Magazine Lifestyle

Il pressing NO!!!

Creato il 26 luglio 2013 da Morgatta @morgatta

venerdibruttinoMercoledì scorso sono uscita da scuola intorno alle 14. Mentre cercavo di restare in piedi nonostante i 150° gradi all’ombra, staccandomi la nuvoletta di umido di dosso per prendere le chiavi del motorino, vedo un paio di braccia tatuate pedalare in bicicletta davanti a me e poi le sento urlare “Complimenti!” “Ho le allucinazioni. E poi complimenti per cosa, per la resistenza al caldo o per l’accozzo di colori con il quale sono uscita anche stamattina?” Rispondo cortesemente un “Grazie!” e mi infilo il casco, pensando che di gente strana, al mondo, ce n’è davvero troppa. Dopo tre secondi rivedo i braccioni e mi accorgo che sono anche attaccati ad un essere maschile discretamente attraente. Comincia a parlare alla velocità della luce, tra convenevoli e complimenti mi estorce il numero in maniera quasi brillante (ah, però). Poco brillante il seguito: 5 telefonate e 7 messaggi (lascio perdere i commenti sulla grammatica e sulla scrittura, compresa una scarsa creatività per gli aggettivi) in meno di due ore! Ma siamo impazziti?!? Ecco, se volete far scappare un uomo o donna che sia, sfondatelo di messaggi!!! A questo proposito c’è un passo di Come tenersi un uomo che calza a pennello…

Tra il fare una telefonata ed essere asfissianti sembra esserci un abisso. E invece no. Basta pochissimo. Soprattutto agli inizi di una relazione, quando c’è la voglia di rivedersi, l’ansia delle prime volte e il “ma chiamo io o aspetto?”. Nel dubbio è tipico impugnare la mitragliatrice e sparare raffiche di telefonate, messaggi e richieste di appuntamenti.

massimebruttine23

Il messaggio è chiaro: non siate pressanti e non vi appiccicate! Non insistete: se non risponde dopo la prima volta, non chiamate a oltranza. Se era impossibilitato a rispondervi, vi richiamerà più tardi. Se non dà cenni di vita passate le 48 ore (dopo aver avuto la conferma che non sia stato coinvolto in un incidente o che l’abbiano arrestato) cancellate il numero e passate oltre (oltre=non rispondere quando richiama dopo una settimana quando ha finito di farsi ampiamente gli affari suoi).”

In ogni caso fare il pressing non si rivela mai una scelta utile e funzionale. A meno che non sia un incalzare sottile, elegante, ironico, intelligente, un gioco di tira e molla fatto di parole, silenzi, sguardi, di rose, di avvicinamenti e allontanamenti, appuntamenti e messaggi accattivanti mandati al momento giusto. Ma dove sono finiti i corteggiatori?!?

Comunque l’insistenza non ripaga. La costanza sì. E voi, siete costanti o insistenti?

;)



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog