Magazine Opinioni

Italiani razzisti o semplicemente stufi dei ‘vu cumprà’?

Creato il 12 agosto 2014 da Freeskipper @freeskipperIT
Italiani razzisti o semplicemente stufi dei ‘vu cumprà’?L’incubo degli automobilisti ai semafori si chiama “lavavetri”, in spiaggia “vu’ cumprà”! A volte sono simpatici, e questo capita assai raramente. Ma molto più spesso sono insolenti, fastidiosi, maleducati e invadenti. E poi sono tanti, tanti, troppi! Uno sciame infinito intorno all’auto ferma al semaforo, tanto che a volte verrebbe voglia di passare col rosso! Una processione infinita di venditori ambulanti che passa stracarica di mercanzie sotto l’ombrellone. E poi te li ritrovi pure al supermercato: all’ingresso a elemosinare il resto, al parcheggio per riportare il carrello della spesa nei box e tenersi la moneta, o addirittura alle casse a riversare i prodotti acquistati nella sporta! A volte sono simpatici, taluni fanno pure tenerezza. Altri rabbia e sono davvero “insopportabili”!!! Ma poiché siamo un Paese di bacchettoni che si scandalizza per le frasi di Tavecchio e poi lo nomina presidente della Federcalcio, siccome sulla carta siamo una società multietnica che integra persone di culture diverse ed un popolo di ecologisti votato al green, ma fino a quando certi sbarchi o talune discariche esistono al di là dei nostri confini domestici, e considerata la nostra indole cristiana siamo pure gente ipocrita che con una mano si batte il petto e con l’altra arraffa tutto ciò che c’è d’acchiappare. Non c’è da stupirsi se poi a denunciare certi “fatti” si rischia di essere tacciati di “razzismo”! Quindi, va da sè che sia scoppiata la polemica tutta mediatica sulle parole di Angelino Alfano. Il ministro dell'Interno, in occasione della presentazione dell'operazione Spiagge sicure, ha detto: "Credo che tutti gli italiani siano parecchio stanchi di essere insolentiti dai vu' cumpra' nelle spiagge". Una frase condivisa da milioni di italiani, che però ha scatenato una pioggia di reazioni contro il titolare del Viminale, suscitando anche la reazione del Pd, che attraverso il deputato Dario Ginefra, invoca "tolleranza zero per le espressioni a sfondo razzista". Ancora più dura l'ex deputata di Sel, ora nelle file di Led, Ileana Piazzoni: "Garantire la sicurezza e la legalità è compito dello Stato, così come la tutela di una cultura di accoglienza e antirazzista. Per questo, in attesa di conoscere nel dettaglio le misure a tutela della serenità dei bagnanti, non posso che constatare come il ministro Alfano sia venuto meno a uno dei suoi compiti fondamentali". E intanto che lo Stato si decida, una volta per tutte, a legiferare in materia, ci si organizza ognuno per conto proprio. C’è chi si ferma al semaforo rosso col parabrezza tirato a lucido oppure frena una decina di metri prima dello stop per poi ripartire all’avvicinarsi del “lavavetri”. E c’è chi, addirittura, si mette in spiaggia sotto l’ombrellone armato di occhiali, collanine, braccialetti, asciugamani, tappeti, pareo e ogni altra mercanzia tanto da trasformare quel fazzoletto di spiaggia in un gazebo con piantato accanto all’ombrellone un cartello con su scritto: vu cumprà?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :