Magazine Cucina

Il baccalà

Da Silva Avanzi Rigobello

La patria Veneta del baccalà è senza discussioni Vicenza.
In città e in provincia ci sono un’infinità di trattorie, osterie, gastronomie da asporto e rinomati ristoranti che propongono la loro versione (tradizionale o mantecata) del baccalà.
Una volta l’ho mangiato perfino come ripieno dei fiori di zucca in un locale elegante del Centro Storico, una domenica che si andava al mercatino dell’Antiquariato di Vicenza, nei dintorni di Piazza dei Signori.
Essendo limitrofi e avendo grosso modo le stesse caratteristiche di città senza affaccio al mare, che nei secoli passati potevano contare quindi maggiormente sui pesci conservati per poterli gustare, anche per noi Veronesi il baccalà è un piatto della cucina tradizionale del territorio.
È inutile insistere per farci riconoscere che il merluzzo, una volta pescato, se fatto essiccare assume la denominazione di stoccafisso, oppure di baccalà se salato e conservato in barile.
Per noi la differenza è ininfluente: è comunque e sempre “el bacalà”!
Il perfetto “bacalà” Veronese dunque, si fa con lo stoccafisso di qualità Ragno, che si può acquistare (già perfettamente ammollato) in quelle poche, stupende rivendite di generi alimentari di vecchia tradizione che ancora resistono in centro storico, quelle dove trovi anche le acciughe sotto sale nelle scatole tonde di latta, le olive in salamoia nei barili e le soppresse appese.

In uno di questi negozi quindi si acquistano quindi 8-900 gr di stoccafisso ammollato e 2 grosse acciughe sotto sale. Si passa dal fruttivendolo e si prendono 250 gr di cipolle bianche e 1 bel ciuffo di prezzemolo. Latte, Parmigiano, farina, olio, sale e pepe in casa ci sono di sicuro e allora facciamo il “bacalà” senza stare tanto a pensarci su.
Questo è il risultato. Naturalmente la polenta “brustolà” non può mancare.

20140121-150042.jpg
Si dissalano e si diliscano le acciughe, si tagliano a pezzettini e si fanno sciogliere in un tegame con 4 cucchiai di olio, si aggiungono le cipolle tritate e si fanno appassire dolcemente. Fuori dal fuoco si unisce il prezzemolo tritato.
Nel frattempo si eliminano la pelle e le lische e si tagliano a pezzi i tranci di stoccafisso, si infarinano e si dispongono in un unico strato un un tegame sul cui fondo sono state distribuite alcune cucchiaiate di soffritto.
Si insaporisce con pepe bianco e poco sale e si copre con il resto del soffritto.
Si aggiunge 1/2 litro di latte, un generosissimo giro d’olio e si cosparge con 50 gr di Parmigiano grattugiato.
La cottura, all’inizio a tegame coperto, deve durare un’eternità, vale a dire almeno 3 ore e 1/2 o anche 4, a fuoco dolce, senza mai mescolare, scuotendo semplicemente il tegame perché non si attacchi.

Probabilmente questa è la medesima ricetta del Baccalà alla Vicentina, ma a noi piace pensare che sia la nostra.
Si può anche cuocere in forno, ma io preferisco farlo sul fornello, in un tegame dal fondo pesante: controllo meglio la cottura.
Immancabile sulla tavola una ciotola di radicchio rosso affettato e condito con olio, sale, pepe, aceto balsamico e una generosa cucchiaiata di Parmigiano, Parmigiano con cui volendo si cosparge anche la propria porzione si baccalà.
A Vicenza non lo so, da noi si mangia così.


Archiviato in:Secondi piatti Tagged: Acciughe sotto sale, baccalà, cipolle bianche, farina, latte, olio, parmigiano, polenta abbrustolita, prezzemolo, sale e pepe, stoccafisso

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Caldaro

    In ogni zona di mare vi era un tempo un piatto, e vi è tutt’ora una zuppa , una pietanza, atta a recuperare le minutaglie ed i pesci non adatti alla vendita. Leggere il seguito

    Da  Damgas
    CUCINA, RICETTE
  • Il Festival Lindor

    Festival Lindor

    Il freddo ce lo abbiamo, ci manca solo un Lindor! Passate domani pomeriggio dal Dolce Emporio, dalle 17.30 alle 19.30, per il primo giorno del fantastico... Leggere il seguito

    Da  Dolcemporiofirenze
    CUCINA, RICETTE
  • Il Berlingozzo

    Berlingozzo

    Tra i dolci tipici di carnevale il berlingozzo ha certamente un posto d’onore; nativo di Lamporecchio, piccolo comune del pistoiese, è una storica ciambella... Leggere il seguito

    Da  Damgas
    CUCINA, RICETTE
  • Il Tonnotto…

    Tonnotto…

    Generalmente prima di richiedere una collaborazione, provo i prodotti (quando mi è possibile, non sempre si trovano), così è stato per l’ azienda del Tonnotto! Leggere il seguito

    Da  Pentoleepetali
    CUCINA, RICETTE
  • Il peso della fama

    peso della fama

    "La fama non ti rende felice, proprio no. Il successo è fare quello che ti rende felice e sperare di avere una vita proficua. Se so di aver fatto un buon lavoro... Leggere il seguito

    Da  Rosse8103
    CUCINA, RICETTE
  • Il Risotto Mimosa

    Risotto Mimosa

    Come ogni anno sta avvicinandosi l’ 8 marzo , festa della donna , festa che ha come simbolo il fiore di mimosa o il colore giallo intenso caratteristico di... Leggere il seguito

    Da  Damgas
    CUCINA, RICETTE
  • il tempo…..

    tempo…..

    DESIDERATA Procedi con calma tra il frastuono e la fretta e ricorda quale pace possa esservi nel silenzio. Per quanto puoi, senza cedimenti, mantieniti in... Leggere il seguito

    Da  Cinziamaria
    CUCINA, DIARIO PERSONALE, RICETTE

Magazines