magazines